Verein "Nein zur 2. Gotthardröhre", "Non au 2e tube au Gothard", "No al raddoppio del Gottardo"

Associazione "No al raddoppio del Gottardo": «Siamo pronti per la campagna»

Berna/Altdorf (ots) - L'associazione «No al raddoppio del Gottardo» prende nota che il Consiglio federale ha previsto di mettere in votazione la seconda galleria autostradale al Gottardo nel 2016. «Non ci siamo mai immischiati in giochi tattici né in interessi di partito», afferma Jon Pult, copresidente dell'associazione «No al raddoppio del Gottardo» e presidente dell'Iniziativa delle Alpi: «Ci siamo preparati fin dall'inizio a qualsiasi scadenza possibile, quindi ci va bene anche il 2016.»

«Vogliamo vincere questa votazione e la vinceremo», Caroline Beglinger, copresidente dell'associazione «No al raddoppio del Gottardo» e condirettrice dell'ATA, Associazione traffico e ambiente, ne è convinta: «Siamo pronti a tutelare la Svizzera dall'eccesso di autocarri in transito». Sarà la terza votazione nazionale sul secondo tubo autostradale al Gottardo. Il popolo l'ha sempre respinto.

Una galleria stradale in più raddoppierà il numero di autocarri sull'asse di transito attraverso la Svizzera. La legge proposta dal Consiglio federale e dal Parlamento non potrà impedirlo. «Non ci si può affidare a una legge che, nella nostra dinamica democrazia, può essere modificata in qualsiasi momento», precisa Caroline Beglinger. Il secondo tubo autostradale mette in gioco la politica svizzera dei trasporti di questi ultimi decenni. Finora, essa è riuscita ad arginare il traffico in transito e a tutelare le Alpi.

Il prossimo anno entrerà in servizio la galleria ferroviaria di base del Gottardo. «Non possiamo costruire un secondo tubo stradale proprio ora che abbiamo i mezzi per trasferire il traffico merci su rotaia. Ciò è contraddittorio e dà un cattivo segnale all'economia dei trasporti e all'Europa», sostiene Jon Pult. Quattro gallerie bastano a mantenere trasporti sicuri ed efficaci anche durante il risanamento della galleria autostradale esistente. Le ricerche del Consiglio federale l'hanno dimostrato. È la miglior soluzione e la più duratura.

L'associazione «No al raddoppio del Gottardo» riunisce più di cinquanta organizzazioni:

Iniziativa delle Alpi, ATA, Associazione traffico e ambiente, SEV Sindacato del personale dei trasporti, Pro Bahn Svizzera, Coalizione per un collegamento sud-nord, PS Partito Socialista, I Verdi Svizzera, ASPU/BirdLife Svizzera, Aqua Viva, Medici per l'Ambiente, CSP-PCS Svizzera, Décroissance Berna, Partito Evangelico Svizzero, Mobilità pedonale Svizzera, Greenpeace Svizzera, Verdi liberali Svizzera, IGöV-CITRAP Svizzera, Giovani Verdi Svizzera, GISO Svizzera, Mountain Wilderness Svizzera, oeku Chiesa e ambiente, Pro Natura, Pro Velo Svizzera, SES Fondazione svizzera dell'energia, Fondazione Pusch, umverkehR / actif trafic, WWF Svizzera, Alpeninitiatives Uri, ALRA Associazione Liberale Radicale per l'Ambiente, ACSI Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana, Associazione AMICA per il miglioramento ambientale di Castione, ASTUTI Sezione Ticino di Pro Rail Svizzera, ATA Svizzera italiana, Capriasca ambiente, CITRAP Vaud, Cittadini per il Territorio, Comitato contro la superstrada Stabio est-Gaggiolo, Ficedula Società per lo studio e la conservazione degli Uccelli della Svizzera italiana, Greenpeace Ticino, I Giovani Verdi del Ticino, I Verdi del Ticino, Leventina Vivibile, Medici per l'ambiente Ticino, Moesano vivibile, OGUV Oberwalliser Gruppe Umwelt und Verkehr, Partito Socialista PS Ticino, POP Vaudois & Gauche en mouvement, Sindacato SEV Ticino, solidaritéS, SOS ambiente mendrisiotto, Urner Komitee "Nein zur 2. Röhre", Verdi Liberali Ticino, Vereinigung Bündner Umweltorganisationen, VivaGandria, WWF Svizzera italiana, Pro Natura Ticino

Contatto:

I / T / Rumantsch: Jon Pult, copresidente dell'associazione «No al
raddoppio del Gottardo» e presidente dell'Iniziativa delle Alpi, 076
508 16 33

F / T: Caroline Beglinger, copresidente dell'associazione «No al
raddoppio del Gottardo» e condirettrice dell'ATA, Associazione
traffico e ambiente, 079 310 11 86



Plus de communiques: Verein "Nein zur 2. Gotthardröhre", "Non au 2e tube au Gothard", "No al raddoppio del Gottardo"

Ces informations peuvent également vous intéresser: