Bundesamt f. Umwelt, Wald und Landschaft

BUWAL: Nuova Lista rossa dei licheni e revisione della Lista rossa delle libellule Licheni e libellule: la scomparsa degli habitat e la diminuzione delle specie vanno di pari passo

    Berna (ots) - Berna, 18 dicembre 2002

    In Svizzera, circa il 40 per cento dei licheni e delle libellule è oggi minacciato d'estinzione o è già scomparso. Sulla base di questa considerazione, l'UFAFP pubblica la prima Lista rossa dei licheni. Sono interessate in modo particolare le zone alpine, dove le attività ricreative sono state intensificate, le zone agricole e quelle insediate. La misura più efficace per porre freno alla diminuzione e alla scomparsa di tali specie resta però la salvaguardia degli habitat naturali.

    Molto sensibili all'inquinamento atmosferico e alle modifiche subite dai loro habitat, i licheni sono degli ottimi indicatori della qualità ambientale. Queste specie vegetali, nate dalla simbiosi tra un fungo e un'alga, pendono dai rami di vecchi alberi, quasi fossero delle barbe grigioverdi, oppure colonizzano sotto forma di macchie colorate i tronchi degli alberi fruttiferi. Secondo la Lista rossa appena pubblicata, in Svizzera circa il 37 per cento dei licheni e delle libellule è oggi minacciato d'estinzione o è già scomparso. I licheni che crescono sulla corteccia degli alberi (licheni epifiti) sono più minacciati, dato che è in pericolo il 44 per cento della popolazione, contro il 24 per cento dei licheni che vivono sulle rocce, sul terreno o sui tetti (licheni terricoli). La Lista rossa è stata stilata in collaborazione con l'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL) e l'Herbier mycologique de la ville de Genève.

    Se si vuole porre un freno alla diminuzione dei licheni è essenziale che le foreste e l'agricoltura siano gestite nel rispetto degli ambienti naturali. Per proteggere i licheni epifiti, è indispensabile che vengano preservati le vecchie foreste, i pascoli, gli alberi vecchi, i boschetti isolati e i grandi alberi fruttiferi. Per i licheni terricoli sono invece di fondamentale importanza i prati secchi su suolo calcareo o acido, le terrazze alluvionali e i prati alpini.

    Le libellule comuni diminuiscono, mentre le specie mediterranee stanno meglio La situazione delle libellule non è fra le migliori, dato che il 36 per cento delle specie è attualmente in calo, se non addirittura in via d'estinzione. Un fatto è particolarmente inquietante: oltre a certe specie rare, per ragioni non ancora stabilite con chiarezza, vi sono tre specie comuni che sono in continuo regresso dal 1994, anno di pubblicazione della prima Lista rossa. Per contro, quattro specie d'origine mediterranea vivono una situazione più positiva, dato che hanno esteso il loro territorio alle regioni più calde della Svizzera e le loro popolazioni sono in continuo aumento.

    Per limitare l'impoverimento della varietà biologica, è indispensabile adottare una gestione rispettosa dell'ambiente, che protegga stagni e laghi dallo spandimento di concime agricolo e di altri prodotti inquinanti. Un altro contributo importante in tal senso proviene anche dalla rivalutazione delle rive dei corsi d'acqua.

UFAFP  UFFICIO FEDERALE DELL'AMBIENTE, DELLE FORESTE E DEL PAESAGGIO Servizio stampa


Informazioni
- Francis Cordillot, divisione Natura e paesaggio, Ufficio federale
dell'ambiente, delle      foreste e del paesaggio, tel. 031 324 01 38,
mailto:francis.cordillot@buwal.admin.ch
- Licheni epifiti (sugli alberi):
Christoph Scheidegger, Istituto federale di ricerca per la foresta,
la neve e il paesaggio, WSL, cellulare 079 460 71 32,
mailto:scheidegger@wsl.ch
- Licheni terricoli (su rocce, terreno, tetti):
Philippe Clerc, conservatore dell'Herbier mycologique de la ville de
Genève, tel. 022 418 51 28, mailto:philippe.clerc@cjb.ville-ge.ch
- Libellule:
Yves Gonseth, Centre Suisse de Cartographie de la Faune (CSCF), tel.
032 724 92 96, mailto:yves.gonseth@cscf.unine.ch

Internet - Licheni (disponibile solo in francese): http://www.wsl.ch/media/PM- Flechtenfr.html - Libellule (disponibile solo in francese): http://www.cscf.ch//PROJETS/ODO/index_fr.htm - Liste rosse: http://www.buwal-natur.ch/i/_start.htm

Pubblicazioni - La Lista rossa dei licheni epifiti e terricoli minacciati in Svizzera (2002) è disponibile su Internet (in tedesco e francese, la versione italiana sarà disponibile all'inizio del 2003): http://www.ambiente-svizzera.ch/buwal/shop/shop.php? action=show_publ&lang=I&id_thema=2&series=VU&id_schrgruppe=0&nr_publ= 9010 Ordinazioni: UFAFP, Documentazione, fax 031 324 02 16 - La Lista rossa delle libellule minacciate in Svizzera (2002) è disponibile su Internet: http://www.ambiente-svizzera.ch/buwal/shop/shop.php? action=show_publ&lang=I&id_thema=2&series=VU&id_schrgruppe=0&nr_publ= 9011 Ordinazioni: UFAFP, Documentazione, fax 031 324 02 16



Plus de communiques: Bundesamt f. Umwelt, Wald und Landschaft

Ces informations peuvent également vous intéresser: