Max Havelaar-Stiftung (Schweiz)

Swiss Fairtrade: il commercio equo consolida il suo impegno in Svizzera

Berna (ots) - Con la costituzione, l'8 ottobre 2007, dell'associazione Swiss Fairtrade, i principali attori del commercio equo si uniscono per consolidare il loro impegno in Svizzera. La nuova associazione riunisce i protagonisti del commercio equo: importatori, organismi di certificazione, organizzazioni-mantello del commercio equo al dettaglio e ONG. Swiss Fairtrade diventa cos" l'organizzazione di riferimento per il commercio equo in Svizzera, che si propone di promuovere relazioni commerciali sostenibili. Le organizzazioni che fanno parte di Swiss Fairtrade, si impegnano affinché contadine e contadini, artigiane ed artigiani, imprenditrici ed imprenditori di piccole aziende operanti in regioni e condizioni svantaggiate, siano in grado di ricavare risorse sufficienti per assicurare loro un futuro sostenibile. In qualità di organizzazione di riferimento e quale portavoce del commercio equo, la neo-costituita associazione si propone di esercitare pressioni sul mondo politico per favorire pratiche commerciali eque e di seguire l'attualità con sguardo critico. Swiss Fairtrade si preoccuperà pertanto di mettere in luce le situazioni di mal-sviluppo e di difendere gli interessi dei produttori del Sud del mondo. Proprio perché un numero crescente di imprese si vuole impegnato per un commercio più equo, è sorta la necessità una definizione rigorosa dei criteri alla base di un vero rapporto di partenariato con i produttori. Il movimento del commercio equo in Svizzera ha pertanto il compito di continuare a distinguere il vero commercio equo - quello cioè che garantisce relazioni durevoli, sostenibili e coerenti - dalle varie iniziative commerciali e dalla profusione di etichette e di strumenti di marketing che non lo rappresentano. Swiss Fairtrade vuole assumersi questi compiti anche in collaborazione con quelle organizzazioni internazionali (IFAT, FLO) che giocano un ruolo importante nello scenario del commercio equo. Ulteriori informazioni su: http://www.swissfairtrade.ch ots Originaltext: Max Havelaar-Stiftung (Schweiz) Internet: www.presseportal.ch/fr Contatto: Daniela Sgarbi Sciolli Ass. Botteghe del Mondo Tel.: +41/91/857'72'33

Ces informations peuvent également vous intéresser: