Ces informations peuvent également vous intéresser:

Marco Hiestand est à présent Head of Sales chez news aktuell Suisse

Zurich (ots) - Marco Hiestand (38 ans) est promu Head of Sales chez news aktuell (Suisse) SA. Marco ...

Les collections THOMAS SABO s'illuminent dès 2019 de mille couleurs paradisiaques

Lauf an der Pegnitz (ots) - Des couleurs paradisiaques et un mix moderne de formes géométriques ...

La pauvreté ne diminue pas en Suisse - Almanach social 2019 : Caritas fait le bilan en cette fin d'année

Luzern (ots) - Alors que l'économie en Suisse se porte à merveille, on n'arrive pas à réduire un tant ...

22.11.2007 – 08:10

bonus.ch S.A.

bonus.ch: Salute - Qual è il primo intervento che si sceglie per curarsi

    Losanna (ots)

In pieno periodo di cambiamenti d'assicurazione malattia, il sito comparatore bonus.ch ha svolto un'inchiesta* presso oltre 800 internauti sul primo intervento effettuato per curarsi in caso di:

    - angina, raffreddore, tosse     - crisi d'angoscia     - stanchezza     - febbre     - influenza     - indigestione     - mal di schiena     - emicrania     - emorragia nasale     - vertigini

    Il risultato di questa inchiesta evidenzia i seguenti punti:

    Nell'insieme, le persone interrogate nella maggior parte dei casi adottano un comportamento giudizioso al momento della scelta: consultano il proprio medico di famiglia oppure il farmacista presso il quale acquistano direttamente i medicamenti.

    Nei casi benigni o che corrispondono alle abitudini di trattamento come febbre, emicrania, influenza, angina, raffreddore e tosse, oltre il 50 % delle persone interrogate si recano direttamente in farmacia. La consultazione di un medico è scelta in priorità nel caso di una crisi di angoscia, di vertigini e di mal di schiena.

    La consultazione di uno specialista, come primo intervento, si situa al di sotto del 5 %, eccetto per il mal di schiena con il 14% e per le crisi d'angoscia con il 7%.

    Questo comportamento ponderato da parte degli assicurati permette, entro una certa misura, di agire sui costi della salute.

    Si constata anche che le medicine alternative, ritirate nel 2005 dal catalogo delle prestazioni LAMal, riscontrano un interesse non trascurabile con delle cifre tra l'8 ed il 20%. Questa constatazione rilancia nuovamente i dibattiti sull'iniziativa popolare "S", alle medicine complementari".

    Modelli assicurativi

    Benché gli assicurati agiscano responsabilmente, per esempio consultando in primo luogo il proprio medico di famiglia invece di uno specialista, non approfittano dei modelli alternativi d'assicurazione, i quali possono ridurre i premi fino al 25%. Il modello dell'assicurazione di base ordinario è ancora preferito da oltre il 60%.

    Con dei modelli d'assicurazione "medico di famiglia", HMO o Telmed, gli assicurati dispongono di mezzi semplici e poco costrittivi per realizzare dei risparmi.

* Tabelle e grafici dettagliati http://www.bonus.ch/NewsSrc/2007/Pdf/SeSoigner_I.pdf

ots Originaltext: bonus.ch S.A.
Internet: www.presseportal.ch/fr

Contatto:
Patrick Ducret
bonus.ch S.A.
Ch. de Rovéréaz 5
1012 Losanna
Tel.:    +41/21/312'55'91
E-Mail: ducret@bonus.ch

Tous
Abonner bonus.ch S.A.
  • Version imprimable
  • Version PDF

Sujets abordés dans ce communiqué