PRESSEPORTAL Presseportal Logo
Tous Actualités
Suivre
Abonner comparis.ch AG

22.09.2020 – 14:09

comparis.ch AG

Comunicato stampa: "Per paura del coronavirus, molti assicurati potrebbero abbandonare l'idea di una franchigia opzionale"

Un document

Comunicato stampa

Comparis analizza i premi per l’assicurazione di base 2021

«Per paura del coronavirus, molti assicurati potrebbero abbandonare l’idea di una franchigia opzionale»

Nel 2021, i premi dell’assicurazione di base aumenteranno in media solo del 0,5%. Rimane tuttavia molto ampio il divario tra i premi più alti e quelli più bassi nei vari cantoni e nelle regioni di premi. «Data l’emergenza coronavirus saranno in tanti ad avere meno soldi a disposizione. Per loro, l’impatto dei premi sarà comunque notevole», avverte Felix Schneuwly, esperto di assicurazione malattia presso Comparis. La paura di contrarre il coronavirus potrebbe poi far abbandonare a molti assicurati l’idea di scegliere una franchigia opzionale.

Zurigo, 22 settembre 2020 – Dopo il 2019/2020, con il 0,5% il 2020/2021 è il secondo anno consecutivo in cui i premi di cassa malati aumenteranno meno dei costi per le prestazioni mediche assicurate, che salgono a ritmi intorno al 3% annuo. Questo è quanto emerge dall’analisi* effettuata dal KOF (Centro di ricerca congiunturale) su incarico del servizio di confronto online comparis.ch.

Con il coronavirus aumenta per molti assicurati l’impatto dei premi

Gli assicurati che nei sondaggi** si lamentano dei premi di cassa malati troppo elevati sono parecchi. «Data l’emergenza coronavirus saranno in tanti ad avere meno soldi a disposizione. Per loro, l’impatto dei premi sarà comunque notevole», avverte Felix Schneuwly, esperto di assicurazione malattia presso Comparis. Questo è quanto emerge anche da un’analisi*** svolta da Comparis all’inizio di settembre: nel peggiore dei casi un’economia domestica si trova a dover spendere fino al 16% in più per i premi dell’assicurazione di base.

«La paura del contagio da coronavirus potrebbe poi far abbandonare a molti assicurati l’idea di scegliere una franchigia opzionale», è il timore dell’esperto di Comparis. Spesso però gli assicurati non hanno idea di quanto potrebbero risparmiare, oppure sopravvalutano l’impegno richiesto per il confronto e il cambio.

Il forte divario tra i premi rispecchia lo stato delle riserve degli assicuratori

Le cifre relative alle prestazioni mediche coperte dalle casse malati quest’anno indicano cali del fatturato anche forti durante il lockdown a seconda dei fornitori di prestazioni. Considerando tutto l’anno, però, il coronavirus non porterà a una frenata sensibile nell’aumento dei costi.

«I premi possono salire meno dei costi solo se le casse malati vanno a intaccare le loro riserve», spiega Felix Schneuwly, esperto di assicurazione malattia di Comparis, descrivendo in sostanza lo scenario di quest’anno. Nel 2021 i premi dell’assicurazione di base aumenteranno in media del 0,5%, come annunciato oggi dal Consiglio federale.

La maggior parte degli assicuratori malattia si può permettere di intaccare le proprie riserve. A inizio 2020, infatti, le riserve delle casse malati ammontavano complessivamente a oltre 8 miliardi di franchi. «Dato che però non tutte le casse malati sono in buone condizioni economiche, il divario tra i premi più bassi e quelli più alti nei vari cantoni e nelle regioni di premi è molto elevato», osserva Schneuwly. Molto elevato è quindi anche il potenziale di risparmio nell’assicurazione malattia obbligatoria.

Non conta solo il prezzo

Ciò nonostante, la convenienza di un assicuratore non è sempre sinonimo di una qualità del servizio perfetta. È vero infatti che nell’assicurazione di base tutte le casse malati offrono le stesse prestazioni, ma comunque varia la qualità dei servizi. Per esempio, molti degli assicuratori più convenienti fanno anticipare ai loro assicurati i costi per le cure mediche (seguendo il principio del «terzo garante»). «Per questo motivo, e prima di cambiare cassa, agli assicurati che si trovano in ristrettezze economiche si consiglia vivamente di informarsi sulle modalità di fatturazione», raccomanda Schneuwly. Un buon indicatore per la valutazione della qualità di una cassa malati (nuova o diversa) sono i voti sulla soddisfazione dei clienti.

* previsione del KOF sulla spesa sanitaria: https://it.comparis.ch/comparis/press/medienmitteilungen/artikel/2019/krankenkasse/prognose-gesundheitsausgaben-kof/2020-2021

** https://www.srf.ch/radio-srf-1/radio-srf-1/steigende-praemien-schuldenfalle-krankenkasse-brauchts-mehr-praemienverbilligungen

***Analisi di comparis.ch sull’impatto dei premi:

https://it.comparis.ch/comparis/press/medienmitteilungen/artikel/2020/krankenkasse/praemienlast/wird-wegen-corona-groesser

Maggiori informazioni:
Felix Schneuwly
Esperto di assicurazione malattia
Telefono: +41 79 600 19 12
E-Mail: media@comparis.ch
comparis.ch


Chi è comparis.ch
Con oltre 100 milioni di visite all’anno, comparis.ch è uno dei siti web svizzeri più
utilizzati. L’azienda confronta tariffe e prestazioni di casse malati, assicurazioni, banche e
gestori di telefonia e presenta la più grande offerta online di auto e immobili in Svizzera.
Grazie ad ampi confronti e valutazioni esaustive, Comparis porta trasparenza sul mercato,
rafforzando così il potere decisionale dei consumatori. Fondata nel 1996 dall’economista
Richard Eisler, l’impresa con sede a Zurigo oggi conta circa 180 dipendenti.