TA-Swiss

TA-SWISS: I giovani s’interrogano sulla ricerca sul cancro

Berna (ots) - La medicina non può fare a meno della ricerca su esseri umani e nell’ambito della ricerca clinica i bambini e i giovani hanno bisogno di una protezione particolare. Che ne pensano i giovani stessi della ricerca su esseri umani? In tre workshop, il Centro per la valutazione delle scelte tecnologiche TA-SWISS in collaborazione con l’Ufficio federale della sanità pubblica e la Lega cancro svizzera raccoglierà le opinioni di ragazzi e giovani adulti. Più della metà dei medicinali attualmente in commercio è stata testata esclusivamente su persone adulte. Per i farmaci contro il cancro, questa quota si situa addirittura tra il 70 e l’80 per cento. Ma sempre più spesso i farmaci contro il cancro sono prescritti anche a pazienti giovani. Vi sono tuttavia dei problemi, perché i bambini non sono semplicemente degli adulti in formato ridotto. Le dosi, per esempio, devono essere adattate all’età. Per questo motivo, la pediatria chiede con crescente insistenza sperimentazioni cliniche specifiche sui bambini. PubliTalk – cosa pensano i giovani? I giovani sono disposti a partecipare quali soggetti di studio a esperimenti della ricerca clinica? Chi deve autorizzare la partecipazione di minorenni a queste sperimentazioni? Quali sono gli aspetti della ricerca sul cancro particolarmente controversi per i ragazzi e i giovani adulti? Per consentire ai giovani stessi di rispondere a questi interrogativi, tra la fine di novembre e la metà di dicembre TA-SWISS organizza tre workshop di mezza giornata presso tre scuole. Questi cosiddetti «PubliTalks» si terranno a Lugano, Bienne e Zurigo e saranno sostenuti professionalmente e finanziariamente dall’Ufficio federale della sanità pubblica e dalla Lega cancro svizzera. PubliTalk – una prima Il punto di partenza dei tre «PubliTalks» sarà costituito dall’esperienza della malattia di un giovane paziente. Questo ritratto sarà poi inserito nel contesto più ampio della futura legge concernente la ricerca su esseri umani da due esperti di medicina ed etica. Successivamente, con l’aiuto di un moderatore i giovani discuteranno della ricerca fondamentale, della ricerca clinica e del consenso. I risultati dei tre workshop, riassunti per iscritto, saranno disponibili a metà gennaio 2004. Il parere di questi giovani sarà quindi a disposizione anche del panel dei cittadini del PubliForum «Ricerca su esseri umani». Con gli incontri «PubliTalk», per la prima volta TA-SWISS e le istituzioni associate cercano di registrare specificatamente le opinioni dei giovani. Maggiori informazioni sono disponibili all’indirizzo www.ta-swiss.ch: PubliTalk: 24.11.2003 Realgymnasium Rämibühl, Zürich 02.12.2003 Scuola superiore in cure infermieristiche, Lugano 10.12.2003 Haute Ecole Professionnelle BEJUNE, Bienne Informazioni: Dr. Andrea Arz de Falco, Ufficio federale della sanità pubblica, tel. 031 323 31 06 Dr. Sergio Bellucci, TA-SWISS, Berna, tel. 031 322 996 e 079 312 93 73 Walter Grossenbacher, TA-SWISS, Berna, tel. 031 324 13 42 Dr. Rolf Marti, Lega cancro svizzera, tel. 031 389 91 45 Dr. Rosmarie Waldner, moderatrice PubliTalk, Zurigo, tel. 01 382 09 08

Ces informations peuvent également vous intéresser: