Schweizerische Herzstiftung / Fondation Suisse de Cardiologie / Fondazione Svizzera di Cardiologia

Malattie cardiovascolari: le fumatrici corrono il rischio maggiore

Berna (ots) - In Svizzera le malattie cardiovascolari sono la causa principale di decesso tra le donne. Tuttavia, molte donne credono che l'infarto cardiaco o l'ictus cerebrale siano principalmente un problema maschile. Pertanto la Fondazione Svizzera di Cardiologia condurrà da metà a fine maggio 2016, per la seconda volta, un'iniziativa informativa presso i chioschi. Le donne dai 40 anni in su saranno sensibilizzate sui rischi cardiovascolari e motivate a smettere di fumare.

La Fondazione Svizzera di Cardiologia si adopera da anni con il programma «Donna&Cuore» per fornire alle donne informazioni migliori sulla loro specifica situazione di rischio. Il Fondo di prevenzione del tabagismo partecipa al finanziamento del progetto. Le cardiopatie e l'ictus cerebrale tra le donne si manifestano per lo più dopo il climaterio, quindi a essere sensibilizzate sulle malattie cardiovascolari e sui relativi fattori di rischio devono essere soprattutto le donne dai 40 anni in su. L'attenzione è rivolta al fumo, il principale fattore di rischio influenzabile per le malattie cardiovascolari. Una donna che fuma corre un rischio da tre a quattro volte maggiore di morire di infarto cardiaco rispetto a una non fumatrice.

Tra l'11 e il 31 maggio 2016 in circa 850 chioschi di tutta la Svizzera saranno distribuiti alle donne 250'000 volantini. Il volantino contiene suggerimenti per uno stile di vita sano per il cuore, fornisce informazioni sui rischi cardiovascolari e rimanda a offerte di supporto per smettere di fumare, per esempio alla Linea stop tabacco 0848 000 181. Un concorso con domande sulle conoscenze intende motivare le donne a confrontarsi con la propria situazione di salute e con la disassuefazione dal fumo. È possibile partecipare al concorso anche sul sito www.donnaecuore.ch. Inoltre, il 31 maggio 2016 ha luogo per la prima volta la Giornata nazionale senza fumo con relativo concorso (informazioni dettagliate sul sito www.stoptabacco.ch). Questa iniziativa sarà realizzata nell'ambito del Programma nazionale per smettere di fumare, promosso dalla Lega svizzera contro il cancro, dalla Lega polmonare svizzera, dalla Fondazione Svizzera di Cardiologia e dall'Associazione svizzera per la prevenzione del tabagismo AT.

Smettere di fumare ripaga sempre

Dei 9500 casi di decesso annui riconducibili al fumo in Svizzera, il 39 percento è costituito da malattie cardiovascolari. La buona notizia è che smettere di fumare ripaga sempre, indipendentemente dall'età. Già dopo 24 ore diminuisce il rischio di essere colpiti da un infarto cardiaco e dopo un anno la probabilità di incorrere in una coronaropatia (disturbo circolatorio dei vasi coronarici) si è ridotta della metà. Oltre alla disassuefazione dal fumo è possibile integrare nella vita quotidiana altri modelli comportamentali che agiscono efficacemente contro le malattie cardiovascolari. Tra queste, un'alimentazione equilibrata, un peso corporeo sano, attività fisica regolare e assenza di stress costante.

Il comunicato può essere scaricato da www.swissheart.ch/media

Contatto:

Stefanie Oehler, Responsabile informazione e prevenzione
Fondazione Svizzera di Cardiologia
Telefono 031 388 80 95
oehler@swissheart.ch


Plus de communiques: Schweizerische Herzstiftung / Fondation Suisse de Cardiologie / Fondazione Svizzera di Cardiologia

Ces informations peuvent également vous intéresser: