Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Sempre allacciati, anche sui sedili posteriori

Sempre allacciati, anche sui sedili posteriori
TCS

Bern (ots) - Sebbene i controlli visivi segnalano risultati confortanti, il TCS rileva, negli ultimi anni, una minore attenzione nell'allacciarsi quando si viaggia in auto, soprattutto da parte dei passeggeri a lato del conducente e nei sedili posteriori, in particolare all'interno delle località.

È risaputo che, in caso d'incidente, le cinture, di sicurezza unitamente all'air bag, sono fra i più importanti meccanismi di protezione degli occupanti di un veicolo. In particolare le cinture evitano di essere proiettati in avanti contro il volante o il cruscotto o contro i sedili anteriori, limitano gli urti laterali contro la carrozzeria e riducono fortemente il rischio di essere catapultati all'esterno dell'abitacolo.

La simulazione di un incidente dimostra l'efficacia delle cinture La simulazione, organizzata quest'oggi, dimostra come le persone allacciate non subiscono danni nell'impatto, a circa 50 km/h, in quanto il pretensionamento della cintura assorbe l'energia cinetica e le trattiene legate al sedile. Diversa è la sorte per chi non è assicurato con le cinture che sono proiettate in avanti per inerzia e, con l'energia cinetica determinata dalla velocità, vanno a sbattere contro il parabrezza.

Incidenti in diminuzione

Grazie all'introduzione dell'obbligo del porto delle cinture nel 1971, alle migliorie apportate all'infrastruttura stradale, alla diminuzione dei limiti di velocità, dei tassi alcolemici e all'evoluzioni tecnologiche in materia di sicurezza attiva e passiva, è stato possibile ridurre del 90% il numero delle vittime di incidenti della circolazione delle automobili fino a 3,5 ton.

Non si deve abbassare la guardia

Anche se questi risultati inducono a credere che l'automatismo d'allacciarsi sia ben radicato nel quotidiano, la realtà riserva sempre delle poco lusinghiere sorprese. Le cinture si tralasciano se si percorrono poche centinaia di metri all'interno di una località, non si usano (ma si inseriscono per evitare il noioso cicaleccio) se si deve salire o scendere dal veicolo con una certa frequenza ed ancora una buona percentuale di passeggeri sui sedili posteriori non ne fa assolutamente uso. Le statistiche pubblicate in questo campo sono delle stime, di certo non esaustive, ma evidenziano delle differenze regionali che permettono di affermare che allentare le campagne di prevenzione non è la giusta strada da seguire.

I Ticinesi, automobilisti alle volte negligenti Il Ticino è in leggero ritardo rispetto al resto della Svizzera. Le statistiche del'UPI riportano che solo 84% dei conducenti controllati dalla polizia si allacciano, contro 94% dei Svizzeri tedeschi e 88% dei Romandi. Il TCS ricorda che viaggiare non allacciati si rischia, in caso d'incidente, in seri danni corporali, fino alla morte, oltre ad una sanzione pecuniaria visto che l'obbligatorietà del porto delle cinture è sancita dall'art. 3° cpv. 1 dell'Ordinanza sulle norme della circolazione (ONC).

L'impegno del TCS per la sicurezza stradale Anche questa simulazione sarà filmata e s'inserisce nel novero di altri crash-test, organizzati dal TCS, su temi legati alla sicurezza stradale, tutti documentati in video didattici che sono a disposizione degli utenti della strada. Ricordarsi: fare "click" prima di partire!

Contatto:

Renato Gazzola, portavoce del TCS, 079 686 08 80,
renato.gazzola@tcs.ch



Weitere Meldungen: Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Das könnte Sie auch interessieren: