Office fédéral de la culture

I primi 10 anni dell'Archivio svizzero di letteratura

Mostra Cani e gatti letterari

    Berna (ots) - In occasione del suo decennale, l'Archivio svizzero di letteratura propone al pubblico una serie di manifestazioni che si prefiggono sia di tracciare un bilancio che di fornire una panoramica dei vari settori di lavoro. Con la mostra Cani e gatti letterari, appena inaugurata negli spazi espositivi della Biblioteca nazionale svizzera, si rivolge a un pubblico interessato alla letteratura, mentre con il colloquio internazionale sull'uso delle fonti letterarie e con un numero monografico della rivista Quarto intende promuovere lo scambio con un pubblico di specialisti. Il programma del decennale sarà completato da varie manifestazioni collaterali.

    Cane e gatto sono indubbiamente i due animali domestici che hanno lasciato le tracce più evidenti nella letteratura. Scrittrici e scrittori di tutte le lingue e di tutti i tempi hanno amato o odiato profondamente i loro compagni a quattro zampe, li hanno descritti e decantati, attribuito loro valenze simboliche, collegati a passione e vita, morte e delitto. L'Archivio svizzero di letteratura ha voluto riprendere il lato ludico ma anche serio di questo fenomeno letterario e lo presenta ora in una mostra accompagnata da una pubblicazione. Il libro affronta la tematica in saggi di carattere storico-letterario e storico-culturale, ma ospita anche i brani letterari di 22 autrici e autori svizzeri sull'argomento. La mostra propone documenti originali selezionati provenienti dalle collezioni dell'Archivio svizzero di letteratura, accanto a prestiti di archivi e musei svizzeri e stranieri. Sette "isole" illustrano i differenti aspetti della tematica: l'amico fedele, il quotidiano, l'altro, la vita e la morte, il delitto, la parabola, l'animale scrivente e parlante. La mostra, con cui l'Archivio svizzero di letteratura festeggia il decennale della sua esistenza, è stata realizzata in collaborazione con la Città di Zurigo.

    Il progetto espositivo è stato diretto da Thomas Feitknecht, la pubblicazione è stata curata da Sibylle Birrer, Annetta Ganzoni, Marie-Thérèse Lathion e Ulrich Weber. Del coordinamento della mostra si è occupato Peter Erismann, della sua realizzazione lo studio element di Basilea e del progetto grafico Büro4 di Zurigo.

    La mostra resterà aperta dal 7 settembre al 24 novembre 2001. Successivamente sarà ospitata allo Strauhof di Zurigo dal 12 dicembre 2001 al 3 marzo 2002.

ots Originaltext: Uffico federale della cultura (UFC)
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Thomas Feitknecht, responsabile dell'Archivio svizzero di letteratura
Hallwylstrasse 15
3003 Berna
Tel. +41 31 322 89 72
E-mail: Thomas.Feitknecht@slb.admin.ch; www.snl.ch



Plus de communiques: Office fédéral de la culture

Ces informations peuvent également vous intéresser: