Liechtensteinisches Landesmuseum

Esposizione Museo nazionale del Liechtenstein: Gladiatori e Colosseo - Eroi e architettura al servizio dei potenti

Vaduz (ots) - Il mito dei gladiatori e del Colosseo gode tuttora di un certo fascino. Numerosi film quali "Il gladiatore", "Spartaco" e "Quo vadis?" rappresentano sullo schermo l'incredibile fenomeno della lotta degli uomini tra la vita e la morte, tanto che per loro è stata edificata un'apposita struttura architettonica, l'anfiteatro, il predecessore delle arene dei giorni nostri. Il museo nazionale del Lichtenstein ha deciso di dedicare a questo tema una straordinaria esposizione.

Per la prima volta nella regione alpina e in particolare per la seconda volta al di fuori dell'Italia saranno mostrati anche degli originali del Colosseo, che testimoniano l'architettura e i suoi oggetti decorativi. I diversi materiali della complessa costruzione diventeranno dei magnifici pezzi da esposizione che sarà possibile toccare, affinché l'architettura diventi anche un'esperienza tattile.

A ciò si aggiunge, a titolo d'esempio, l'armatura dei gladiatori che non soltanto è la più splendida mai ritrovata, ma è anche conservata nelle migliori condizioni possibili. Proviene dalla leggendaria scuola dei gladiatori di Pompei e si trova nel Museo archeologico nazionale di Napoli. Parallelamente ad essa, vi saranno altri oggetti originali dall'Italia a raccontare molti particolari sui gladiatori.

La straordinaria esposizione è arricchita di armature all'avanguardia, realizzate grazie alle ultime tecniche della scienza e delle armi di ogni categoria di gladiatori, nonché interessanti documenti e filmati sui gladiatori e sul Colosseo, l'edificio simbolo dell'architettura della Roma antica, dell'Italia e dell'impero romano.

Le tante domande che sorgeranno nel corso dell'esposizione troveranno certamente una risposta. Come si costruiva il Colosseo? In che modo veniva realizzato? Chi erano i gladiatori? Come combattevano, qual era la loro vita? E come si sentivano? Che ruolo svolgevano nella società?

L'esposizione racconta tutto ciò che d'importante c'è da sapere sui gladiatori e sulla costruzione architettonica realizzata per i loro combattimenti. La mostra fa luce sui munera gladiatoria, con tutti i loro alti e bassi, uno spettacolo che toglie il fiato ancora oggi.

Sotto la guida della Dott.ssa Rossella Rea, la direttrice del Colosseo, numerosi studiosi hanno redatto in occasione di quest'esposizione un catalogo nuovo di zecca, in grado di rapire i suoi lettori non solo per il testo di facile comprensione, ma anche per le sue illustrazioni. Il catalogo dell'esposizione e il suo materiale informativo sono disponibili in lingua tedesca e inglese. Soltanto presso il negozio del Museo Nazionale del Liechtenstein sarà possibile acquistare il catalogo dell'esposizione, profumi biologici da donna ("Messalina" ed "Edone") e da uomo ("Gladiatore"), realizzati per l'occasione, nonché scegliere tra le circa 600 bottiglie di vino rosso disponibili in edizione limitata prodotte dalla regale cantina "Hofkellerei Liechtenstein".

Ulteriori eventi seguiranno l'esposizione. Tra essi, vi saranno, in alcuni fine-settimana, combattimenti dei gladiatori provenienti dalla rinomata scuola di gladiatori di Treviri e il 26 marzo il noto archeologo sperimentale, dott. Marcus Junkelmann, riferirà in merito ai munera gladiatoria, in presenza di gladiatori.

L'esposizione ha luogo presso il Museo Nazionale del Liechtenstein a Vaduz dal 20 febbraio fino al 24 agosto 2014.

La conferenza stampa per l'esposizione si terrà il 19 febbraio 2014 alle ore 11:00. Seguirà una presentazione sui combattimenti dei gladiatori.

Le foto stampa sono disponibili presso: www.landesmuseum.li/medieninfo oder Flickr: http://www.presseportal.de/go2/Flickr

Contatto:

Museo Nazionale del Liechtenstein
Prof. Dott. Rainer Vollkommer
Direttore
Städtle 43, CAP 1216
9490 Vaduz
Principato del Liechtenstein

Telefono: +423 239 68 20
E-Mail: info@landesmuseum.li
www.landesmuseum.li



Plus de communiques: Liechtensteinisches Landesmuseum

Ces informations peuvent également vous intéresser: