Schweizerische Zahnärzte-Gesellschaft SSO

Oro vecchio per la vista: l'impegno dei dentisti contro la cecità causata dalla povertà

La Società svizzera di odontologia e stomatologia SSO e la Croce rossa svizzera (CRS) esortano la popolazione a partecipare all'azione "Regalare la vista" per combattere la cecità causata dalla povertà. Texte complémentaire par ots. L'utilisation de cette image est pour des buts redactionnels gratuite. Reproduction sous indication de ...

    - Indicazioni: Vedere fotografia su       http://www.presseportal.ch/de/story.htx?firmaid=100007849&lang=4 -

    Berna (ots) - Ogni minuto un bambino diventa cieco semplicemente perché è povero. A causa della povertà, ogni minuto dodici persone nel mondo perdono la vista. Oltre venti milioni di persone diventano cieche a causa della cataratta. La fame, l'assenza di servizi sanitari e il costante abbagliamento dei raggi UV rovinano gli occhi in modo permanente. La Società svizzera di odontologia e stomatologia SSO e la Croce rossa svizzera (CRS) esortano la popolazione a partecipare all'azione "Regalare la vista" per combattere la cecità causata dalla povertà.

    La maggior parte dei ciechi vive nelle regioni povere e non ha accesso alle cure mediche. La Società svizzera di odontologia e stomatologia si impegna con la Croce rossa svizzera per prevenire e curare la cecità dovuta alla povertà. Da oltre vent'anni l'azione "Regalare la vista" restituisce la vista ai ciechi. Nei paesi sottosviluppati, infatti, la cecità può essere prevenuta o curata adottando misure semplici: lo scorso anno, per esempio, grazie a questa azione è stato possibile visitare mezzo milione di persone in Africa e in Asia,  16'000 delle quali sono state operate con successo di cataratta.  

    Per finanziare questo progetto il dottor Max Schatzmann, un dentista della svizzera orientale, ha creato nel 1980 l'azione "Oro vecchio per ridare la vista", che oggi viene portata avanti dalla Croce rossa svizzera e sostenuta in modo determinante dalla Società svizzera di odontologia e stomatologia SSO:  si chiede ai pazienti di donare per questa buona causa vecchi denti, corone e ponti d'oro, nonché gioielli d'oro e d'argento smessi. Per questa azione la CRS ha creato appositamente delle buste, che i pazienti possono richiedere al proprio dentista. Nel 2005 sono stati raccolti 45 kg d'oro fino, 13 d'argento, 5,5 di palladio e 2 di platino! Con il ricavato della fusione dei metalli preziosi e della vendita dei gioielli che si prestano ad essere rivenduti, la Croce rossa rende possibili i trattamenti oftalmologici in Nepal, Tibet, Ghana, Mali, Togo e Ciad.

    Per le persone che vivono nei paesi poveri perdere la vista è doppiamente doloroso: chi è colpito dalla cecità non perde solo la sua autonomia, ma diventa un peso per la sua famiglia. Nei paesi come il Nepal, dove le famiglie necessitano del contributo di tutti i loro membri, la cecità di un famigliare può far sprofondare tutta la famiglia nella povertà più nera.

    Si calcola che al mondo ci siano circa 45 milioni di persone cieche. A questa cifra ogni anno si aggiungono da uno a due milioni di persone. La maggioranza dei ciechi vive nelle zone depresse e non ha accesso alle cure mediche. E pensare che, a poco prezzo, l'80 per cento di queste persone potrebbe mantenere la vista! L'azione "Regalare la vista" dà un contributo concreto. I medici dentisti della SSO fanno appello alla popolazione svizzera affinché nel 2007 pensino anche alle persone che grazie ai vecchi denti d'oro hanno riacquistato la vista: un regalo di immenso valore!

    La Croce rossa svizzera accetta volentieri anche il vostro contributo diretto. Inviate vecchi denti, ponti e corone d'oro, gioielli che non portate più o un contributo in denaro al seguente indirizzo:

Croce rossa svizzera "Regalare la vista" Rainmattstr. 10 3001 Berna

PC 30-4200-3, motivo versamento "Regalare la vista"

ots Originaltext: Servizio stampa e d'informazione SSO
Internet: www.presseportal.ch/fr

Contatto:
Felix Adank
Servizio stampa e d'informazione SSO
Tel.: +41/31/310'20'80



Plus de communiques: Schweizerische Zahnärzte-Gesellschaft SSO

Ces informations peuvent également vous intéresser: