PRESSEPORTAL Presseportal Logo
Alle Storys
Folgen
Keine Story von Krebsliga Schweiz mehr verpassen.

14.10.2021 – 13:49

Krebsliga Schweiz

Rapporto «I tumori in Svizzera 2021»: Il crescente numero di «Cancer Survivors» richiede adeguate offerte di follow-up

Il rapporto «I tumori in Svizzera 2021» pubblicato oggi conferma: in Svizzera il numero di persone che vivono con e dopo il cancro aumenta. Secondo le stime dell'Ufficio federale di statistica, nel 2021 i nuovi casi di cancro saranno quasi 50 000. Tuttavia attualmente manca una strategia nazionale contro il cancro. La Lega contro il cancro continua quindi a lavorare assieme a diversi attori per assicurare che la diagnosi precoce, il trattamento e il follow-up delle persone colpite dal cancro siano garantiti in alta qualità e accessibilità in tutta la Svizzera.

Cari operatori dei media

Un uomo su due e una donna su tre sviluppano il cancro nel corso della vita. Secondo le nuove cifre dell'Ufficio federale di statistica (UST) e del Servizio nazionale di registrazione dei tumori (SNRT), una media di 23100 uomini e 19650 donne ricevono ogni anno una diagnosi di cancro. La buona notizia: per molti tipi di cancro ci sono buone prospettive di sopravvivenza. Questo si riflette nell'aumento delle persone che vivono con il cancro: si stima che fino al 2030 in Svizzera il loro numero supererà il mezzo milione.

Guariti ma non sani

Questo sviluppo pone nuove sfide al sistema sanitario in Svizzera, ma anche alla Lega contro il cancro. Infatti i sopravvissuti al cancro - i cosiddetti «Cancer Survivors» - hanno bisogno di servizi di consulenza e cura diversi da quelli dei malati acuti: molti di loro lottano con effetti psichici o fisici tardivi anche anni dopo la malattia, soffrono di danni agli organi e hanno un maggior rischio di secondi tumori.

Offerte professionale di follow-up

Nonostante l’aumento del numero di persone colpite dal cancro, all’interno del sistema sanitario svizzero non ci sono quasi offerte coordinate di assistenza per il periodo successivo al trattamento medico iniziale. La Lega contro il cancro colma questa lacuna con offerte specifiche. Perciò molte leghe contro il cancro regionali e cantonali offrono per esempio una vasta gamma di consulenze e corsi gratuiti per persone ammalate e guarite dal cancro, fornendo anche sostegno per il loro reinserimento nel mondo del lavoro.

Manca una strategia nazionale contro il cancro

Il cancro ha anche un impatto socio-economico sulla popolazione e quindi sulla nostra società. Una persona su cinque che era occupata al momento della diagnosi non lo è più cinque anni dopo. A ciò si aggiungono notevoli costi medici e paramedici, che sono tanto più alti quanto più le persone colpite soffrono di effetti collaterali a lungo termine. Alla luce di questi fatti, è deplorevole che la «Strategia nazionale contro il cancro» adottata dalla Confederazione e dai Cantoni si sia conclusa l'anno scorso senza una prospettiva di rinnovo. Le sfide complesse della lotta contro il cancro non possono essere affrontate efficacemente in futuro senza una cooperazione ben coordinata tra gli attori, compresa la Confederazione e i Cantoni.

Perciò è ancora più importante che attori come la Lega contro il cancro fungano da piattaforma per le persone colpite e il loro ambiente e contribuiscano a migliorare la qualità della vita in tutte le fasi della malattia.

Maggiori informazioni e testimonianze di casi di sopravvivenza al cancro: www.legacancro.ch/il-cancro/la-mia-storia-con-il-cancro/

Consulenza e informazione della Lega contro il cancro

La Lega contro il cancro è un'organizzazione di utilità pubblica e non persegue scopi di lucro. Per 111 anni, essa opera nella prevenzione del cancro, nella promozione della ricerca e assiste i malati di cancro ed i loro congiunti. Riunisce 18 leghe cantonali e regionali e l’organizzazione ombrello a Berna. Si finanzia prevalentemente con donazioni.

Contatto
Stefanie de Borba
Responsabile dei media
Lega svizzera contro il cancro
media@legacancro.ch
T +41 31 389 93 31
Weitere Storys: Krebsliga Schweiz
Weitere Storys: Krebsliga Schweiz