PRESSEPORTAL Presseportal Logo
Tous Actualités
Suivre
Abonner comparis.ch AG

15.12.2020 – 00:31

comparis.ch AG

Comunicato stampa: Coronavirus: per il 2020 gratifiche cancellate soprattutto ai redditi medi

Comunicato stampa: Coronavirus: per il 2020 gratifiche cancellate soprattutto ai redditi medi
  • Informations
  • Download

Un document

Comunicato stampa

Sondaggio rappresentativo di Comparis sulle gratifiche natalizie

Coronavirus: per il 2020 gratifiche cancellate soprattutto ai redditi medi

I lavoratori dipendenti attendono con trepidazione la gratifica natalizia. Normalmente circa un terzo degli impiegati riceve un bonus, ma a fine novembre 2020 appena uno su quattro aveva ottenuto una gratifica dal datore di lavoro. La gratifica natalizia verrà cancellata soprattutto a chi ha un reddito medio tra 4'000 e 8'000 franchi. Questo è quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di Comparis. Il taglio sarebbe motivato innanzitutto dall'annata negativa e dal coronavirus.

Zurigo, 15 dicembre 2020 - Poco più di un terzo di tutti i lavoratori dipendenti riceve di solito, oltre al salario, una gratifica dal datore di lavoro sotto forma di 14ª mensilità o di bonus. Quest'anno la crisi economica legata al coronavirus ha mandato all'aria molti piani. Lo dimostra un sondaggio rappresentativo del servizio di confronto online comparis.ch.

I motivi del taglio: situazione economica negativa e coronavirus

A fine novembre, solo il 24,4% dei lavoratori dipendenti dichiarava di aver già ricevuto o di dover comunque ricevere un bonus per il 2020. Già a quella data, poi, il 63,2% degli intervistati sapeva con certezza che sarebbe rimasto a mani vuote: più o meno la stessa percentuale di quelli che nel 2019 non avevano ricevuto alcuna gratifica (64,1%). Nel penultimo mese di questo 2020, poi, il 12,4% era ancora nell'incertezza.

"Se a un lavoratore non è ancora stato annunciato alcun bonus, c'è da aspettarsi che non riceverà alcuna gratifica per quest'anno", spiega Michael Kuhn, esperto Comparis di finanze e consumo. Questa previsione deriva dal fatto che il 54,4% dei lavoratori dipendenti che nel 2019 avevano ottenuto un bonus e nel 2020 non lo riceveranno, ha indicato la "situazione economica negativa" o il "coronavirus" come causa della rinuncia al pagamento di gratifiche per il 2020.

Colpiti principalmente i redditi medi

Tra i lavoratori dipendenti con un reddito superiore a 8'000 franchi al mese, la percentuale di chi riceverà un bonus è la più alta. In questa fascia di reddito, lo scorso anno era stato il 38,2% a ricevere una gratifica. A fine novembre, la percentuale dei lavoratori certi di non ricevere alcun bonus era pari a quella dell'anno precedente (61,3%). Una gratifica, invece, è stata concessa solo al 29,0%.

In proporzione, comunque, i più colpiti sono i lavoratori dipendenti con redditi medi, vale a dire tra i 4'000 e gli 8'000 franchi al mese. A fine novembre, infatti, già il 67,9% degli intervistati in questa fascia di reddito dichiarava che non avrebbe ricevuto alcun bonus dal suo capo (con un aumento di 3,4 punti percentuali rispetto al 2019). Solo il 23,3%, poi, sapeva che avrebbe ricevuto un pagamento extra su base volontaria. Lo scorso anno, tra i redditi medi la percentuale di chi ha ottenuto una gratifica era del 35,5%.

"Tra i redditi alti, il bonus è spesso parte integrante del salario. Per i redditi medio-bassi, invece, la situazione è un po' diversa. Qui si taglia più facilmente in tempi di crisi", dichiara Kuhn.

Gratifiche meno frequenti fra le donne

In fatto di gratifiche si allarga il già presente gender gap. Lo scorso anno, a ricevere un bonus sono stati il 26,2% delle impiegate donne e il 42,5% degli uomini. La percentuale degli uomini che a fine novembre 2020 ha ricevuto una conferma definitiva del pagamento di un bonus è del 33,1%; fra le donne, invece, è la metà (15,7%). Per entrambi i sessi la percentuale dei "No" è simile a quella dello scorso anno, mentre si registra un'incertezza leggermente maggiore tra le donne (14,6% contro il 10,2% degli uomini).

Metodologia

Il sondaggio rappresentativo è stato condotto a fine novembre dall'istituto di ricerche di mercato Innofact, su incarico di comparis.ch, e ha coinvolto 1'044 persone, di cui 651 lavoratori dipendenti, in tutte le regioni della Svizzera.

Maggiori informazioni
Michael Kuhn
Esperto di finanze e consumo presso Comparis
Telefono: 044 360 53 91
E-mail: media@comparis.ch
comparis.ch



Chi è comparis.ch
Con oltre 100 milioni di visite all'anno, comparis.ch è uno dei siti web svizzeri più utilizzati. La ditta confronta tariffe e prestazioni di casse malati, assicurazioni, banche e gestori di telefonia e presenta la più grande offerta online di auto e immobili in Svizzera. Grazie ad ampi confronti e valutazioni esaustive, Comparis porta trasparenza sul mercato, rafforzando così il potere decisionale dei consumatori. Fondata nel 1996 dall'economista Richard Eisler, l'impresa con sede a Zurigo oggi conta circa 180 dipendenti.