PRESSEPORTAL Presseportal Logo
Tous Actualités
Suivre
Abonner Swissmem

26.08.2020 – 10:00

Swissmem

Industria MEM: drastico crollo del fatturato e delle commesse

ZurigoZurigo (ots)

Gli effetti della pandemia del Coronavirus hanno provocato per l'industria metalmeccanica ed elettrica (MEM) un drastico crollo. Nel secondo trimestre del 2020, i nuovi ordini sono diminuiti del -19,5% su base annua, le vendite del -19,7% e le esportazioni del -24,6%. Nel complesso, a metà anno la situazione dell'industria MEM svizzera è tetra. Tuttavia, a seconda del segmento di mercato, la situazione per le singole aziende si presenta in modo molto diverso. Le prospettive a breve termine lasciano poco spazio all'ottimismo. Swissmem teme che nei prossimi dodici mesi ci saranno importanti tagli di posti di lavoro. Per superare con successo la crisi, è fondamentale che, per quanto riguarda la politica commerciale, la Svizzera rimanga aperta e collegata in rete. Il mercato interno è troppo piccolo per garantire un futuro a tutte le aziende MEM in Svizzera. Inoltre, i nuovi accordi di libero scambio devono essere utilizzati per creare ulteriori opportunità di mercato. Per questo motivo, gli accordi con l'Indonesia e il Mercosur devono essere approvati dal Parlamento e, se necessario, dal popolo.

Il Lockdown imposto in quasi tutto il mondo a seguito della pandemia del Coronavirus sta avendo un impatto enorme sull'industria MEM svizzera. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, nel corso del secondo trimestre 2020 le nuove commesse sono diminuite mediamente del -19,5%. Considerando l'intero primo semestre del 2020, i nuovi ordini sono diminuiti del -10,2%. Il quadro è simile per le vendite. Nel secondo trimestre del 2020 il fatturato è diminuito del -19,7% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Per l'intero primo semestre dell'anno sono diminuiti del -12,9%. Le grandi imprese e le PMI hanno subito mediamente lo stesso crollo. Tuttavia, le singole aziende sono interessate in modo molto diverso, a dipendenza del segmento di mercato.

Lo sviluppo negativo si ripercuote anche sull'utilizzo della capacità produttiva degli impianti. Nel secondo trimestre del 2020 è stato pari all'80,9%, valore nettamente inferiore al valore medio dell'86,4% calcolato sul lungo termine. Stando all'ultimo sondaggio del KOF, a luglio si situava a soli 77%. Questo significa che l'utilizzo della capacità produttiva è sceso ai livelli della crisi finanziaria del 2009.

Nel secondo trimestre del 2020, 319.600 persone erano attive nell'industria MEM. Rispetto al primo trimestre sono 3.200 unità in meno. Tuttavia, è più probabile che il motivo di questo declino sia dovuto al fatto che la situazione nelle aziende MEM era già tesa prima del lockdown e che si era già iniziato a tagliare questi posti di lavoro. È indubbio che nei prossimi mesi gli effetti della pandemia avranno ulteriori conseguenze sul numero di dipendenti dell'industria MEM.

Nel primo semestre del 2020 le esportazioni di beni dell'industria MEM hanno raggiunto un valore di 28,9 miliardi di franchi. Questo dato è inferiore del -16,4% rispetto allo stesso semestre dello scorso anno. Nel solo secondo trimestre le esportazioni sono diminuite del -24,6% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Da un punto di vista regionale, nel primo semestre dell'anno le esportazioni verso l'UE sono diminuite del -18,5%, verso gli USA del -15,4% e verso l'Asia del -10,6%. Tutti i gruppi di prodotti sono stati colpiti dal declino, anche se in misura molto diversa. Le esportazioni nel settore delle macchine sono diminuite del -17,0% (le sole macchine utensili addirittura del -34,2%), i metalli del -16,4%, gli strumenti di precisione del -13,7% e l'elettrotecnica / elettronica del -11,9%.

Stabilizzazione a un livello basso

Per l'industria MEM, la situazione era già tesa prima della pandemia del Coronavirus. Le conseguenze del Lockdown hanno rafforzato in modo sensibile la tendenza negativa. Dall'inversione di tendenza del 2018, le commesse per il settore MEM hanno avuto un'evoluzione negativa per otto trimestri consecutivi. Quanto sia stato drammatico il crollo generale lo si può evincere dal livello dell'indice per gli ordini in entrata: dalla metà del 2018 il settore ha perso il 35,1% del volume delle commesse. Per quanto riguarda gli ordini dall'estero, che attualmente rappresentano il 75% del totale, il volume è attualmente addirittura inferiore del 42,6% rispetto a metà 2018. Un ulteriore fattore aggravante è che l'Euro rimane notevolmente sottovalutato rispetto al franco svizzero. Negli ultimi tre mesi anche il dollaro USA ha perso terreno rispetto al franco svizzero. Entrambi questi fattori esercitano una forte pressione sui margini aziendali.

Le prospettive a breve termine non consentono un grande ottimismo e sono caratterizzate da grande incertezza. Di recente, la percentuale di imprenditrici e imprenditori MEM che prevedono per i prossimi dodici mesi un aumento delle commesse dall'estero è aumentata dal 10% nel primo trimestre al 22%. Per contro, il 51% degli imprenditori teme che la situazione degli ordini peggiori ulteriormente (T1/2020: 70%).

L'indice dei responsabili degli acquisti (PMI) lascia ben sperare. A livello mondiale, il PMI si è ripreso un po' ovunque. Dopo il drammatico crollo primaverile, gli attuali valori del PMI rappresentano soprattutto una stabilizzazione a un livello basso. Non promettono ancora una particolare dinamica di crescita. Stefan Brupbacher, direttore di Swissmem, è molto preoccupato: "La situazione per l'industria MEM svizzera è tetra e vige grande incertezza in molti mercati di vendita. Per la maggior parte delle aziende, non è prevista una graduale ripresa fino al prossimo anno. È probabile che la natura della ripresa varierà molto a seconda della posizione di partenza, dei mercati di vendita e dei segmenti. Le aziende sono quindi costrette ad adeguare la loro base dei costi alle nuove realtà. Di conseguenza, temiamo che nei prossimi dodici mesi vi sarà un significativo taglio di posti di lavoro."

Sulla scia della pandemia del Coronavirus, la resilienza delle catene di approvvigionamento assumerà un'importanza ancora maggiore. Le aziende industriali le stanno attualmente esaminando in tutto il mondo. L'industria MEM svizzera dispone di un'importante carta vincente. Ha dimostrato di saper applicare in modo coerente i concetti di protezione dal Coronavirus. Con il numero di casi in aumento, è necessario che queste conoscenze vengano incluse nella discussione sulle contromisure da adottare. Brupbacher commenta: "A livello internazionale si sente chiaramente l'impegno della Confederazione e dei Cantoni affinché le aziende industriali attive sul territorio possano continuare a produrre anche in caso di un nuovo peggioramento della pandemia del Coronavirus. Questo rafforza le nostre aziende e la piazza economica Svizzera nella costante revisione delle catene internazionali di approvvigionamento ".

Apertura e nuovi accordi di libero scambio come ricetta

Negli ultimi anni le aziende MEM svizzere hanno superato diverse crisi. Per poter avere nuovamente successo, è tra l'altro necessario che il corso della politica commerciale sia impostato correttamente. Gli attuali frequenti richiami alla rilocalizzazione della produzione trasferita all'estero e alla preferenza dei prodotti indigeni sarebbero l'approccio sbagliato sia per l'industria svizzera orientata all'esportazione che per diversi altri settori. Il mercato interno svizzero è troppo piccolo per garantire un futuro e un reddito alle aziende MEM e ai loro oltre 320'000 dipendenti. Hans Hess, presidente di Swissmem, è convinto: "L'unico modo per garantire il benessere e l'occupazione in Svizzera è il successo duraturo sui mercati mondiali. La Svizzera deve quindi rimanere aperta e collegata in rete globalmente".

Gli accordi di libero scambio (ALS) possono creare ulteriori opportunità di mercato per l'industria MEM. Uno studio commissionato da Swissmem alla BAK Economics relativo a tutti gli ALS conclusi dalla Svizzera conclude che a quattro anni dall'entrata in vigore di tutti gli ALS, le esportazioni MEM sono cumulativamente superiori del 19% rispetto a quanto sarebbero state senza questi accordi. Ciò a dimostrazione che gli ALS contribuiscono in modo significativo alla creazione di valore e di posti di lavoro nell'industria MEM.

Con l'Indonesia e il Mercosur sono pronti due ALS completamente negoziati. Sono inoltre aperti i negoziati con l'India e con altri Stati del Sud-Est asiatico. In questo caso è necessario uno sforzo particolare per garantire che, il più presto possibile, si arrivi a una loro conclusione. Inoltre, si dovrebbe fare tutto il possibile per garantire che possano iniziare le trattative con gli Stati Uniti. Purtroppo, è stato realizzato il referendum contro l'accordo con l'Indonesia. È inoltre stato annunciato un referendum anche contro l'ALS con il Mercosur. Swissmem si impegnerà con veemenza a favore di questi accordi durante la campagna referendaria.

Contatto:

Ivo Zimmermann, responsabile comunicazione
Tel. +41 44 384 48 50 / Mobile +41 79 580 04 84
E-Mail i.zimmermann@swissmem.ch

Philippe Cordonier, Responsabile Svizzera romanda
Tel. +41 21 613 35 85 / Mobile +41 79 644 46 77
E-Mail p.cordonier@swissmem.ch