EKAS / CFST / CFSL

La direttiva MSSL riveduta alleggerisce il lavoro alle imprese più piccole: meno lavoro amministrativo, più orientamento verso la prassi

Meno lavoro amministrativo: la direttiva MSSL riveduta alleggerisce il lavoro alle piccole imprese. Texte complementaire par ots. L''utilisation de cette image est pour des buts redactionnels gratuite. Imprimage sous indication: "obs/EKAS".

    - Indicazioni: Vedere fotografia su      
    http://www.presseportal.ch/fr/story.htx?firmaid=100011772 -

    Lucerna (ots) - A partire dal 1° febbraio 2007 entrerà in vigore la direttiva riveduta sul ricorso ai medici del lavoro e altri specialisti della sicurezza sul lavoro (in breve: direttiva MSSL). La Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL con questa revisione orientata verso la prassi assicura considerevoli semplificazioni del lavoro amministrativo ed offre alle imprese un ottimo sostegno per mettere in atto le misure per la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute.

    La sicurezza sul lavoro e la protezione della salute interessano tutti quanti: le ditte che mettono in atto le misure di prevenzione approfittano di premi assicurativi più stabili ed evitano i costi diretti ed indiretti per gli infortuni come le ore di lavoro mancate, le rivendicazioni nell'ambito della responsabilità civile e addirittura le conseguenze penali. La CFSL ha rielaborato la direttiva MSSL; i rappresentanti degli ispettorati del lavoro, della Segreteria di Stato per l'Economia SECO, dell'INSAI, delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori hanno apportato le loro esperienze degli ultimi dieci anni nell'attuazione della direttiva.

    Un passo esemplare per una prevenzione ancora più efficace

    La versione che entrerà in vigore a partire dal 1° febbraio 2007 conferma il continuo impegno mostrato a favore della protezione dei lavoratori delle singole imprese e degli organi delle soluzioni interaziendali. Essa apporta un significativo alleggerimento amministrativo a circa 260'000 PMI. I vantaggi maggiori andranno soprattutto alle imprese più piccole con particolari pericoli, secondo quanto è emerso dall'indagine condotta dal SECO: lo sgravio attribuibile alla riduzione del lavoro amministrativo è stimato nell'ordine di decine di milioni. Il Presidente della CFSL Dr. Ulrich Fricker afferma: "Dalla direttiva riveduta con le disposizioni semplificate ci attendiamo un nuovo slancio per promuovere la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute: d'ora in poi decine di migliaia di imprese potranno utilizzare i mezzi disponibili in modo più efficace, traendo i massimi vantaggi e riducendo i casi di infortunio".

    Criteri razionali, definizioni chiare

    È stata semplificata la suddivisione delle imprese in quattro categorie. Ora le ditte non esposte a particolari pericoli che hanno fino a 50 collaboratori devono rispettare le norme di base dell'ordinanza sulla prevenzione degli infortuni, ma in proposito non è più prevista alcuna documentazione di sistema. La CFSL mette a disposizione alcuni strumenti utili sul suo sito www.ekas.ch. Le ditte con meno di 10 collaboratori esposte a "particolari pericoli" ora possono documentare le misure intraprese con mezzi semplici. Le ditte con 10 o più collaboratori esposte a "particolari pericoli" documentano l'organizzazione e le misure adottate per la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute. Inoltre, esse devono coinvolgere gli specialisti se in azienda mancano le conoscenze tecniche necessarie.

    Nella maggior parte dei casi si raccomanda una soluzione settoriale.

    Compiti della CFSL

    La Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL svolge un ruolo di piattaforma girevole nell'ambito della sicurezza sul lavoro e la protezione della salute: essa si occupa dell'applicazione uniforme delle norme di sicurezza nelle aziende, della distribuzione coordinata dei mezzi finanziari ed assicura la collaborazione costruttiva ed efficace tra ispettorati del lavoro cantonali, SECO, INSAI e le organizzazioni di settore. La presidenza attraverso la commissione di 11 componenti, alla quale partecipano anche i delegati delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori, è affidata all'INSAI, che dirige anche l'Amministrazione. Per maggiori informazioni visitate il sito www.ekas.ch.

    Il comunicato stampa e il materiale fotografico sono disponibili per il download all'indirizzo www.ekas.ch/asa.

ots Originaltext: Commissione federale di coordinamento per la
                            sicurezza sul lavoro
Internet:              www.presseportal.ch

Contatto:
Dr. Serge Pürro
Segretario Generale
Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro
Fluhmattstrasse 1
6002 Lucerna
Tel.:    +41/41/419'51'59
E-Mail: serge.puerro@ekas.ch



Plus de communiques: EKAS / CFST / CFSL

Ces informations peuvent également vous intéresser: