Eidg. Departement des Innern (EDI)

Pascal Couchepin in visita all'Istituto svizzero di Roma

      (ots) - Il consigliere federale Pascal Couchepin parteciperà, dal
19 al 21 ottobre 2005, all'inaugurazione delle nuove strutture
dell'Istituto svizzero di Roma (ISR). La manifestazione segna la
fine dei lavori di ristrutturazione e l'inizio della nuova
impostazione organizzativa e programmatica con l'insediamento di due
direttori, uno scientifico e uno culturale. Durante il suo soggiorno
a Roma, il capo del Dipartimento federale dell'interno firmerà con
il ministro per i beni e le attività culturali Rocco Buttiglione una
dichiarazione d'intenti sulla cooperazione cinematografica fra la
Svizzera e l'Italia e incontrerà, per un colloquio di lavoro, il
ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca
scientifica Letizia Moratti.

    Dal 19 al 21 ottobre 2005, alla presenza del consigliere federale Pascal Couchepin si terrà l'inaugurazione dell'Istituto svizzero di Roma che si presenta in una veste rinnovata. Il capo del Dipartimento federale dell'interno sarà accompagnato dal segretario di Stato per l'educazione e la ricerca Charles Kleiber (SER) e dal direttore dell'Ufficio federale della cultura (UFC) Jean-Frédéric Jauslin. Le nuove strutture dell'Istituto, che ora dispone anche di due sedi distaccate (Milano e Venezia), permettono di rafforzare i rapporti fra Svizzera e Italia sia sotto il profilo culturale che scientifico.

    Nel 1946 la contessa Maraini-Sommaruga donò alla Confederazione la sua villa, eretta tra il 1903 e il 1905. Il Consiglio federale vi insediò l'Istituto svizzero di Roma, che nel corso del tempo è divenuto un'istituzione di riferimento per lo scambio scientifico e culturale fra Svizzera e Italia. Grazie alla sua programmazione di esposizioni e manifestazioni culturali, l'ISR è un rinomato centro di studi in antichità classica, archeologia, filologia, storia dell'arte, storia, diritto romano ecc., nonché un laboratorio di produzione artistica. Ogni anno accademico soggiornano e lavorano nell'ISR fino a 14 giovani ricercatori e artisti svizzeri.

    Dopo il restauro della villa sotto la supervisione dei responsabili dei monumenti storici di Roma, nel 1993, la Confederazione ha disposto la ristrutturazione della dipendenza. Oltre agli atelier degli artisti e ad alloggi per i membri dell'ISR, la dipendenza contiene una sala polivalente (Sala Elvetica) per esposizioni e manifestazioni culturali. Nella villa, la biblioteca è stata dotata di nuove postazioni di studio e lavoro, il suo magazzino è stato ampliato e gli spazi comuni dei membri e degli ospiti ammodernati.

    Da aprile 2005 la direzione dell'ISR è affidata al professor Christoph Riedweg, responsabile del settore scienza, affiancato da Domenico Lucchini, responsabile del settore cultura.

    Il consigliere federale Pascal Couchepin firmerà con il ministro per i beni e le attività culturali Rocco Buttiglione una dichiarazione d'intenti sulla revisione dell'accordo di coproduzione cinematografica tra la Svizzera e l'Italia. La revisione dell'attuale accordo, entrato in vigore nel dicembre 1993, è necessaria alla luce dell'evoluzione delle condizioni nel settore della produzione cinematografica. La collaborazione tra i due Paesi sarà migliorata e rafforzata. La revisione prevede di diminuire la partecipazione minima dei coproduttori dal 30 al 20 per cento per meglio tenere conto della realtà delle coproduzioni tra Svizzera e Italia. Questo adeguamento giunge dopo ripetute sollecitazioni da parte svizzera, in particolare dei cineasti ticinesi.

    Nel corso di un colloquio di lavoro, il consigliere federale Pascal Couchepin discuterà con il ministro italiano dell'istruzione, dell'università e della ricerca scientifica Letizia Moratti sulle prospettive d'attuazione dell'accordo bilaterale sulla scienza e la tecnologia concluso nel 2003 con l'Italia.

DIPARTIMENTO FEDERALE DELL'INTERNO Servizio stampa e informazione

Per maggiori informazioni rivolgersi a: Jean-Marc Crevoisier, responsabile della comunicazione SG DFI, tel. 079 763 84 10



Plus de communiques: Eidg. Departement des Innern (EDI)

Ces informations peuvent également vous intéresser: