hotelleriesuisse

hotelleriesuisse: Calo nei pernottamenti del primo semestre 2009

Berna (ots) - Da gennaio a giugno 2009, i pernottamenti negli alberghi e stabilimenti di cura in Svizzera sono diminuiti del 7,4 percento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il calo è da attribuirsi alla recessione mondiale, alla situazione monetaria sfavorevole e alla crescente diffusione dell'influenza suina. Su questo sfondo, hotelleriesuisse s'impegna energicamente per il proseguimento del programma d'impulso della Confederazione. Il bilancio del primo semestre del 2009 corrisponde alle aspettative di hotelleriesuisse, con 17,1 milioni di pernottamenti, pari a una diminuzione del 7,4 percento. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, la domanda degli ospiti stranieri ha subìto un crollo notevolmente più incisivo (-9,4%) della domanda degli svizzeri (-4,6%). Il mese di giugno risulta nettamente al di sotto del calo medio del primo semestre 2009 con una diminuzione del 4,9 percento. I principali fattori d'influenza La diminuzione dei pernottamenti nel primo semestre 2009 è contraddistinta da vari fattori d'influenza. Da un lato, il 2008, anno di riferimento in cui si sono tenuti anche gli Europei di calcio, è stato uno dei migliori anni in assoluto. Dall'altro lato, sull'andamento dei pernottamenti pesano anche gli effetti della crisi economica mondiale, che porta con sé anche la sfavorevole situazione monetaria. Per esempio, i pernottamenti dei turisti del Regno Unito sono diminuiti in questo semestre del 20,7 percento. Sul fronte USA la diminuzione complessiva è del 14 percento. La forte contrazione dei pernottamenti di ospiti giapponesi (-13,4%) potrebbe essere dovuta alla crescente diffusione dell'influenza suina. È necessario proseguire con il programma d'impulso Con 15,6 miliardi di franchi di entrate generate dall'esportazione, il turismo è fortemente colpito dalla crisi economica mondiale. Stando alle previsioni di BAK Basel Economics, i pernottamenti dovrebbero diminuire del 6,7 percento nel corrente anno turistico. Anche per il 2010 si prevede un andamento negativo. Vi sono inoltre le conseguenze dell'influenza suina, attualmente difficili da prevedere. A fronte di questa situazione, il settore turistico esorta la Confederazione, nell'ambito delle misure di stabilizzazione congiunturali, a proseguire il programma d'impulso per la promozione del settore, sostenendo il turismo svizzero con ulteriori mezzi. Con essi Svizzera Turismo potrà nuovamente adottare nel 2010 misure per l'incentivazione della domanda nei mercati target selezionati. Per questo motivo hotelleriesuisse si impegna in prima linea per la prosecuzione del programma d'impulso nel 2010. Vincitori e vinti I pernottamenti hanno subìto variazioni notevolmente diverse a seconda delle stelle. Gli alberghi a 5 stelle hanno registrato le maggiori perdite rispetto all'anno precedente, con una perdita del 15,9 percento. Gli alberghi a 4 stelle hanno constatato una diminuzione dell'8,8 percento. Nonostante questo calo, la categoria dei 4 stelle vanta tuttora i risultati migliori, con un'occupazione media delle camere pari al 55,4 percento. Anche gli sviluppi nelle varie regioni sono estremamente diversi. La Regione alpina (Grigioni, Oberland bernese, Svizzera centrale, Ticino e Vallese) ha subìto nel primo semestre del 2009 un calo dei pernottamenti del 7,4 percento rispetto allo scorso anno e pertanto si trova leggermente al di sotto del livello del 2006. Le Grandi città (Basilea, Berna, Ginevra, Losanna e Zurigo) hanno registrato una diminuzione superiore rispetto alla Regione alpina (-7,8%) tuttavia grazie alla forte crescita degli ultimi anni restano ancora per un 2,2 percento al di sopra del livello del 2006. Sia nella Regione alpina sia nelle Grandi città, gli alberghi a 3 stelle sono quelli che hanno subìto le perdite minori (rispettivamente -7,4% e -5,3%). Questo sviluppo rispecchia la tendenza dei turisti, che a causa della crisi economica privilegiano le categorie più basse. ots Originaltext: hotelleriesuisse Internet: www.presseportal.ch Contatto: hotelleriesuisse Thomas Allemann Responsabile Economia e Diritto Tel.: +41/31/370'43'36 Mobile: +41/79/607'72'91 E-Mail: thomas.allemann@hotelleriesuisse.ch Susanne Daxelhoffer Responsabile del progetto Comunicazione Tel.: +41/31/370'42'86 Mobile: +41/79/270'48'28 E-Mail: susanne.daxelhoffer@hotelleriesuisse.ch E-Mail: kommunikation@hotelleriesuisse.ch

Ces informations peuvent également vous intéresser: