SRG SSR

La SRG SSR divulga i costi delle trasmissioni radiofoniche e televisive - il rapporto di gestione 2015 è ora online

Bern (ots) - Berna, 2 maggio 2016. Con la pubblicazione del rapporto di gestione 2015, la SSR fa un ulteriore passo avanti verso una maggiore trasparenza nei confronti del pubblico: dopo la SRF, che aveva già diffuso i costi delle sue trasmissioni TV lo scorso autunno, ora è il turno delle emittenti della Svizzera francese, italiana e romancia. Inoltre, tutte le regioni pubblicano i costi delle loro reti radiofoniche. Nel nuovo capitolo «Il servizio pubblico in cifre», la SSR fornisce una panoramica dei suoi proventi e investimenti. Per di più, sono resi noti fatti e cifre su collaboratori e stipendi. I delegati dell'Associazione SSR hanno approvato il rapporto di gestione e il conto annuale 2015 in occasione dell'Assemblea dei delegati.

Le unità aziendali della SSR divulgano ora i costi di notiziari, magazine, dibattiti, lungometraggi, serie, trasmissioni musicali e d'intrattenimento, documentari, reportage e trasmissioni sportive. In aggiunta, tutte le emittenti pubblicano i costi delle loro reti radiofoniche.

I costi dettagliati per generi di programma relativi a SRF, RTS, RSI e RTR sono consultabili ai seguenti link:

Schweizer Radio und Fernsehen (SRF):

www.srf.ch/sendungskosten

Radio Télévision Suisse (RTS):

www.rtsentreprise.ch/emissions-couts

Radiotelevisione svizzera (RSI):

www.rsi.ch/costi

Radiotelevisiun Svizra Rumantscha (RTR): www.rtr.ch/custs

I delegati della SSR approvano il rapporto di gestione

Il rapporto di gestione 2015 presenta i proventi e le spese sotto forma di grafici, accompagnati da commenti esplicativi. La SSR pubblica inoltre per la prima volta le spese distinte per audio e video nonché i costi della tecnica, dell'informatica e degli immobili. Rispetto agli anni precedenti, la SSR ha notevolmente ampliato e approfondito il capitolo sul personale, riportando fatti e cifre dettagliati su collaboratori e salari.

Sotto la presidenza di Viktor Baumeler, i delegati di tutte le regioni svizzere hanno approvato il rapporto di gestione e il conto annuale 2015 in occasione dell'Assemblea dei delegati del 29 aprile 2016. Il rapporto di gestione, disponibile solo in tedesco e francese, è da subito consultabile online al seguente link: www.srgssr.ch/gb2015. Oltre che su una maggiore trasparenza dei dati, il rapporto di gestione si concentra sui temi della qualità e del servizio pubblico. Il conto annuale 2015 chiude con un disavanzo di 90 milioni di franchi (cfr. comunicato stampa del 7 aprile 2016). Tale deficit è ascrivibile al calo degli introiti pubblicitari e a due eventi straordinari, ossia l'abbassamento del tasso d'interesse tecnico della Cassa pensioni e la decisione del Tribunale federale concernente l'IVA. Per il 2016 la SSR prevede di ritornare nelle cifre nere. Le misure di austerità avviate nel 2015 assicurano finanze solide e gettano le basi per un bilancio in pareggio negli anni a venire.

Scambio di opinioni con il presidente della COFEM Otfried Jarren sui futuri scenari mediatici

L'Assemblea dei delegati, quale organo supremo della SSR e parte dell'associazione mantello, ha il mandato di condurre e promuovere il dibattito sul servizio pubblico. Otfried Jarren, presidente della Commissione federale dei media COFEM, ha illustrato il rapporto «I media del servizio pubblico in Svizzera». Ha discusso con i delegati sui futuri scenari mediatici nell'era digitale, sull'indispensabile contributo sociale della SSR e sul suo ruolo di primo piano nel processo democratico di formazione delle opinioni.

BDO SA è il nuovo ufficio di revisione

Su richiesta del Consiglio d'amministrazione, l'Assemblea dei delegati ha nominato la fiduciaria svizzera BDO SA nuovo ufficio di revisione esterno dal 2016. BDO succede alla società Ernst & Young SA, che ha adempiuto il mandato negli ultimi sette anni.

Contatto:

Comunicazione aziendale SSR
Simon Denoth, portavoce, 079 266 09 74,
medienstelle.srg@srgssr.ch


Plus de communiques: SRG SSR

Ces informations peuvent également vous intéresser: