PRESSEPORTAL Presseportal Logo
Tous Actualités
Suivre
Abonner SBV Schweiz. Baumeisterverband

25.02.2021 – 11:00

SBV Schweiz. Baumeisterverband

Società degli Impresari-Costruttori: Retrospettiva annuale dell'economia edile: Calo del fatturato del 5.8 per cento nel settore principale della costruzione nel 2020

Zurigo (ots)

Nel 2020, il settore principale della costruzione ha raggiunto un fatturato di 19,5 miliardi di franchi (-5,8% rispetto all'anno precedente). Con la loro richiesta di chiudere i cantieri, i sindacati della Svizzera francese hanno inutilmente mandato diverse migliaia di dipendenti in regime di lavoro ridotto. Poiché in molti Cantoni è stato assegnato un numero nettamente inferiore di appalti pubblici, il fatturato previsto di 19,8 miliardi di franchi per il 2021 dipende in gran parte dal fatto se i costruttori pubblici attuano il piano in cinque punti della costruzione. Questo è quanto emerge dall'inchiesta trimestrale della Società Svizzera degli Impresari-Costruttori, che è stata presentata giovedì in una conferenza stampa. Ciò è stato completato dell'Indice costruzione Svizzera del Credit Suisse e della SSIC, che fornisce una panoramica più dettagliata delle previsioni congiunturali della costruzione nel 2021.

Il settore principale della costruzione sostiene l'economia svizzera

Il settore principale della costruzione ha saputo mantenere il suo ruolo di pilastro portante dell'economia svizzera. Il fatturato nel 2020 è stato di 19,5 miliardi di franchi. Con un -5,8% al di sotto del livello dell'anno precedente, il settore delle costruzioni se l'è cavata meglio di molti altri settori. Se tutti gli attori del settore avessero remato nella medesima direzione, il settore principale della costruzione avrebbe reso ancora più giustizia a questa affermazione.

Molti dipendenti si trovano inutilmente in regime di lavoro ridotto oppure in disoccupazione

Il primo Cantone a essere colpito dalla pandemia è stato il Ticino, nel marzo 2020. La SSIC era chiaramente dell'opinione che nel resto della Svizzera dovevano essere chiusi solo i cantieri sui quali non era possibile rispettare le regole di igiene e di distanza. I controlli della Suva confermano che oltre il 97% dei cantieri operano nel rispetto delle regole.

Nella primavera del 2020, quando i sindacati hanno chiesto una chiusura a livello nazionale dei cantieri, si è manifestata una grande irritazione nel settore. Purtroppo, alcuni Cantoni della Svizzera francese hanno ceduto a questa richiesta. Il bilancio di questa misura è impressionante: nella Svizzera francese, il fatturato è calato del 12% rispetto all'anno precedente, mentre nella Svizzera tedesca solo del 3%. Dalla chiusura dei cantieri richiesta dai sindacati è conseguito il fatto che fino a 10'000 persone nella Svizzera francese fossero inutilmente mandate in regime di lavoro ridotto e diverse centinaia di dipendenti entrassero in disoccupazione. Ad oggi, non ci sono prove che questo abbia fornito un contributo al contenimento della pandemia.

Nel 2021 sono di nuovo necessari più appalti pubblici

L'indice costruzione Svizzera, lo strumento di previsione di Credit Suisse e della Società Svizzera degli Impresari-Costruttori prevede un fatturato di 19,8 miliardi di franchi nel 2021. Il 2020 è stato l'anno più debole degli ultimi cinque anni dal punto di vista della costruzione. Ci sono indicazioni che le vendite aumenteranno di nuovo leggermente nel 2021, ma che saranno più basse rispetto a prima della pandemia da coronavirus. Tuttavia, se l'atteso trend positivo effettivamente si concretizzerà dipenderà anche dal fatto se le autorità siano all'altezza della loro responsabilità e pianifichino, approvino e realizzino i loro progetti di costruzione con lo sforzo necessario. Questo perché nel 2020 gli appalti pubblici sono diminuiti nella maggior parte dei Cantoni, anche se lo Stato avrebbe dovuto fare gli investimenti necessari, per alcuni il finanziamento erano già stato approvato, soprattutto in questi tempi difficili. Nell'importante settore del genio civile pubblico sono stati assegnati il 3,4% in meno di appalti e le riserve di lavoro sono scese del 2,5%. Sfortunatamente, si è anche notato che le licenze per le domande di costruzione private sono state elaborate da parte delle autorità con ritardi - apparentemente a causa del telelavoro.

Invitiamo quindi i committenti pubblici ad attuare subito il piano in cinque punti della SSIC e Infra Suisse. Questo significa che le domande di costruzione dovrebbero essere valutate rapidamente e l'avvio della costruzione dei progetti pronti dovrebbe essere accelerato. Inoltre, la Confederazione, i Cantoni e i Comuni dovrebbero attuare il cambiamento di paradigma per quanto riguarda gli appalti pubblici, anche se non tutti i dettagli sono già stati chiariti. Invece di assegnare le offerte al prezzo più basso, i progetti dovrebbero essere assegnati, a prezzi equi, ai fornitori che offrono la migliore qualità. In questo modo, il settore delle costruzioni continuerà a essere un pilastro importante dell'economia svizzera anche nel 2021.

Ai seguenti link sono illustrate le valutazioni dettagliate:

- Inchiesta trimestrale: http://ots.ch/mn9F3D

- Indice costruzioni: http://ots.ch/RLIelL

Contatto:

Gian-Luca Lardi, presidente centrale SSIC
Tel.: +41/79'226'19'64
E-Mail: gllardi@baumeister.ch

Matthias Engel, portavoce SSIC
Tel.: +41/78/720'90'50
E-Mail: mengel@baumeister.ch

Fabian Waltert, Credit Suisse, Swiss Real Estate Economics
Tel.: +41/44/333'25'57
E-Mail: fabian.waltert@credit-suisse.com

Plus de actualités: SBV Schweiz. Baumeisterverband
Plus de actualités: SBV Schweiz. Baumeisterverband