DEZA

DEZA: Crisi ad Haiti La DSC invia sul posto una delegazione in missione di valutazione

    Berna (ots) - Berna, 4 Marzo 2004

    La Direzione dello Sviluppo e della Cooperazione (DSC) esamina un eventuale impegno umanitario della Svizzera ad Haiti. Il 4 marzo due esperti dell’Aiuto Umanitario della DSC sono decollati alla volta di Santo Domingo, da dove proseguiranno per Haiti. Scopo della loro missione è di chiarire sul posto quali siano i bisogni umanitari.

    Dopo i gravi disordini della scorsa settimana, la partenza del presidente Aristide e l’arrivo dei primi contingenti delle truppe statunitensi, canadesi e francesi, la situazione ad Haiti si è momentaneamente stabilizzata. I due esperti svizzeri sono attesi a Port-au-Prince venerdì mattina. Essi hanno il compito di analizzare la situazione. Lo faranno in collaborazione con le organizzazioni umanitarie svizzere, le organizzazioni dell’ONU ed il CICR attivi in loco. Da chiarire vi sono sia i concreti bisogni umanitari della popolazione, sia l'evolversi della situazione riguardo alla sicurezza nel paese. Infatti, una pianificazione dettagliata ed una concretizzazione efficiente del possibile aiuto d’emergenza non sono possibili senza una presenza sul posto.

    Ad Haiti la DSC non dispone di un proprio ufficio di coordinazione, sostiene però progetti delle istituzioni umanitarie private svizzere Helvetas, Aces, Caritas, Terre des Hommes, Sacrificio quaresimale, Enfants du Monde, nonché di altre piccole organizzazioni. Le ONG elvetiche sono riunite in seno alla Platforme Haiti de Suisse e si impegnano nell’ambito dell’approvvigionamento in acqua potabile, nonché nei settori della sanità e della formazione.

DIREZIONE DELLO SVILUPPO E DELLA COOPERAZIONE (DSC) Media e Comunicazione

Per ulteriori informazioni: Thomas Jenatsch, portavoce della DSC, tel. 031 325 91 26,  079 300 48 63



Plus de communiques: DEZA

Ces informations peuvent également vous intéresser: