Swissgrid AG

swissgrid - Misure per un approvvigionamento elettrico sostenibile e sicuro

Stabilità della rete grazie alla solidarietà

    Laufenburg (ots) - La situazione attuale in Europa è caratterizzata da un crescente consumo di elettricità e dalla riduzione delle capacità di rete disponibili. Per continuare a garantire un approvvigionamento sicuro e affidabile anche in futuro, entro la fine del 2007 i gestori delle reti svizzere di trasmissione e distribuzione adotteranno i necessari provvedimenti tecnici e organizzativi per garantire, in tutte le sottostazioni, il cosiddetto distacco automatico di carico in funzione della frequenza di rete. L'attuazione di queste misure è subordinata alle regolamentazioni valide a livello europeo, che hanno carattere vincolante anche per la Svizzera.

    L'approvvigionamento elettrico in Svizzera è assicurato dalla rete di distribuzione elettrica nazionale ad alta e ad altissima tensione da 220 e 380 kilovolt, che a sua volta è integrata nella rete d'interconnessione internazionale dell'UCTE (Union for the Coordination of Transmission of Electricity). Questa organizzazione garantisce una gestione sicura della rete in 24 Stati europei e per 450 milioni di persone. All'interno dell'Europa, la Svizzera è una piattaforma energetica che svolge un ruolo importante, di cui beneficia tutta l'economia del nostro Paese.

    Una direttiva UCTE, vincolante anche per la Svizzera, stabilisce che devono sempre essere disponibili delle centrali elettriche in grado di garantire una produzione di riserva. In caso d'emergenza - ad esempio quando si verifica un'improvvisa interruzione di un'importante linea elettrica o di una grande centrale - le centrali di riserva sopra menzionate, che sono già collegate alla rete, devono poter essere attivate in pochi minuti o addirittura secondi allo scopo di stabilizzare la rete elettrica. Se la loro attivazione non è sufficiente a ripristinare la situazione, occorre diminuire immediatamente il carico della rete di trasmissione. Se si verifica un simile evento - ovvero in caso di superamento di una determinata frequenza di rete - singole aree di approvvigionamento vengono escluse mediante la procedura automatica di distacco di carico. In questo modo il carico dell'intera rete viene ridotto per effetto della diminuzione del consumo. A tale scopo i gestori delle reti di trasmissione e distribuzione suddividono preventivamente la Svizzera in singole piccole regioni in base a criteri neutrali. In caso di emergenza, il distacco di carico avviene in modo casuale, secondo il principio della solidarietà. Con questa procedura, la probabilità di essere toccati da una simile interruzione di corrente è uguale per tutti i consumatori di energia elettrica. Dopo aver azionato questo "freno d'emergenza", la frequenza di rete originaria di 50 hertz viene ripristinata e nel giro di poche ore è possibile erogare nuovamente l'energia elettrica ai clienti interessati dalla disattivazione.

    Questa misura protegge l'intera rete elettrica e consente di evitare interruzioni di corrente a livello nazionale o addirittura internazionale. In un simile caso i lavori di ripristino della rete potrebbero durare anche alcuni giorni, con ripercussioni molto negative sull'economia di tutta la Svizzera. Inoltre potrebbero pure verificarsi gravi danni alle centrali elettriche.

    Dato che il gestore di rete non disporrebbe del tempo di reazione necessario, questa misura di protezione della rete in funzione della frequenza viene attuata automaticamente. Entro la fine del 2007, l'industria elettrica svizzera doterà tutti i punti principali della rete elettrica dei necessari dispositivi tecnici, i cosiddetti relè di frequenza. Con l'attuazione di questa misura, il settore svizzero dell'elettricità fornisce un importante contributo per garantire l'approvvigionamento elettrico all'economia svizzera anche in caso di uno straordinario calo della frequenza.

    Una simile gestione (di improvvisi malfunzionamenti) della rete attraverso il distacco di reti parziali, che consente di mantenere un esercizio (ridotto) della stessa, è paragonabile alle misure di protezione della rete già preparate dal legislatore per far fronte a difficoltà di approvvigionamento prevedibili a medio e lungo termine. Le aziende fornitrici di energia elettrica si attendono che dal 1° gennaio 2008 il legislatore provveda, sulla stessa base legale, a garantire la sicurezza giuridica anche per il distacco di carico.

    Potete ottenere ulteriori informazioni in merito al distacco di carico scrivendo a media@swissgrid.ch oppure telefonando al numero +41/58/580'24'00.

    moving power - swissgrid, la società nazionale dei gestori di rete, assicura in qualità di operatore delle reti di distribuzione l'operatività sicura, affidabile ed economica della rete elvetica ad altissima tensione. La società, con sede centrale a Laufenburg, occupa circa 130 collaboratori qualificati. In veste di membro del sistema elettrico europeo UCTE e dell'organizzazione europea dei gestori delle reti di trasmissione ETSO, swissgrid assolve inoltre funzioni nei settori del monitoraggio e dello sfruttamento della rete nel traffico elettrico europeo. L'unione svizzera delle società elettriche, costituita dalle sette aziende Atel, BKW, CKW, EGL, EOS, EWZ e NOK, detiene il 100% del capitale azionario di swissgrid.

ots Originaltext: swissgrid
Internet: www.presseportal.ch/fr

Contatto:
swissgrid Media Service
Monika Walser
Werkstrasse 12
5080 Laufenburg
E-Mail:    media@swissgrid.ch
Internet: www.swissgrid.ch
Tel.:        +41/58/580'24'00
Fax:         +41/58/580'24'94



Plus de communiques: Swissgrid AG

Ces informations peuvent également vous intéresser: