Allianz Suisse

Risultato d'esercizio 2016: Allianz Suisse acquisisce 27'000 nuovi clienti e continua a crescere nel ramo Cose

Un document

Wallisellen (ots) -

- L'utile d'esercizio del Gruppo Allianz Suisse cresce dell'1,5%, 
  arrivando a CHF 262,4 milioni. 
- Il portafoglio clienti registra una nuova forte crescita netta: 
  +27'000. 
- Il ramo Cose cresce del 2,3% raggiungendo quota CHF 1'880,1 
  milioni: risultato nettamente superiore alla media di mercato. 
- Confermata la validità delle misure per la digitalizzazione e 
  l'orientamento sistematico al cliente. 

Nonostante le incertezze politico-economiche, il Gruppo Allianz Suisse ha continuato a conseguire risultati positivi anche lo scorso anno, con una crescita del 2,3% nel ramo Cose, valore più che doppio rispetto alla media di mercato. La crescita netta del portafoglio clienti ha totalizzato +27'000 unità, registrando un alto tasso di aumento per il secondo anno consecutivo (2015: +16'000). Il volume premi nel ramo Vita è calato a CHF 1'758,8 milioni (2015: CHF 1'970,0 milioni) per via di una condotta volutamente prudente, mentre l'utile d'esercizio è aumentato dell'1,5% arrivando a CHF 262,4 milioni.

«Il 2016 è stato un anno movimentato, non solo dal punto di vista politico. Nonostante le incertezze, siamo riusciti ad affermarci molto bene e a rafforzare ulteriormente la nostra posizione di mercato nel ramo Cose in Svizzera. I clienti hanno apprezzato le nostre offerte, come dimostra la decisa crescita del portafoglio, dovuta anche agli importanti progressi compiuti in tutti i canali di vendita, nelle offerte di prodotti e nei servizi. Si pensi all'ampliamento del servizio esterno, all'innovativo calcolatore premi online o alla nuova funzione di chat sul sito www.allianz.ch. Sono estremamente soddisfatto del risultato d'esercizio raggiunto, che ha superato le nostre aspettative», ha concluso Severin Moser, CEO di Allianz Suisse. E rispetto al futuro imminente aggiunge: «Le incertezze non mancheranno neanche quest'anno, viste le prossime importanti elezioni in Europa e le conseguenze che queste avranno per i mercati di capitali. Ciononostante, intendiamo continuare a offrire ai nostri clienti prestazioni eccellenti nel ramo Cose e partire da questa base per continuare a crescere in modo redditizio nel lungo periodo. Anche nel ramo Vita vi è ancora un grande potenziale nonostante le sfide dovute ai tassi negativi, in particolare nel settore della previdenza privata per la vecchiaia. Un potenziale che intendiamo sfruttare in maniera ancora più mirata con un nuovo orientamento e prodotti pensati per rispondere alle reali esigenze dei clienti e salvaguardare il capitale».

Crescita del ramo Cose nettamente superiore alla media di mercato

La validità delle misure di orientamento sistematico al cliente è stata confermata soprattutto nel ramo Cose, dove la raccolta premi è aumentata del 2,3% arrivando a CHF 1'880,1 milioni (2015: CHF 1'837,4 milioni). In questo comparto si è quindi registrata una crescita più che doppia rispetto alla media di mercato, che secondo le stime dell'Associazione Svizzera d'Assicurazioni (ASA) è stata dell'1,1%. Il contributo principale in questo senso è venuto dal ramo veicoli a motore, che ha registrato un aumento del 2,5%.

«La tendenza rilevata nel ramo Cose dimostra che stiamo andando nella giusta direzione, soprattutto grazie ai canali di vendita forti come le agenzie generali, i broker, le convenzioni, e alla nostra nuova strategia digitale. Il nuovo marchio diretto ELVIA, per esempio, si è posizio-nato stabilmente sul mercato già nel suo primo anno di attività e registra tassi di crescita elevati. In parallelo siamo riusciti a coniugare il nuovo canale online con la consulenza classica, che continuerà a costituire anche in futuro un pilastro portante dei servizi offerti al cliente. Dobbiamo essere presenti in tutti i canali di vendita e, nell'epoca digitale in cui viviamo, dob-biamo investire ancora di più su una comunicazione moderna e immediata con il cliente. Un altro tema chiave saranno le piccole e medie imprese (Pmi)», preannuncia Severin Moser.

Soprattutto a causa di grandi danni industriali, la quota sinistri è aumentata di 1,7 punti percentuali, mentre la quota spese è rimasta invariata, determinando un combined ratio del 91,2% (2015: 89,5%) e quindi una contrazione dell'utile operativo del 7,4% rispetto all'anno precedente. L'utile d'esercizio del ramo Cose è stato pari a CHF 189,0 milioni, ovvero solo leggermente più basso rispetto all'esercizio precedente (CHF 192,1 milioni).

Ramo Vita: meno premi, più profitti

Dal momento che la situazione dei tassi in Svizzera è rimasta invariata lo scorso anno, nel ramo Vita Allianz Suisse ha continuato a privilegiare la stabilità del comparto e la sicurezza dei servizi per i clienti, portando avanti la politica di sottoscrizione selettiva adottata nei rami Vita individuale e collettiva. Ciò ha determinato nel complesso una contrazione del 10,7% della raccolta premi, che è scesa a CHF 1'758,8 milioni (anno precedente: CHF 1'970,0 milio-ni). Nel ramo Vita individuale la raccolta premi è scesa del 3,3% a CHF 309,7 milioni. Mentre nel ramo Vita collettiva la raccolta dei premi periodici è rimasta praticamente invariata rispetto all'anno precedente (CHF 163,5 milioni contro i CHF 163,8 milioni del 2015), i premi unici hanno totalizzato CHF 19,7 milioni (2015: CHF 54,7 milioni). Per via di questo atteggiamento volutamente prudenziale, nel ramo LPP la raccolta premi è calata nel complesso del 16,1% portandosi a CHF 183,2 milioni (2015: 218,5 milioni).

Nonostante ulteriori alimentazioni delle riserve per le garanzie sui tassi, grazie alla crescita dell'utile derivante da investimenti di capitale il ramo Vita ha registrato un aumento dell'utile di esercizio, che ha raggiunto quota CHF 73,4 milioni (2015: CHF 66,3 milioni).

«La situazione continua a essere complessa per via dei bassi tassi di interesse», ha commentato Stefan Rapp, CFO di Allianz Suisse. «Tuttavia vogliamo cogliere le opportunità che ci si presentano e offrire ai clienti prodotti interessanti per la previdenza privata per la vecchiaia». Con Comfort Saving e Comfort Saving Plus, a inizio 2017 Allianz Suisse ha lanciato una nuova soluzione previdenziale per i clienti orientati alla sicurezza, che prevede una garanzia del 100% sui premi di risparmio alla scadenza e la possibilità per i clienti di partecipare a eventuali aumenti dei tassi di interesse e al risultato di investimento di Allianz Suisse. «I prodotti non classici, efficienti in termini di capitale e in grado di offrire un maggiore potenziale di rendimento, rappresentano oggi più dell'80% delle nuove stipule nel ramo Vita individuale. Un business mix che vale la pena di continuare a potenziare», conclude Rapp.

Contatto:

Hans-Peter Nehmer
telefono: 058 358 88 01
e-mail: hanspeter.nehmer@allianz.ch

Bernd de Wall
telefono: 058 358 84 14
e-mail: bernd.dewall@allianz.ch



Plus de communiques: Allianz Suisse

Ces informations peuvent également vous intéresser: