PRESSEPORTAL Presseportal Logo
Alle Storys
Folgen
Keine Story von SBV Schweiz. Baumeisterverband mehr verpassen.

25.11.2020 – 08:55

SBV Schweiz. Baumeisterverband

Società degli Impresari-Costruttori: Inchiesta trimestrale e indice costruzioni: si sta delineando il livello di fatturato annuo più basso dal 2015

Zurigo (ots)

A causa della pandemia da coronavirus, il settore principale della costruzione ha già perso 1,2 miliardi di CHF di fatturato dall'inizio dell'anno. A ciò si aggiungono i costi per le misure di sicurezza e la minore produttività. Dopo le misure di allentamento che hanno avuto luogo in estate, ora almeno ci sono i primi segnali di una certa stabilizzazione del mercato. Con il Piano in cinque punti, i committenti pubblici sono stati motivati ad accelerare i lavori di pianificazione, le procedure per le licenze edilizie e l'assegnazione degli appalti. Tuttavia, alcuni committenti pubblici sono ancora riluttanti a sostenere l'economia con l'aggiudicazione degli appalti. Sulla base dell'indice costruzione svizzera, pubblicato insieme al Credit Suisse, la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori prevede per quest'anno un fatturato complessivo annuo di circa 19 miliardi di franchi, circa l'7% in meno rispetto al 2019. Questo sarebbe il livello di fatturato più basso dal 2015.

Il coronavirus costa miliardi di franchi al settore principale della costruzione

Se nel 2019 si poteva ancora parlare di un boom del settore principale della costruzione, nell'anno in corso, invece, questo settore ha avuto un notevole rallentamento. Tra gennaio e settembre di quest'anno il settore principale della costruzione ha generato un fatturato inferiore di 1,2 miliardi di franchi rispetto allo stesso periodo del 2019 a causa della pandemia da coronavirus. L'indice costruzioni Svizzera di Credit Suisse e della SSIC prevede per l'ultimo trimestre un'attività edilizia di 4,7 miliardi di franchi. Di conseguenza, per l'intero anno 2020 prevediamo un fatturato di circa 19 miliardi di franchi. Sarebbe circa l'7% in meno rispetto al 2019 e il valore più basso degli ultimi cinque anni.

L'edilizia residenziale e l'edilizia commerciale continuano a registrare un calo del fatturato

Nel terzo trimestre del 2020 il fatturato totale del settore principale delle costruzioni è diminuito dell'11% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il settore dell'edilizia residenziale ha subito una forte correzione nel 2° trimestre, con un drammatico calo del fatturato del 27%, a 1,3 miliardi di franchi svizzeri. Nel frattempo, il suo fatturato nel trimestre in corso è leggermente aumentato a 1,4 miliardi di franchi, ma è ancora in calo del 18% rispetto al terzo trimestre del 2019.

Ciononostante, si possono individuare i primi timidi segnali di ripresa del mercato. Anche i committenti commerciali hanno mostrato una maggiore fiducia tra luglio e settembre, cioè prima della seconda ondata del coronavirus. Hanno conferito più commesse edili (+11%) e hanno riavviato i progetti di costruzione temporaneamente fermi, di modo che il settore dell'edilizia commerciale è riuscito più o meno a stabilizzare il proprio fatturato nel 3° trimestre con un lieve calo del 3%, dopo il significativo calo del fatturato del 17% nel 2° trimestre (rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente).

Quasi il sei per cento in meno di ordini nel settore del genio civile pubblico

È altrettanto incoraggiante che gli appelli del Piano in cinque punti mostrino un certo effetto. Il piano chiede ai committenti pubblici di spianare la strada ai progetti di costruzione senza dover discutere di nuovi crediti. Tuttavia, troppi committenti pubblici continuano ad esitare per quanto attiene all'assegnazione degli appalti. Dall'inizio dell'anno, i nuovi ordini sono ancora al di sotto del 3.5% rispetto al livello dell'anno precedente. Soprattutto nell'importante settore del genio civile pubblico, il calo del 5.5% rimane significativo. Anche in questo caso, gli enti appaltanti cantonali possono ammortizzare l'impatto della recessione e salvaguardare posti di lavoro accelerando i lavori di pianificazione, le procedure per le licenze edilizie e l'assegnazione degli appalti. Ciò significa che i committenti pubblici dovrebbero elaborare e mettere in avanti i contratti già pianificati invece di rallentarli. Devono inoltre trovare il modo di evadere rapidamente le domande di costruzione di edifici privati in modo da non bloccare arbitrariamente i progetti edilizi corrispondenti.

Ai seguenti link sono illustrate le valutazioni dettagliate:

- Inchiesta trimestrale: http://ots.ch/mn9F3D

- Indice costruzioni: http://ots.ch/RLIelL

Contatto:

Bernhard Salzmann, responsabile Politica + comunicazione SSIC
Tel.: +41/78/762'45'31
E-Mail: bsalzmann@baumeister.ch

Matthias Engel, portavoce SSIC
Tel.: +41/78/720'90'50
E-Mail: mengel@baumeister.ch

Fabian Waltert, Credit Suisse, Swiss Real Estate Economics
Tel.: +41/44/333'25'57
E-Mail: fabian.waltert@credit-suisse.com

Weitere Storys: SBV Schweiz. Baumeisterverband
Weitere Storys: SBV Schweiz. Baumeisterverband