PRESSEPORTAL Presseportal Logo
Alle Storys
Folgen
Keine Story von SBV Schweiz. Baumeisterverband mehr verpassen.

20.11.2021 – 10:55

SBV Schweiz. Baumeisterverband

Società degli Impresari-Costruttori: Sondaggio a livello nazionale presso 600 capomastri: soddisfatti del salario, auspicate flessibilità e maggiore qualità nella pianificazione

Zurigo (ots)

Un nuovo studio della Società Svizzera degli Impresari-Costruttori condotto presso circa 600 capomastri provenienti da tutta la Svizzera dimostra che la grande maggioranza di questi professionisti è soddisfatta del proprio salario. Al contrario, i capomastri desiderano poter organizzare la loro quotidianità professionale in modo più flessibile. Il 92 % dei capomastri dice che i tempi troppo stretti sono eccessivi. Ne sono responsabili la dubbia qualità del lavoro da parte dei progettisti, le scadenze troppo ristrette per gli appalti pubblici e la scarsa professionalità dei committenti.

Quadri e capomastri sono le persone chiave di un cantiere. Al momento questi professionisti sono molto richiesti. In qualità di persone di collegamento tra il personale del cantiere, i committenti e i progettisti, rivestono una posizione importante. Di conseguenza, le esigenze dei capomastri e la loro percezione della quotidianità lavorativa sono di grande interesse per il settore. Date le circostanze, la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori si è rivolta direttamente ai lavoratori per scoprire le loro principali preoccupazioni. Tra il 22 settembre e il 7 novembre 2021 hanno partecipato al sondaggio 563 capomastri provenienti da tutte e quattro le regioni del Paese. I risultati hanno in serbo alcune sorprese: i riscontri dei capomastri smentiscono l'affermazione costante dei sindacati secondo cui il presunto livello dei salari troppo basso è la causa della carenza di personale specializzato. Sebbene sia stato chiesto esplicitamente in merito alla soddisfazione salariale, altri ambiti problematici sono in primo piano.

Qualità della pianificazione, tempistiche e carenza di professionalità

Il 92 % dei capomastri parla di tempi stretti nei progetti di costruzione. Praticamente in egual misura si lamentano delle tempistiche non realistiche nelle gare d'appalto pubbliche, dell'insufficiente qualità dei lavori dei progettisti e della mancanza di professionalità da parte dei committenti. Il capomastro e il personale del cantiere devono compensare spontaneamente in loco i progetti lacunosi. Una migliore pianificazione congiunta di progettisti ed esecutori prima dell'inizio dei lavori consentirebbe di alleviare notevolmente la situazione.

Un altro punto critico riguarda l'intensa concorrenza sui prezzi quando la Confederazione, i Cantoni o i Comuni aggiudicano appalti edili. Nel 2020, nell'ambito della revisione della legislazione sugli acquisti pubblici, la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori ha sostenuto attivamente il cambio di paradigma dalla concorrenza basata sui prezzi alla concorrenza basata sulla qualità. L'effetto dipende dall'applicazione e dall'attuazione coerente del cambio di paradigma da parte degli enti aggiudicatori pubblici a tutti i livelli federali.

Le aziende dovrebbero prendere in considerazione aumenti salariali individuali

Per quanto riguarda la questione salariale: il 68 % dei capomastri intervistati è soddisfatto o molto soddisfatto del proprio salario. Il 32 % ritiene che il proprio salario non sia corretto rispetto alle proprie prestazioni. L'esperienza professionale e le buone prestazioni garantiscono rapidamente aumenti salariali individuali, soprattutto per i capomastri.

Tre capomastri su cinque vorrebbero rendere la loro quotidianità lavorativa più flessibile, ma quattro capomastri su cinque affermano che al momento ciò non è possibile presso il loro datore di lavoro. Le imprese edili possono partire da questo punto di vista per diventare più attraenti come datori di lavoro per i loro dipendenti. Un rimedio potrebbe essere un conto delle ore lavorative annuale. Ma lo studio afferma anche che oggi la stragrande maggioranza dei capomastri lavora consapevolmente a tempo pieno, e due terzi di loro vogliono mantenere il carico di lavoro al 100 %. Un terzo dei capomastri aspira a un grado di occupazione all'80 %, mentre il desiderio di un grado di occupazione inferiore all'80 % è stato espresso solo sporadicamente.

Per maggiori informazioni:

Download dello studio sui capomastri 2021 della Società Svizzera degli Impresari-Costruttori: solo in tedesco (http://ots.ch/PHf13V e francese http://ots.ch/Cnos3E

Contatto:

Bernhard Salzmann, responsabile Politica + comunicazione SSIC
Tel.: +41/78/762'45'31
E-Mail: bsalzmann@baumeister.ch

Matthias Engel, portavoce SSIC
Tel.: +41/78/720'90'50
E-Mail: mengel@baumeister.ch