PRESSEPORTAL Presseportal Logo
Alle Storys
Folgen
Keine Story von Holcim (Schweiz) AG mehr verpassen.

22.11.2021 – 08:05

Holcim (Schweiz) AG

Progetto pionieristico «Bridge to the Future»: una delle opere più ecologiche del mondo

Progetto pionieristico «Bridge to the Future»: una delle opere più ecologiche del mondo
  • Bild-Infos
  • Download

Grazie alla combinazione unica del cemento privo di clinker “Locarbo” di Holcim in un calcestruzzo ad alta resistenza e l’uso di fibre di carbonio pretensionate, il «Bridge to the Future» è la prima costruzione con emissioni CO 2 ridotte al massimo. È stata realizzata in stretta collaborazione con l’Università di scienze applicate di Zurigo (ZHAW) e CPC AG per riuscire a combinare in modo ottimale materiali e metodologie. Il risultato è una piattaforma sottile e al contempo funzionale per la raccolta dei materiali di scavo nello stabilimento Holcim di H üntwangen, un’innovazione all’avanguardia per il futuro dell’edilizia.

Più ecologico grazie a una nuova composizione

Per questo progetto Holcim ha sviluppato un calcestruzzo speciale impiegando per la prima volta un cemento privo di clinker chiamato «Locarbo», le cui emissioni di CO2 sono ridotte del 63% rispetto ad un cemento tradizionale. Unendo «Locarbo» e aggregati opportunamente trattati provenienti da progetti di demolizione, Holcim ha ottenuto un calcestruzzo riciclato ad alta resistenza. Gli aggregati riciclati sono stati sottoposti a carbonatazione artificiale prima dell’utilizzo per sfruttarne la capacità di assorbimento di CO2. L’impronta di CO2 del calcestruzzo da aggregati riciclati si è così notevolmente ridotta passando dagli oltre 210 kg CO2/m3 del calcestruzzo tradizionale a 138 kg CO2/m3.

Utilizzo innovativo del calcestruzzo

Grazie alla tecnologia di CPC, questo calcestruzzo ad alta resistenza ha permesso la produzione di lastre in calcestruzzo di soli 6 cm di spessore, molto sottili e tuttavia estremamente resistenti, armate con sottili fibre di carbonio pretensionate. Poiché il carbonio ha un’elevata resistenza a trazione e non si corrode, si può fare a meno del tutto della protezione contro la corrosione, essenziale invece nelle classiche costruzioni in cemento armato. Ciò consente di produrre piastre di calcestruzzo solide, sottili e durevoli. «Con le nostre lastre CPC, possiamo ottenere un risparmio di materiale di circa il 75%.. In combinazione con il cemento Locarbo si ottiene un’analoga riduzione anche per le emissioni di CO2, che rispetto alle tradizionali costruzioni in cemento armato sono inferiori di oltre il 75%», spiega Micha Brunner, membro del Comitato direttivo di CPC AG. Kerstin Wassmann, responsabile tecnica del progetto di Holcim, afferma entusiasta: «La competenza di Holcim in termini di materiali e quella di CPC in termini di concezione e design in cemento armato precompresso con fibra di carbonio si completano perfettamente e hanno permesso la realizzazione di questo eccezionale opera. A riprova della sua fiducia nella tecnologia CPC, Holcim ha persino acquisito una partecipazione in CPC AG.

Combinazione sofisticata di materiali con proprietà differenti come chiave del successo

La sezione della ZHAW specializzata nelle costruzioni con fibre composite (FVK) ha sostenuto lo sviluppo della metodologia CPC nell’ambito di un progetto Innosuisse. Per «Bridge to the Future» ha eseguito test di fattibilità e di carico per poi elaborare i parametri tecnico-ingegneristici necessari alla realizzazione delle piastre e i dati tecnici di base per il dimensionamento statico del ponte. «Siamo interessati allo sviluppo di nuovi prodotti economicamente convenienti per l’edilizia. Questo progetto rappresenta per noi un ottimo traguardo perché le singole proprietà dei materiali si esprimono in modo eccezionale e vengono sfruttate al meglio», racconta il professor Josef Kurath, responsabile centrale della sezione FVK.

Video: https://youtu.be/JSCxKUgyA7M

Contatti per i media:

Holcim Svizzera: Vanessa Arber, vanessa.arber@holcim.com, +41 79 963 18 98

CPC AG: Micha Brunner, micha.brunner@cpcag.ch, +41 79 488 11 38

ZHAW: Christian Lowiner, christian.lowiner@zhaw.ch, +41 58 934 76 43

Holcim (Svizzera) SA

Holcim (Svizzera) SA si annovera tra i principali produttori di materiali da costruzione svizzeri ed è affiliata alla società Holcim Ltd., attiva su scala globale. Il core business è costituito dalla produzione di calcestruzzi, aggregati e cemento e dai relativi servizi. L’azienda occupa circa 1200 collaboratrici e collaboratori presso 55 sedi e dispone di tre cementifici, 16 centrali aggregati e 36 centrali di betonaggio. Grazie a questo radicamento locale siamo in grado di soddisfare diverse esigenze in modo rapido, flessibile e individuale ed elaborare soluzioni su misura per i settori dell’ingegneria edile, civile e delle infrastrutture.

CPC AG

Gli elementi di calcestruzzo di CPC AG (Svizzera) si basano sulla tecnologia «Carbon Prestressed Concrete», nata nell’ambito di un pluriennale progetto di ricerca presso la ZHAW e tutelata a livello internazionale dal diritto dei brevetti. Dal 2015 nelle costruzioni si impiegano le piastre di calcestruzzo CPC. Numerose opere quali balconi, coperture di ponti, ponti modulari, rastrelliere per biciclette, trampolini e scale sono già state realizzate con successo.

ZHAW

Il dipartimento di architettura, design e ingegneria civile della ZHAW è una delle principali istituzioni storiche e innovative del panorama formativo svizzero nel campo dell’edilizia. Comprende corsi di studi in architettura e ingegneria civile, gli istituti di Urban Landscape e progettazione costruttiva nonché il centro dedicato alla tecnologia edile e ai processi. La sezione FVK si occupa di ricerca e sviluppo di strutture, componenti e costruzioni edili con materiali adeguati, con particolare attenzione a quelli di fibre composite.