Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Inizio delle scuole: fermarsi sempre completamente!

2 Dokumente

Bern (ots) - La fine delle vacanze estive si avvicina. Per migliaia di bambini in Svizzera è tempo di incamminarsi - forse per la prima volta - verso la scuola. Con la campagna di prevenzione «Grazie di fermati per me!», promossa dal TCS assieme all' Ufficio prevenzione infortuni (upi) e ai corpi di polizia, si ricorda come ci si comporta sulla strada per andare a scuola.

Anche se le statistiche 2010 confermano un miglioramento confortante rispetto al 2009, il numero delle vittime fra i 5 e i 14 anni, che si spostano a piedi o in bicicletta, rimane importante. Nel 2010 si sono contati 180 bambini vittime d'incidenti, gravemente feriti o morti, contro le 225 del 2009. Questa categoria d'età è sempre una delle più esposte ai pericoli della strada. Tramite questa campagna di prevenzione comune, il TCS, l'upi e le polizie si prefiggono una diminuzione del numero di bambini vittime d'incidenti.

Grazie a questa campagna di prevenzione, il TCS, l'upi - Ufficio prevenzione infortuni e le polizie, si pongono come obiettivo la diminuzione del numero di bambini vittime di infortuni sulla strada.

Per mezzo di cartelloni e brevi spot televisivi, la giovane Larissa si rivolge direttamente a automobilisti, motociclisti, ciclomotoristi e ciclisti, chiedendo loro di prestare particolare attenzione all'inizio delle scuole, con lo slogan: «Grazie di fermarti per me!». Oltre a cartelloni e spot, la campagna di prevenzione sarà sostenuta anche da annunci diffusi dalle stazioni radio locali nella settimana precedente l'inizio delle lezioni e in quella successiva, quando i bambini avranno ormai ripreso ad andare a scuola.

La settimana dell'inizio della scuola, agenti delle polizie comunali, aiutati da bambini, distribuiranno nei pressi delle scuole dischi orari sui quali è riprodotto lo slogan della campagna.

La circolazione vista con gli occhi di un bambino

Gli agenti di polizia insegnano ai bambini a fermarsi sempre prima di immettersi sui passaggi pedonali, facendo attenzione, inoltre, che l'automobile sia completamente ferma; un bambino, tuttavia, fa fatica a capire se il conducente si arresterà o meno, e non è nemmeno in grado di stimare la velocità del veicolo.

Rispetto a un adulto, un bambino impiega più tempo (fino a 10 secondi) prima di decidere se attraversare la strada. Anche il tempo di reazione è più lungo. A ciò, si aggiungono due fattori supplementari: il ridotto e meno ampio campo visivo degli scolari, a causa della statura e il fatto, che il conducente rischia di accorgersi in ritardo della presenza di bambini.

Consiglio ai conducenti

I bambini sono spesso distratti o con la testa fra le nuvole. Sovente reagiscono in modo imprevedibile e non sono in grado di valutare bene i pericoli insiti nella circolazione. Il TCS sconsiglia ai conducenti di fare dei gesti con la mano, o far uso degli abbaglianti, per invitare i bambini ad attraversare la strada. Quest'ultimi potrebbero precipitarsi sulla carreggiata senza fare attenzione al traffico proveniente in senso inverso.

Consigli ai genitori: percorrete il tragitto scuola-casa a piedi

Il TCS consiglia ai genitori di accompagnare a piedi, più volte prima dell'inizio delle lezioni, loro figlio sul tragitto casa-scuola. Scegliere il percorso più sicuro e non quello più breve! Agendo in questo modo, i bambini si sentiranno più sicuri nella circolazione.

E' risaputo che i bambini accompagnati a scuola in automobile hanno una minore percezione dei pericoli del traffico rispetto ai coetanei che si spostano a piedi; il rischio di un incidente sarà quindi maggiore quando si troveranno da soli sulla strada. Nel limite del possibile, i genitori dovrebbero fare in modo che il loro figlio vada a scuola a piedi affinché possa rendersi conto dei rischi della circolazione stradale.

«Grazie di fermati per me!»

Il TCS e i suoi partner ricordano agli automobilisti i comportamenti da adottare nelle vicinanze delle scuole e dei parchi giochi per bambini. I consigli seguenti si rivolgono anche ai genitori affinché contribuiscano alla sicurezza dei loro figli in strada.

Indicazioni per i conducenti

Date il buon esempio. -Riducete la vostra velocità e siate pronti a frenare. -Fermatevi completamente davanti alle strisce pedonali affinché i bambini possano attraversare. -Mantenete una distanza sufficiente dai bambini in bicicletta.

Indicazioni per i genitori

-Indicate ai vostri bambini il percorso più sicuro per andare a scuola. -Esercitate con i vostri bambini il sistema per attraversare la strada in modo sicuro. -Fate partire i vostri bambini per la scuola abbastanza presto, vestendoli con indumenti facilmente visibili e composti anche di elementi rifrangenti. -Non portate i vostri bambini a scuola in automobile. Il percorso verso la scuola è un'esperienza importante per i bambini.

Contatto:

Renato Gazzola, portavoce del TCS, 079 686 08 80,
renato.gazzola@tcs.ch

Le foto del TCS sono su Flickr
(www.flickr.com/photos/touring_club/collections).
I video del TCS sono su Youtube (www.youtube.com/tcs).

Locandine della campagna e altre informazioni sulla pagina internet
www.sicurezzastradale.tcs.ch



Weitere Meldungen: Touring Club Schweiz/Suisse/Svizzero - TCS

Das könnte Sie auch interessieren: