Prési Conf. Moritz Leuenberger

Allocuzione radio/tv per il il 1º agosto 2001 del Presidente della Confederazione

Berna (ots) - Allocuzione del Presidente della Confederazione Moritz Leuenberger davanti al Centro cultura e congressi di Lucerna Care Svizzere e cari Svizzeri in patria e all'estero, care straniere e cari stranieri che vivete nel nostro Paese, festeggiamo oggi il 1º agosto, la festa nazionale svizzera. E celebrando questo giorno, ci ricordiamo di avere una patria. Che cos'è la patria? Per alcuni è il ricordo di un'infanzia felice e spensierata, per altri è il luogo dove vivono, la famiglia, la cerchia di amici. Probabilmente, per ogni abitante di questo Paese la patria, intesa in questo senso, ha di volta in volta un significato diverso; raramente essa è sinonimo di "Confederazione Svizzera". Poco importa. L'essenziale è che ciascuno di noi possa avere una patria. Anche le persone che appartengono a una minoranza. Anche coloro i quali si esprimono in modo critico amano la Svizzera, pure loro sono patrioti. Il diritto di amare questo Paese non è la prerogativa esclusiva di nessuno. Né di chi vuole conservare la Svizzera allo stato originario né di chi la vuole trasformare e aprire verso l'esterno. Ogni giorno ricevo decine di lettere di cittadini che formulano richieste in relazione a strade, ferrovie, traffico aereo e uffici postali. Tutti vorrebbero maggiori prestazioni, un servizio migliore, meno rumore, tracciati diversi per strade e ferrovie. Comprendo bene gran parte di queste esigenze, ma sono convinto che la posta in gioco è molto più elevata. Non possiamo accontentarci di uno Stato perfettamente organizzato; dobbiamo anche creare le condizioni perché tutti gli abitanti di questo Paese si sentano a proprio agio e possano dunque avere una patria. Fra queste condizioni vi è anche il modo di confrontarci gli uni con gli altri. E intendo qui due cose: - In primo luogo, il modo in cui svolgiamo il dibattito politico. In ogni confronto ci sono sempre almeno due opinioni. Ed è bene che sia cos". Ma non è ammissibile riversare sui nostri avversari politici scherno e derisione e combattere con armi quali la menzogna e la distorsione della realtà. Una democrazia degna di questo nome ci obbliga ad un confronto oggettivo, rinunciando a falsità e insulti reciproci. - In secondo luogo, se vogliamo raggiungere un traguardo comune, abbiamo bisogno del contributo di tutti. Il Centro culturale di Lucerna ne è un esempio. La città, il Cantone, i privati, unitamente ad un architetto francese, hanno realizzato una grande opera. Essa è situata nel cuore della Svizzera tradizionale; gode ormai di fama mondiale e attira visitatori da ogni parte del mondo. Il Centro culturale di Lucerna ci mostra come anche la Svizzera faccia parte del mondo. Non vogliamo però soltanto pensare a stare bene noi, poiché i conti, in questo modo, non tornerebbero. Ogni conflitto, in qualunque continente esso sia, ha sempre ripercussioni anche sul nostro Paese. Ce lo ha dimostrato la guerra dei Balcani. È nostro compito impegnarci a favore della pace, lottare contro la fame e la miseria nel mondo. Lo facciamo nel nostro stesso interesse, ma non soltanto: vogliamo infatti che tutti gli abitanti del nostro pianeta possano avere una patria. In occasione di diverse visite all'estero ho potuto constatare che la nostra democrazia, la nostra tradizione umanitaria e la nostra neutralità godono di alta considerazione. Dobbiamo continuare ad avere cura di questi valori. Ciò ci permette di essere orgogliosi della nostra patria. Fa fede il testo parlato! ots Originaltext: Président de la Confédération Moritz Leuenberger Internet: www.newsaktuell.ch

Ces informations peuvent également vous intéresser: