PRESSEPORTAL Presseportal Logo
Tous Actualités
Suivre
Abonner ACS Automobil Club der Schweiz

18.08.2020 – 11:54

ACS Automobil Club der Schweiz

ACS lancia un nuovo corso di sicurezza stradale per l'inizio della scuola

ACS lancia un nuovo corso di sicurezza stradale per l'inizio della scuola
  • Informations
  • Download

BernaBerna (ots)

L'Automobile Club Svizzero (ACS) aggiorna la sua offerta in materia di educazione stradale e la prepara per il Piano di studio per la Svizzera romanda. I metodi e i contenuti degli strumenti didattici e di apprendimento sono appositamente concepiti per le attuali esigenze di partecipazione sicura alle dinamiche della circolazione stradale. Un valido aiuto è fornito dal merlo bianco dell'ACS, un adorabile esperto della circolazione stradale di nome Eddie a misura di bambino.

Già dagli anni Settanta ogni bambino in età scolare svizzero conosce il principio guida: "aspetta, guarda, ascolta, e poi va". Applicarlo non è tuttavia più così semplice, in quanto "ascolta" rischia di non essere più attuale per via del ridottissimo rumore prodotto dalle auto elettriche. Questo è solo uno dei tanti progressi tecnologici con cui oggi ci si deve confrontare nell'elaborazione dell'offerta didattica per la formazione dei bambini in materia di educazione stradale.

La sicurezza stradale è ora parte integrante della didattica

L'ACS ha rielaborato il concetto alla base del corso di sicurezza stradale per le scuole, rendendolo attuale sia nel metodo sia nei contenuti visivi. Il punto cruciale risiede ora nella strutturazione delle competenze e non più nella loro mera trasmissione. Ecco perché sorgono approcci didattici inediti, mirati ad esempio a promuovere nei più piccoli lo sviluppo di un proprio metodo di orientamento spaziale o l'individuazione di interazioni e norme della circolazione stradale. I contenuti non sono cambiati: i bambini delle scuole devono saper individuare i pericoli della circolazione stradale, conoscerne le regole e sapersi comportare di conseguenza.

Un lavoro di gruppo

L'intero concetto formativo dell'ACS poggia sull'idea di un lavoro di gruppo composto da tre elementi: i genitori, i docenti e gli istruttori d'educazione stradale della Polizia svizzera. Al centro c'è il bambino.

Il lavoro portato avanti da decenni dalla Polizia nelle nostre scuole deve ora essere integrato dai docenti. Il Piano di studio per la Svizzera romanda li coinvolge demandando loro l'insegnamento di discipline come la sicurezza stradale e la mobilità. Le lezioni gratuite ed esaurienti dell'ACS consentono ai docenti di preparare e successivamente di integrare in maniera ottimale il corso di sicurezza stradale condotto dalla Polizia.

Il ruolo fondamentale dei genitori

Mentre i bambini vengono formati nelle scuole grazie alla collaborazione con la Polizia, i genitori sono chiamati a prestare il loro contributo in qualità di primi modelli da seguire. L'ACS consiglia ai genitori di permettere ai bambini di recarsi a scuola a piedi, rinunciando ad accompagnarli in auto. Il percorso verso la scuola è fondamentale per la crescita dei ragazzi per diversi motivi, non ultimo ad esempio lo sviluppo delle loro attitudini sociali. Mentre vanno a scuola i bambini forgiano amicizie, si scambiano esperienze, imparano a rispettarsi a vicenda e la scuola offre loro inoltre anche un regolare movimento all'aria aperta. Genitori, docenti e altre persone che si prendono cura dei bambini possono trovare materiali gratuiti, facili e divertenti su www.acs.ch/formazione.

I grandi sono sempre un esempio

Che lo si desideri o meno, chi ha ormai concluso il periodo scolastico costituisce un modello per i più piccoli. I bimbi guardano ai grandi e ne imitano i comportamenti corretti e quelli sbagliati. È proprio nel periodo dopo le lunghe vacanze estive, quando la scuola riprende e le regole di comportamento non sono state ancora completamente assimilate o sono passate nel dimenticatoio, che si dovrebbe prendere maggiormente coscienza di questo. I bambini imparano ad attraversare la strada solo quando i veicoli sulle strisce pedonali sono completamente fermi. Apprendono a non fidarsi dei segni con la mano fatti dai conducenti di veicoli che si avvicinano lentamente al passaggio pedonale. Sanno che per raggiungere l'altro lato della strada devono prima dare un'ulteriore occhiata di controllo a destra.

Il merlo bianco ha ora un nome: Eddie

Il merlo dell'ACS è al fianco degli allievi con le sue istruzioni all'insegna della sicurezza già dal 1956. Ora ha anche un look del tutto nuovo. Di nome Eddie, fornisce informazioni in modo calmo e spiritoso - se necessario anche con fermezza e rigore, poiché il suo obiettivo è eliminare gli incidenti. Il modello ispirato al mondo animale accompagna gli allievi durante il corso di sicurezza stradale ed è presente negli ausili didattici come personaggio divertente o anche come mascotte di peluche. All'insegna del motto e del label della campagna, ovvero "Attenti, pronti, sicuri!" trasmette ai bambini tutte le sue competenze fino a renderli esperti della circolazione stradale.

Potete trovare le foto qui sotto:

https://www.dropbox.com/sh/p89jzydnlbfpje6/AAAMECbNqDMAGXG8PsaaHkPEa?dl=0

Pressekontakt:

Contatto per i media
Anita Brechtbühl, Responsabile della sicurezza stradale ACS
+41 31 328 31 11 / anita.brechtbuehl@acs.ch