Bundesamt für Statistik

BFS: Indice dei prezzi alla produzione e all’importazione nel maggio 2004

      (ots) - Indice dei prezzi alla produzione e all’importazione nel maggio 2004

Indice nuovamente in salita: rincaro annuo dell’1,4 per cento

    Nel maggio 2004, l’indice totale dei prezzi alla produzione e all’importazione, calcolato dall’Ufficio federale di statistica (UST), è aumentato dello 0,5 per cento rispetto al mese precedente. Negli ultimi tre mesi l’indice è dunque salito complessivamente dell’1,5 per cento, principalmente a causa della forte lievitazione dei prezzi dei prodotti petroliferi e dei prodotti in metallo che si protraeva dallo scorso marzo. Il livello dell'indice è di 101,4 punti (base maggio 2003 = 100). Su base annua, il livello dei prezzi dell'offerta totale dei prodotti indigeni e importati è aumentato dell’1,4 per cento. Aumento dei prezzi dei prodotti indigeni … Nel maggio del 2004, l’indice dei prezzi alla produzione, calcolato dall’Ufficio federale di statistica, è cresciuto dello 0,3 per cento rispetto al mese precedente raggiungendo i 101,5 punti (base maggio 2003 = 100). Il livello dei prezzi ha superato dell’1,5 per cento quello dell’anno precedente. L’indice mostra l’evoluzione dei prezzi franco fabbrica dei prodotti indigeni e non comprende i servizi. Rispetto al mese precedente, si riscontra un aumento dei prezzi per gli animali da macello (bestiame grosso, suini), la carne e prodotti a base di carne, i prodotti a base di tabacco, i prodotti petroliferi e per diverse voci dell’industria chimica (prodotti inorganici, vernici e pitture, prodotti farmaceutici, saponi, detersivi e prodotti per la pulizia). Un'evoluzione analoga dei prezzi ha riguardato il vetro, i prodotti in ceramica, i prodotti in calcestruzzo, l’acciaio d’armatura, i tubi in acciaio, i semilavorati in alluminio, gli elementi in acciaio e in metalli leggeri e i pezzi fucinati. Diminuzioni di prezzo, invece, sono state rilevate in particolare per gli ortaggi, il latte crudo, la carta e i prodotti di carta, i coloranti e pigmenti, i prodotti organici, i concimi, le materie plastiche sotto forma primaria, le fibre sintetiche e artificiali e i rottami di ferro. … e dei prodotti importati Nel maggio 2004, l’indice dei prezzi all’importazione calcolato dall’Ufficio federale di statistica ha mostrato un aumento dello 0,8 per cento rispetto al mese precedente raggiungendo così il livello di 101,2 punti (base maggio 2003 = 100). Il livello dei prezzi è dell’1,2 per cento superiore a quello dell’anno precedente. L’indice dei prezzi all’importazione mostra l’evoluzione dei prezzi franco frontiera dei prodotti importati. Prezzi superiori rispetto a quelli rilevati il mese precedente sono stati registrati per la frutta, la carne, i tessili, il gas naturale, il petrolio (grezzo), la benzina, il cherosene, l’olio da riscaldamento e i prodotti in materie plastiche. Più cari anche il ferro grezzo, i prodotti piatti in acciaio, l’acciaio legato, i tubi in acciaio, l’acciaio lavorato, gli altri prodotti in acciaio, i semilavorati in alluminio, gli elementi in acciaio e in metalli leggeri e gli altri prodotti metallici. I prodotti di campicoltura, gli ortaggi, la carta, il vetro, il rame e prodotti relativi e il nichel presentano invece una diminuzione dei prezzi.

    Zoccolo dell’inflazione ancora negativo (tasso annuo: -0,2%) Negli ultimi tre mesi è aumentato lo zoccolo dell’inflazione (0,6%) sebbene in maniera più contenuta dell’indice totale (1,5%). Il tasso annuo dello zoccolo dell’inflazione, attestatosi a -0,2 per cento, continua ad essere negativo. Per calcolare lo zoccolo dell’inflazione non si considerano i gruppi di prodotti primari soggetti a forti oscillazioni di prezzo o d’imposta. Si tratta in particolare di prodotti agricoli e di selvicoltura, carne, tabacco, petrolio, prodotti petroliferi, metalli, semilavorati in metallo e gas (complessivamente 12% del paniere tipo). Ciò significa che gli aumenti dei prodotti in metallo e dei prodotti petroliferi dei mesi scorsi, che hanno dato un forte impulso all’aumento dell’inflazione complessiva, non hanno perlopiù prodotto alcun effetto sul calcolo dello zoccolo dell’inflazione.

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

Informazioni: Andreas Fankhauser, UST, Sezione prezzi, tel.: 032 713 63 07 Hans Udry, UST, Sezione prezzi, tel.: 032 713 69 95

Servizio stampa UST, tel.: 032 713 60 13; fax: 032 713 63 46

Per ordinazioni: tel.: 032 713 60 60, fax: 032 713 60 61, e-mail: order@bfs.admin.ch

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito Internet dell’UST all’indirizzo: http://www.statistica.admin.ch

Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per e-mail. Sottoscrizione all’indirizzo: http://www.news-stat.admin.ch



Plus de communiques: Bundesamt für Statistik

Ces informations peuvent également vous intéresser: