PRESSEPORTAL Presseportal Logo
Alle Storys
Folgen
Keine Story von Loterie Romande mehr verpassen.

01.06.2021 – 09:00

Loterie Romande

224,7 milioni di franchi a sostegno dei servizi sociali, dello sport e della cultura

Lausanne (ots)

Da oltre un anno numerose associazioni operanti nei settori dei servizi sociali, dello sport e della cultura stanno subendo le conseguenze della crisi sanitaria. Di fronte a questa situazione, la Loterie Romande è lieta di poter erogare CHF 224,7 milioni alla pubblica utilità, un importo pari all'anno precedente nonostante la chiusura di diversi mesi di una parte della rete di vendita. Le associazioni beneficiarie, che rappresentano dei pilastri della nostra società, potranno contare nuovamente su un sostegno importante da parte della Loterie Romande, grazie specialmente all'utilizzo eccezionale di una parte degli accantonamenti.

Questo venerdì 28 maggio, l'Assemblea generale della Loterie Romande ha approvato i conti di esercizio 2020. Il prodotto lordo dei giochi (PLG), ovvero gli importi scommessi meno le vincite pagate ai giocatori, raggiunge i CHF 374 milioni. Per mantenere elevato il livello di sostegno ai beneficiari, che si trovano di fronte a numerose difficoltà, il Consiglio di amministrazione ha deciso di utilizzare una parte degli accantonamenti, ovvero CHF 8,3 milioni che si aggiungono agli utili di esercizio. La Loterie Romande è lieta di potere mettere a disposizione della pubblica utilità un importo pari a CHF 224,7 milioni. "Durante questo periodo difficile, la Loterie Romande esprime la sua solidarietà verso migliaia di associazioni al servizio della comunità nella Svizzera romanda", osserva Jean-René Fournier, Presidente della Loterie Romande.

Dopo l'erogazione di un importo di CHF 11,1 milioni allo sport nazionale (Swiss Olympic, Associazione Svizzera di Football, Leghe nazionali svizzere di football e hockey su ghiaccio) e di CHF 3 milioni alla Federazione svizzera delle corse di cavalli (FSC), la maggior parte degli utili, ovvero CHF 179,7 milioni, permetterà di sostenere numerosi progetti in ambito dei servizi sociali, della cultura, della formazione, della ricerca, del patrimonio e dell'ambiente nella Svizzera romanda. Una parte consistente, ovvero CHF 30,9 milioni saranno distribuiti agli sport amatoriali e popolari (infrastrutture, cambio, manifestazioni locali).

Un aiuto eccezionale a oltre 800 caffè e ristoranti

Per sostenere il settore della ristorazione, particolarmente toccato dalle conseguenze economiche della crisi sanitaria, la Loterie Romande ha destinato un aiuto eccezionale a tutti i caffè e ristoranti che offrono i suoi giochi. In totale, un importo pari a 3,5 milioni di franchi è stato erogato a fine maggio 2021 a oltre 800 caffè e ristoranti partner di vendita nella Svizzera romanda. Inoltre, la Loterie Romande ha versato CHF 70,1 milioni di commissioni per la distribuzione dei giochi ai suoi 2400 punti vendita nel 2020, un sostegno determinante per i negozi di quartiere.

Una maggiore protezione per i giocatori

Il 1° gennaio 2021, il Concordato sui giochi in denaro sul piano nazionale (CGD), la Convenzione della Svizzera romanda sui giochi in denaro (Convention romande sur les jeux d'argent, CORJA) e le leggi cantonali applicative sono entrate in vigore. Questo nuovo assetto designa la Loterie Romande come gestore esclusivo dei giochi di lotteria e delle scommesse sportive nei sei cantoni romandi. In questo contesto, la Loterie Romande ha ottenuto l'autorizzazione di gestione da parte dell'Autorità intercantonale di vigilanza sui giochi in denaro (GESPA) per una durata di 20 anni. La Loterie Romande dimostra così di soddisfare pienamente i requisiti della Legge federale sui giochi in denaro (LGD), in particolare in materia di sicurezza e di protezione della popolazione contro i pericoli legati al gioco in denaro.

Tale scenario permette alla Loterie Romande di continuare a offrire un ambiente di gioco responsabile e attraente per i giocatori, al fine di garantire continuità agli utili erogati alla pubblica utilità.

Contatto:

Jean-René Fournier, Presidente, 079 690 09 98, rp@loro.ch
Jean-Luc Moner-Banet, Direttore generale, 079 310 78 69, rp@loro.ch