SBV Schweiz. Baumeisterverband

Società Svizzera degli Impresari-Costruttori: Giornata della costruzione - "La concorrenza leale deve essere il principio guida nel lavoro quotidiano" afferma il presidente degli impresari-costruttori

Zugo (ots) - Il settore della costruzione vuole una concorrenza libera e leale. Con questo messaggio Gian-Luca Lardi, presidente della Società Svizzera degli Impresari-Costruttori SSIC, si è rivolto alle imprese edili in occasione della Giornata della costruzione svoltasi a Zugo. Lardi ha però anche delle aspettative nei confronti della politica. Rafforzando il criterio di qualità nella revisione degli appalti pubblici, i politici stanno creando importanti condizioni quadro per una concorrenza leale. Altri momenti salienti dell'evento di Zugo sono stati la conferenza del Consigliere federale Ignazio Cassis e il benvenuto su video dallo sciatore Beat Feuz come ambasciatore della professione edile.

Venerdì 29 giugno 2018, alla Bossard Arena di Zugo, si è svolta la Giornata della costruzione con le assemblee generali della Società Svizzera degli Impresari-Costruttori e della Società commerciale per i materiali da costruzione HG Commerciale e che ha visto la partecipazione di circa 560 persone. Facendo il punto della situazione, il presidente degli impresari-costruttori, Gian-Luca Lardi, ha sottolineato che la missione dell'associazione, con il suo impegno per una "concorrenza libera e leale", deve essere un principio guida nel lavoro quotidiano per gli impresari-costruttori. La SSIC vuole continuare a lavorare in questa direzione. "Insieme a partner dell'intero settore delle costruzioni, vogliamo sviluppare strumenti di compliance che ci facciano evolvere", ha spiegato Lardi.

Prezzo e qualità degli appalti pubblici

Una concorrenza leale e libera richiede tuttavia anche condizioni quadro politiche adeguate. "Il rischio di accordi è minimizzato se il prezzo da solo non decide l'aggiudicazione. Con le decisioni del Consiglio nazionale sulla revisione degli acquisti pubblici, vedo finalmente la luce in fondo al tunnel", ha dichiarato Gian-Luca Lardi. Si è così potuto spezzare il circolo vizioso delle offerte-dumping orientate esclusivamente al prezzo, spesso troppo basso.

Il settore della costruzione si trova ad affrontare la sfida dell'aumento dei tassi di interesse

I tassi d'interesse sono decisivi per lo sviluppo del settore edile. Un sensibile aumento dei tassi d'interesse colpirebbe duramente il settore delle costruzioni. "Un cambiamento del corso scuoterebbe il nostro settore", ha avvertito Lardi. Ciò rende ancora più importante per le imprese di costruzione affrontare le sfide in modo proattivo e con lungimiranza. Il settore delle costruzioni deve diventare più competitivo, sia in termini di processi che di condizioni di lavoro. "Abbiamo bisogno di un contratto collettivo di lavoro competitivo per mantenere i posti di lavoro a livello nazionale. Dobbiamo perseguire questo obiettivo come obiettivo comune con le nostre parti sociali", ha affermato Lardi.

Consigliere federale Ignazio Cassis: «importanza di relazioni stabili e prevedibili con l'UE»

L'oratore principale è stato il Consigliere Federale Ignazio Cassis, capo del Dipartimento federale degli affari esteri DFAE. La partecipazione del ministro degli Esteri è stata un grande onore per la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori. Nel suo intervento il Consigliere Federale Ignazio Cassis ha sottolineato l'importanza per la piazza economica svizzera di poter contare su relazioni stabili e prevedibili con l'Unione europea. Ha ricordato che un franco su tre guadagnato in Svizzera è legato al commercio con l'UE e ciò è decisivo per il mantenimento dei posti di lavoro in Svizzera.

Per la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori è fondamentale che le stesse condizioni di lavoro si applichino agli offerenti nazionali ed esteri. La protezione contro il dumping salariale e il lavoro in nero garantita oggi dalle misure di accompagnamento sulla libera circolazione delle persone deve rimanere all'attuale livello elevato. Da un punto di vista giuridico, la Società degli Impresari-Costruttori non sottostà alla "regola degli 8 giorni", ma condivide l'opinione che le opportunità di miglioramento debbano essere sfruttate. Tuttavia, l'attuale livello di protezione non deve essere compromesso.

IMMAGINI DA SCARICARE: (accessibile dalle 17.00 ca.)

   - Consigliere federale Ignazio Cassis: 
  http://www.baumeister.ch/images/5_Medien/K-18-06-29-Cassis.jpg
   - Sciatore e nuovo ambasciatore delle professioni edili Beat Feuz:
  http://www.baumeister.ch/images/5_Medien/K-18-06-29-Feuz.jpg
   - Gian-Luca Lardi, Presidente centrale della Società Svizzera 
     degli Impresari-Costruttori: 
  http://www.baumeister.ch/images/5_Medien/K-18-06-29-Lardi.jpg 

Ulteriori informazioni sulla Giornata della costruzione: Comunicato stampa "La stella dello sci Beat Feuz è l'ambasciatore della professione edile": https://www.presseportal.ch/de/pm/100051907/100817453?langid=4

Discorso "Punto della situazione di Gian-Luca Lardi": http://ots.ch/hb9qnC (PDF)

Contatto:

Gian-Luca Lardi, presidente centrale SSIC
Mobile: +41/79/226'19'64
E-Mail: gllardi@baumeister.ch

Benedikt Koch, direttore SSIC
Mobile: +41/79/622'09'40
E-Mail: bkoch@baumeister.ch

Bernhard Salzmann, vice-direttore SSIC
Mobile: +41/78/762'45'31
E-Mail: bsalzmann@baumeister.ch



Plus de communiques: SBV Schweiz. Baumeisterverband

Ces informations peuvent également vous intéresser: