Tous Actualités
Suivre
Abonner comparis.ch AG

08.09.2020 – 00:31

comparis.ch AG

Comunicato stampa: A causa del coronavirus i premi di cassa malati gravano pesantemente sulle economie domestiche svizzere

Un document

Comunicato stampa

Analisi di Comparis: i premi di cassa malati nel contesto del coronavirus

A causa del coronavirus i premi di cassa malati gravano pesantemente sulle economie domestiche svizzere

Lavoro ridotto e disoccupazione in aumento: la crisi del coronavirus impatta fortemente sul reddito di molte famiglie svizzere. Si fa quindi sentire maggiormente l’onere finanziario derivante dai premi di cassa malati: di fatto, nel peggiore dei casi un’economia domestica si trova a dover spendere fino al 16% in più per i premi dell’assicurazione di base, come mostra un’analisi di Comparis. «Con un aumento medio dell’1% previsto per il prossimo anno, i premi di cassa malati andranno a gravare pesantemente su molte famiglie che, a causa del coronavirus, già hanno meno denaro a disposizione», avverte Felix Schneuwly, esperto di assicurazione malattia presso Comparis.

Zurigo, 8 settembre 2020 – In base all’indagine della Confederazione sul budget delle economie domestiche*, ai premi di assicurazione malattia è destinato in media il 6,2% delle spese delle famiglie svizzere. Già in condizioni normali sono quindi una voce di spesa fissa non indifferente.

Con il coronavirus, però, per milioni di svizzeri è nettamente aumentato la pressione dei premi: centinaia di migliaia di persone, infatti, si trovano ancora in lavoro ridotto. E a causa del Covid-19, la disoccupazione in Svizzera è salita a oltre il 3%. Nel peggiore dei casi, tenendo conto della riduzione dello stipendio del 20-30%, in proporzione il carico dei premi è aumentato fino a raggiungere anche il 16% del reddito lordo. Questo è quanto emerge da un’analisi del portale di confronto online Comparis.

Oggetto dell’indagine era il carico dei premi per adulti senza copertura infortuni, con il modello Medico di famiglia più diffuso e la franchigia minima a Zurigo, Berna, Bellinzona e Ginevra,con uno stipendio mediano lordo** di 6’538 franchi al mese. In altre parole, metà dei lavoratori guadagna di meno e l’altra metà di più.

Carico dei premi in aumento fino al 16% del reddito lordo

Nelle città di Zurigo, Berna e Bellinzona l’assicurazione di base incide sul reddito per il 7%, a Ginevra invece per l’8%. Per chi è in lavoro ridotto o disoccupato il carico è aumentato di 2 punti percentuali, passando così dal 7 al 9% a Zurigo, Berna e Bellinzona, mentre a Ginevra dall’8 al 10%.

È inoltre molto ampio il divario tra la cassa malati più cara e quella più conveniente nelle varie regioni. La seguente tabella mostra i costi dei premi annuali nel 2020. Con rispettivamente CHF 3’775 e CHF 3’661 sono in particolare Bellinzona e Berna a spiccare in fatto di differenza tra l’assicurazione più costosa e quella più conveniente per regione.

Per chi è in lavoro ridotto con perdite salariali del 20%, nelle città di Berna e Bellinzona l’impatto del premio di cassa malati con la compagnia più costosa è aumentato dall’11 al 14%. I disoccupati che hanno perso il 30% del reddito la percentuale è improvvisamente salita addirittura al 16%.

«Queste cifre dimostrano che anche se i premi aumenteranno solo dell’1%, a causa del coronavirus l’anno prossimo per molte economie domestiche il carico dei premi aumenterà sproporzionatamente perché ci saranno meno soldi a disposizione», spiega Felix Schneuwly, esperto di assicurazione malattia di Comparis. È per questo che, mai come nella situazione attuale, vale la pena di confrontare le casse malati.

I premi aumentano meno della spesa sanitaria

In base alla previsione sulle spese del settore sanitario svolta dal KOF su incarico di Comparis, Schneuwly ritiene che nel 2020 i costi sanitari dovrebbero aumentare di fatto del 3,3%. A suo parere, comunque, con una media dell’1% l’aumento dei premi di cassa malati sarà decisamente inferiore. Il motivo, secondo l’esperto di Comparis, è che «di fronte all’attuale recessione causata dal coronavirus, le compagnie di assicurazione andranno a intaccare una parte delle loro riserve, limitando così l’aumento dei premi.» A fine settembre il Consiglio federale comunicherà i premi dell’assicurazione di base per il prossimo anno. «Il numero delle famiglie che avrà bisogno della riduzione dei premi per far quadrare i conti sarà più elevato», conclude Schneuwly.

Metodologia

Per l’analisi delle singole casse malati è stato utilizzato il confronto online su comparis.ch. I valori medi sono stati calcolati in base ai dati sui premi assicurativi per il 2020 dell’Ufficio federale della sanità pubblica.

* Indagine sul budget delle economie domestiche https://www.bfs.admin.ch/bfs/it/home/statistiche/situazione-economica-sociale-popolazione/rilevazioni/ibed.html

** Mediana del salario lordo https://www.bfs.admin.ch/bfs/it/home/statistiche/lavoro-reddito/salari-reddito-lavoro-costo-lavoro.html

*** Previsione del KOF riguardo alle spese del settore sanitario (disponibile in tedesco, inglese e francese): https://kof.ethz.ch/news-und-veranstaltungen/medien/medienmitteilungen/2019/11/kof-prognose-gesundheitsausgaben-steigende-loehne.html

Maggiori informazioni:
Felix Schneuwly
Esperto di assicurazione malattia
Telefono: 079 600 19 12
E-Mail: media@comparis.ch
comparis.ch


Chi è comparis.ch
Con oltre 100 milioni di visite all’anno, comparis.ch è uno dei siti web
svizzeri più utilizzati. L’azienda confronta tariffe e prestazioni di casse
malati, assicurazioni, banche e gestori di telefonia e presenta la più grande
offerta online di auto e immobili in Svizzera. Grazie ad ampi confronti e
valutazioni esaustive, Comparis porta trasparenza sul mercato, rafforzando così
il potere decisionale dei consumatori. Fondata nel 1996 dall’economista Richard
Eisler, l’impresa con sede a Zurigo oggi conta circa 180 dipendenti.