SBV Schweiz. Baumeisterverband

Votazione federale - Società Svizzera degli impresari-Costruttori: Per la SSIC una cassa unica sarebbe solo una panacea

Zurigo (ots) - La Società Svizzera degli Impresari-Costruttori (SSIC) raccomanda di respingere l'iniziativa popolare «Per una cassa malati pubblica» il prossimo 28 settembre. Questa iniziativa, lanciata dall'area rosso-verde, ha lo scopo di statalizzare l'assicurazione malattie obbligatoria. L'introduzione di un tale sistema porterebbe ad un aumento dei costi, senza contribuire a ridurli.

L'iniziativa mira ad assoggettare otto milioni di cittadini alla stessa assicurazione malattie obbligatoria. Il sistema sanitario vigente, molto competitivo, con circa 60 casse malati private, sarebbe sostituito da un immenso apparato burocratico. Il solo cambiamento di sistema implicherebbe costi supplementari di almeno due miliardi di franchi. A lungo termine, non ci sarebbero più incentivi per proporre, come invece avviene adesso, un servizio amministrativo che sia il più efficace possibile. Attualmente, le spese amministrative delle casse malati private, inclusi i costi pubblicitari e di acquisizione, rappresentano soltanto il cinque percento dei costi totali.

Qualora venisse introdotta la cassa unica, la qualità delle cure diminuirebbe e si verificherebbe addirittura un razionamento delle terapie mediche, come evidenziato da alcuni esempi all'estero.

Contatto:

Martin A. Senn, vicedirettore SSIC
Responsabile Politica + comunicazione
Mobile: +41/44/258'82'60
E-Mail: msenn@baumeister.ch

Matthias Engel, portavoce SSIC
E-Mail: mengel@baumeister.ch
Tel.: +41/44/258'82'44
Mobile: +41/78/720'90'50



Plus de communiques: SBV Schweiz. Baumeisterverband

Ces informations peuvent également vous intéresser: