SBV Schweiz. Baumeisterverband

Società Svizzera degli Impresari-Costruttori delusa: il Consiglio degli Stati spreca il maggior potenziale energetico della Svizzera

Zurigo (ots) - La Società Svizzera degli Impresari-Costruttori è profondamente delusa dalla decisione del Consiglio degli Stati di abolire dalla Strategia energetica 2050 le detrazioni fiscali per i risanamenti energetici e le nuove costruzioni sostitutive. Così la Camera alta spreca quella che è di gran lunga la maggiore potenziale risorsa per ridurre il consumo energetico in Svizzera.

La metà dell'energia consumata in Svizzera è a carico degli edifici. Se si risanasse l'intero parco edifici secondo le tecniche energetiche moderne, si risparmierebbe circa il doppio dell'energia prodotta da tutte le centrali atomiche svizzere messe insieme; se si rimpiazzassero tutti gli edifici con nuove costruzioni sostitutive, se ne risparmierebbe addirittura il triplo.

Naturalmente è impossibile risanare a tappeto l'intero parco edifici. Questo calcolo mostra però le immense potenzialità offerte dal settore edile per incrementare l'efficienza energetica. Di fronte a una percentuale di risanamenti che attualmente raggiunge appena lo 0,9% e a una percentuale di nuove costruzioni sostitutive dello 0,16%, emerge con urgenza la necessità di garantire degli incentivi sotto forma di detrazioni fiscali. Che il Consiglio degli Stati abbia anteposto all'efficienza energetica le considerazioni dei cantoni, concentrati sui propri interessi, è incomprensibile.

Contatto:

Daniel Lehmann, direttore SSIC
Mobile: +41/79/129'11'52
E-Mail: dlehmann@baumeister.ch

Martin A. Senn, vicedirettore SSIC
Responsabile Politica + comunicazione
Mobile: +41/79/301'84'68
E-Mail: msenn@baumeister.ch



Plus de communiques: SBV Schweiz. Baumeisterverband

Ces informations peuvent également vous intéresser: