Eidg. Departement des Innern (EDI)

Primo anno della legge sui disabili Incontro sulle pari opportunità delle persone con disabilità

      (ots) - Quasi un anno fa è entrata in vigore la nuova legge
federale sull'eliminazione di svantaggi nei confronti dei disabili.
Il 7 dicembre a Berna, l'Ufficio federale per le pari opportunità
delle persone con disabilità e il servizio Egalité Handicap
organizzano un incontro per stilare un bilancio su quanto finora
realizzato.

    Oltre a esaminare l'evoluzione dal punto di vista delle autorità e delle organizzazioni dei disabili, l'incontro dovrà contribuire alla riflessione sui passi da compiere in futuro per garantire migliori condizioni alle persone con disabilità. In particolare, le discussioni verteranno su settori particolarmente importanti quali il lavoro, la formazione, gli edifici conformi alle esigenze dei disabili e la comunicazione. L'Ufficio federale per le pari opportunità delle persone con disabilità (UFDis) e Egalité Handicap hanno concepito l'incontro per stilare un bilancio di questo primo anno. È già possibile affermare che alcuni passi significativi sono stati compiuti; ad esempio, numerose procedure in ambito edilizio e nei trasporti pubblici sono state modificate per venire maggiormente incontro alle esigenze delle persone disabili. D'altro canto, l'applicazione della legge sui disabili incontra difficoltà spesso per la mancanza di informazioni su diritti e doveri e, più in generale, per la scarsa consapevolezza sulle esigenze delle persone con disabilità. Pertanto, l'UFDis e Egalité Handicap presteranno in futuro maggiore attenzione al miglioramento dell'informazione e alla sensibilizzazione su questa problematica. L'obiettivo è che il principio delle pari opportunità dei disabili possa trovare applicazione in tutti i settori rilevanti della vita politica e sociale.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a: Caroline Klein, responsabile di Egalité Handicap, tel. 076 379 94 72 Andreas Rieder, responsabile dell'UFDis, tel. 079 778 24 77 / 031 322 82 36



Plus de communiques: Eidg. Departement des Innern (EDI)

Ces informations peuvent également vous intéresser: