Eidg. Departement des Innern (EDI)

Entrata in vigore della legge federale concernente la ricerca sulle cellule staminali embrionali

      (ots) - Il Consiglio federale ha approvato l'ordinanza d'esecuzione
relativa alla legge federale concernente la ricerca sulle cellule
staminali embrionali e ha fissato al 1.3.2005 l'entrata in vigore
della legge, di cui sono in corso i lavori preparatori per
l'esecuzione.

    La legge federale concernente la ricerca sulle cellule staminali (legge sulle cellule staminali, LCell) è stata adottata dal Parlamento il 19 dicembre 2003. Contro di essa è stato lanciato il referendum, ma nella votazione del 28 novembre 2004 il Popolo si è espresso nettamente a favore della normativa.

    La legge sulle cellule staminali rende possibile in Svizzera, a precise condizioni, la derivazione di cellule staminali da embrioni umani soprannumerari e la ricerca su tali cellule. Nell'ordinanza sono enunciati innanzitutto i requisiti tecnici per l'autorizzazione.

    La legge sulle cellule staminali e la relativa ordinanza entreranno in vigore il 1.3.2005. I progetti in corso devono essere notificati all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) entro tre mesi a partire da questa data, mentre quelli nuovi soggiacciono alle precedure relative all'autorizzazione e al preavviso favorevole, prescritte dalla legge.

    In concomitanza dell'entrata in vigore della legge, l'UFSP allestirà un sito Internet (http://www.stemcells.bag.admin.ch) da cui i ricercatori potranno scaricare tutti i formulari necessari, da quello per la presentazione della domanda a quello per la stesura del rapporto finale. Anche la preparazione del registro è a buon punto e i progetti annunciati e le domande approvate potranno essere pubblicati senza indugio, così come richiesto nella legge.

    DIPARTIMENTO FEDERALE DELL'INTERNO Servizio stampa e informazione Per informazioni:

Ufficio federale della sanità pubblica, divisione diritto, Dolores Krapf, tel. 031 322 95 05

    L'ordinanza sulle cellule staminali può essere consultata all'indirizzo Internet: http://www.bag.admin.ch/i/index.htm .



Plus de communiques: Eidg. Departement des Innern (EDI)

Ces informations peuvent également vous intéresser: