Schweizerische Herzstiftung / Fondation Suisse de Cardiologie / Fondazione Svizzera di Cardiologia

Fondazione Svizzera di Cardiologia - Premio di ricerca 2007 - Gli stent più cari sono economici?

Berna (ots) - Anche in medicina più caro non significa necessariamente migliore. Lo dimostra uno studio dell'Università di Basilea riguardante gli stent per migliorare la circolazione sanguigna nelle coronarie ristrette. Per il suo lavoro all'autore il Dr. Christoph Kaiser il 14 giugno sarà conferito il premio di ricerca 2007 della Fondazione Svizzera di Cardiologia. Un nuovo trattamento medico è non soltanto buono ma anche economico? Il cardiologo Dr. Christoph Kaiser di Basilea ha fatto il calcolo nel caso degli stent, reticelle tubolari di metallo con cui si ripristina il flusso del sangue nelle coronarie occluse o ristrette. Lo studio "BASKET" (Basel Stent Kosten Effektivitäts-Trial) aveva lo scopo di esaminare il rapporto tra costo e beneficio dal profilo medico di una generazione più recente ma più cara di stent. Non è lo stesso per tutti i pazienti Per inserire uno stent a sostegno del vaso sanguigno occorre un intervento relativamente piccolo, che a molti pazienti risparmia un'operazione (bypass). Ma gli stent tradizionali hanno un punto debole: in circa un quarto dei pazienti a cui si applicano, nel punto in cui vengono inseriti del tessuto cicatriziale può proliferare e restringere di nuovo la coronaria (ristenosi). I pazienti in cui ciò si verifica devono tornare all'ospedale per far riaprire un'altra volta il vaso sanguigno. Con una generazione più recente di stent questo rischio è nettamente ridotto. La loro superficie è rivestita di medicamenti che impediscono l'eccessiva formazione di tessuto cicatriziale: un vantaggio che, nonostante il loro prezzo più elevato, negli scorsi cinque anni ha contribuito ad una loro rapida larga diffusione soprattutto in Svizzera e negli Stati Uniti. La domanda che il Dr. Christoph Kaiser ed il suo team si sono posta era: il prezzo più elevato degli stent rivestiti di medicamenti è compensato dal possibile risparmio di future giornate di permanenza in ospedale? Per accertarlo i ricercatori hanno seguito ed esaminato 826 pazienti per sei mesi. Il comunicato completo ai media e delle fotografie del premiato si possono richiamare da: http://www.swissheart.ch/i/service/medienmitteilungen.shtm#221 ots Originaltext: Fondazione Svizzera di Cardiologia Internet: www.presseportal.ch/fr Contact: Rahel Bracher, Segretariato scientifico Tel.: +41/31/388'80'87 Fax: +41/31/388'80'88 Cellulare: +41/79/247 19 49 E-Mail: bracher@swissheart.ch Vincitore del premio per il 2007: Dr. Christoph Kaiser Responsabile del laboratorio di cateterismo cardiaco Universitätsspital Basel Tel.: +41/61/265'25'25 E-mail: kardiologie@uhbs.ch

Plus de communiques: Schweizerische Herzstiftung / Fondation Suisse de Cardiologie / Fondazione Svizzera di Cardiologia

Ces informations peuvent également vous intéresser: