Eidgenössisches Starkstrominspektorat ESTI

Il rapporto relativo alla sorveglianza del mercato 2010 redatto dall'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI: Il 14 percento dei prodotti elettrotecnici risulta difettoso

Il rapporto relativo alla sorveglianza del mercato 2010 redatto dall'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI: Il 14 percento dei prodotti elettrotecnici risulta difettoso
Prodotti elettrotecnici controllati. Testo complementare con ots e su www.presseportal.ch. L' utilizzo di quest'immagine è gratuito per scopi redazionali. Pubblicazione sotto indicazione di fonte: "obs/Eidgenössisches Starkstrominspektorat ESTI".

Fehraltorf (ots) - Secondo il rapporto relativo alla sorveglianza del mercato 2010 redatto dall'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI, circa il 14% dei prodotti elettrotecnici controllati presenta difetti. Questi ultimi vanno dalle prove insufficienti della sicurezza ai difetti in materia di sicurezza. L'indagine viene effettuata dall'ESTI mediante controlli saltuari.

Ogni anno l'ESTI controlla circa 1'500 apparecchi a bassa tensione commercializzati sul mercato indigeno. Il controllo del mercato viene effettuato presso i grandi distributori e in occasione di visite a fiere. Viene controllata anche la pubblicità per gli apparecchi elettrotecnici nonché le offerte su portali di vendita e siti web in Internet. Il 16% dei controlli è stato effettuato in base a segnalazioni di consumatori insoddisfatti e di concorrenti.

La gamma dei prodotti controllati si è estesa dagli elettrodomestici, dagli utensili a mano, dagli accessori per l'installazione, dai componenti elettrotecnici fino agli apparecchi per l'ufficio, l'informatica, l'illuminazione nonché agli apparecchi e agli utensili per chi esegue lavori artigianali in casa e chi fa bricolage per hobby.

Conformemente all'ordinanza sui prodotti elettrici a bassa tensione (OPBT), chi commercializza tali prodotti deve poter fornire la prova della loro sicurezza. Lo stesso vale anche per l'osservanza dell'ordinanza sugli apparecchi e i sistemi di protezione utilizzati in aree a rischio di esplosione. Se un difetto riscontrato in un apparecchio costituisce un pericolo per chi lo utilizza, l'ESTI reagisce emanando un divieto di vendita.

Circa il 14% (2009: 8%) dei prodotti sottoposti a controllo si è rivelato difettoso. Nel 2010 i difetti comprendevano principalmente prove incomplete della sicurezza e difetti in materia di sicurezza.

Quale conseguenza diretta sono stati emanati 44 divieti di vendita rispettivamente cessazioni di vendita. Ciò riguardava tubi LED non protetti da ogni lato dal contatto, adattatori non auto-rizzati per viaggi internazionali, spine/prolunghe sbagliate e non autorizzate, apparecchi e prodotti IT per l'utilizzazione nelle economie domestiche e nell'industria. Nella fattispecie 6 modelli di prodotti sono stati richiamati dai distributori.

I fabbricanti e i distributori sostengono gli sforzi dell'ESTI relativi alla sorveglianza del mercato. Anch'essi sono infatti interessati al fatto che in Svizzera vengano commercializzati uni-camente dei prodotti sicuri. Al momento dell'acquisto di apparecchi elettrotecnici, i consumatori dovrebbero prestare attenzione alle dichiarazioni tecniche comprensibili menzionate sulle targhette segnaletiche e sui label. I label svizzeri sono il contrassegno di sicurezza dell'ESTI e il contrassegno di conformità ASE di Electrosuisse. Questi label danno al consumatore la garanzia che il prodotto è stato controllato e certificato da un laboratorio accreditato ed è quindi stato commercializzato nel rispetto delle norme di sicurezza.

Contatto:

Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI
Sorveglianza di mercato
Luppmenstrasse 1
8320 Fehraltorf

Peter Fluri
Tel.: +41/44/956'12'30
E-Mail: mub.bs.info@esti.ch


Fichiers multimédias
2 fichiers

Plus de communiques: Eidgenössisches Starkstrominspektorat ESTI

Ces informations peuvent également vous intéresser: