Allianz Suisse

La galleria di base del San Gottardo, l'opera del secolo: un rischio eccezionale anche per Allianz Suisse

Wallisellen (ots) - Con una somma assicurata di circa undici miliardi di franchi, la costruzione della galleria di base del San Gottardo rappresenta il più grande rischio mai assicurato da Allianz Suisse in Svizzera. La nostra compagnia è stata fin dall'inizio uno degli assicuratori principali del progetto e oggi, alla vigilia dell'inaugurazione della galleria di base del San Gottardo, può tracciare un bilancio positivo.

Le grandi opere come la galleria di base del San Gottardo comportano notevoli rischi legati a crolli, incendi, inondazioni, fughe di gas, terremoti, macchinari pesanti, esplosivi e non per ultimo all'uomo. Nei casi più gravi i danni possono totalizzare rapidamente centinaia di milioni di franchi. Ciò significa che senza le adeguate soluzioni assicurative il rischio legato alla costruzione della galleria sarebbe stato interamente a carico del committente dei lavori, l'AlpTransit San Gottardo SA, e delle imprese edili coinvolte.

Soluzioni assicurative su misura

Grazie all'esperienza acquisita a livello mondiale nell'ambito dei grandi progetti e alla sua forza finanziaria, Allianz Suisse è entrata nella cerchia degli assicuratori principali dell'intero progetto della nuova ferrovia transalpina (NFTA) - che comprende le gallerie di base dal San Gottardo, del Ceneri e del Lötschberg - con una somma assicurata di circa 11 miliardi di franchi. "Nel mondo c'erano solamente poche compagnie che avessero abbastanza esperienza da valutare correttamente il rischio", ha affermato Beat Guggisberg, responsabile Assicurazioni tecniche. Il geofisico esperto di rischi è l'uomo della prima ora nel progetto NFTA, che segue da ormai 20 anni. Allianz Suisse ha messo a disposizione un team di esperti assicurativi dei settori della responsabilità civile, degli infortuni, delle assicurazioni tecniche e dei sinistri per seguire questa importante opera. Naturalmente non era possibile adottare una soluzione assicurativa generale perché ogni grande progetto richiede un contratto di assicurazione individuale. "Per quanto riguarda la NFTA ci siamo potuti basare soltanto limitatamente sulle esperienze fatte nell'ambito di progetti simili: le caratteristiche geologiche e le tecniche di costruzione impiegate sono, in effetti, molto diverse. Per questo motivo i rischi devono essere prima individuati con un approccio di risk management", ha sottolineato Guggisberg. Nei progetti di così ampia durata è possibile inoltre che le basi rilevanti ai fini del rischio cambino con il tempo. Le assicurazioni dei grandi rischi vengono quindi continuamente adeguate alle nuove condizioni nel corso della durata del contratto. Proprio per individuare per tempo eventuali mutamenti delle esigenze e i nuovi fattori di rischio e per poter apportare le necessarie modifiche al contratto, gli esperti di assicurazione di Allianz Suisse hanno visitato regolarmente i cantieri.

Sinistrosità positiva

I lavori nella galleria di base del San Gottardo hanno rappresentato un rischio straordinario sotto ogni punto di vista. Oltre all'opera di per sé, bisognava infatti assicurare le persone che hanno partecipato ai lavori e le infrastrutture costruite appositamente, come gli impianti di betonaggio, i terminal di carico, le stazioni di trasformazione, le discariche, i depositi di esplosivi, le mense, gli uffici e gli alloggi prefabbricati. Un aspetto particolarmente critico era rappresentato dalle grandi profondità di lavoro con temperature molto alte, dalla roccia spingente e dal pericolo legato ai macchinari pesanti utilizzati. Nonostante tutto Guggisberg, esperto di analisi dei rischi, non ha mai trascorso notti insonni: "Le difficoltà sono state dominate alla perfezione dagli ingegneri e dalle imprese e anche dal punto di vista assicurativo è sempre stato tutto sotto controllo, dalla gestione del rischio a quella dei sinistri, alle rinegoziazioni", ha dichiarato, facendo così un bilancio positivo. Il più grande danno singolo, verificatosi 10 anni fa a Sedrun quando una galleria è crollata durante l'avanzamento, rendendo necessaria un'opera di stabilizzazione, è stato di poco meno di due milioni di franchi, ma ciò non ha comunque comportato un rallentamento dei lavori. Anche le scosse e i cedimenti della montagna, causati dalla costruzione della galleria, hanno tenuto occupati i consulenti assicurativi di Allianz Suisse.

Grazie all'attiva gestione del rischio da parte del committente, i danni sono stati addirittura minori rispetto alle previsioni, nonostante il grandissimo potenziale di rischio per Allianz Suisse. "Siamo fieri di aver apportato la nostra esperienza in materia di rischio non solo a questo importante progetto: la galleria di base del Lötschberg funziona già a pieno regime e adesso bisogna continuare a seguire anche la costruzione della galleria di base del Ceneri", ha affermato Guggisberg.

Contatto:

Hans-Peter Nehmer
direttore Comunicazione aziendale
Telefono: 058 358 88 01
hanspeter.nehmer@allianz.ch

Bernd de Wall
Senior Spokesperson
Telefono: 058 358 84 14
bernd.dewall@allianz.ch


Plus de communiques: Allianz Suisse

Ces informations peuvent également vous intéresser: