SBV Schweiz. Baumeisterverband

Votazione federale: Società Svizzera degli impresari-Costruttori: Prendiamo in parola gli autori dell'iniziativa: si applichi la decisione popolare in modo compatibile per l'economia

Zurigo (ots) - Benché delusa del Sì all'iniziativa "contro l'immigrazione di massa", la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori (SSIC) ritiene che si debbano prendere in parola gli autori dell'iniziativa e attuare la decisione popolare in modo compatibile per l'economia. Un'applicazione rigida rafforzerebbe la penuria di manodopera qualificata e ne deriverebbe, per l'edilizia principale e il resto dell'economia, un incremento quasi insormontabile della burocrazia.

Votando a favore dell'iniziativa popolare "contro l'immigrazione di massa", il popolo ha dato un segnale contro le ripercussioni negative della libera circolazione delle persone. Pur riconoscendo questo stato di fatto, la SSIC si aspetta che gli autori dell'iniziativa mettano le carte in tavola. Questi ultimi hanno sempre affermato che un ritorno al sistema precedente di contingentamento non avrebbe comportato un'eccessiva burocrazia e che, dunque, sarebbe stato realizzabile senza danno per l'economia. Perciò bisogna prenderli in parola; in caso contrario, le numerose PMI, che già patiscono il gran numero di disposizioni vigenti nel settore della costruzione, si troverebbero confrontate con ostacoli pressoché insuperabili.

Un altro punto da chiarire è quello relativo alla clausola "priorità degli indigeni", indicata sul testo dell'iniziativa. Si tratta di vedere se detta clausola possa veramente penalizzare, nell'ambito del reclutamento di lavoratori, i cittadini stranieri domiciliati in Svizzera. La SSIC, quale associazione padronale di un ramo nel quale i cittadini dell'UE rappresentano più del 50% del personale sui cantieri, si oppone chiaramente a una tale interpretazione restrittiva del testo dell'iniziativa.

Sollevata dal Sì chiaro al FAIF

Per la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori (SSIC), l'accettazione da parte di una forte maggioranza del Finanziamento e l'ampliamento dell'infrastruttura ferroviaria (FAIF) mostra che la popolazione è a favore di infrastrutture del traffico efficienti. Data l'approvazione di questo progetto, saranno disponibili sufficienti mezzi finanziari nell'esercizio e nella manutenzione della rete ferroviaria. Sarà possibile, inoltre, rafforzare la sicurezza e provvedere ad un potenziamento adeguato della rete viaria.

Contatto:

Werner Messmer, presidente centrale SSIC
Mobile: +41/79/445'77'89
E-Mail: werner.messmer@messmer.ch

Daniel Lehmann, direttore SSIC
Mobile: +41/79/129'11'52
E-Mail: dlehmann@baumeister.ch

Martin A. Senn, vicedirettore SSIC
Responsabile Politica + comunicazione
Mobile: +41/79/301'84'68
E-Mail: msenn@baumeister.ch



Plus de communiques: SBV Schweiz. Baumeisterverband

Ces informations peuvent également vous intéresser: