VSG / ASIG

Accesso alla rete semplificato per i grandi clienti
Vendita di gas naturale inferiore al 2010

Accesso alla rete semplificato per i grandi clienti / Vendita di gas naturale inferiore al 2010
Biogas per i vehicoli della posta. Fotografia Erdgas Zürich AG / Testo complementare con ots e su www.presseportal.ch. L'utilizzo di quest'immagine gratuito per scopi redazionali. Pubblicazione sotto indicazione di fonte: "ots.photo/VSG / ASIG".

Zurigo (ots) - In occasione dell'Assemblea generale tenutasi a Berna, i fornitori svizzeri di gas naturale hanno approvato una convenzione, che consente ai grandi consumatori industriali di far transitare nella rete svizzera, in base a regole unitarie, gas naturale acquistato presso fornitori terzi nell'ambito delle possibilità offerte dalla legge. In base ai dati dell'Associazione Svizzera dell'Industria del Gas (ASIG), l'anno scorso la vendita di gas naturale in Svizzera ha sfiorato i 34,5 miliardi di chilowattora (kWh). La flessione delle vendite dell'11% circa rispetto al 2010, anno record, è riconducibile alle condizioni meteorologiche nettamente più miti.

«Per i fornitori svizzeri di gas naturale è importante che questi transiti non compromettano la stabilità della rete né la sicurezza dell'approvvigionamento dei clienti svizzeri», ha dichiarato il presidente dell'ASIG Hajo Leutenegger. «Inoltre non devono penalizzare espressamente altre categorie di clienti.» I circa 90 fornitori locali e regionali di gas naturale della Svizzera avevano incaricato l'associazione di categoria di elaborare una convenzione con i rappresentanti dell'industria, da sottoporre a decisione definitiva. Alle trattative ha partecipato anche l'Ufficio federale dell'energia. La convenzione, che entrerà in vigore all'inizio del prossimo anno termico, il 1° ottobre 2012, si applicherà ai grandi consumatori industriali con una capacità di allacciamento di almeno 200 metri cubi di gas naturale all'ora. A partire dal 1° agosto, la documentazione e le tariffe saranno consultabili all'indirizzo www.ksdl-erdgas.ch .

In Svizzera, finora, pur essendo legalmente possibile, l'accesso alla rete del gas naturale era disciplinato solo marginalmente. Non esiste una legge speciale, come quella applicabile ad esempio all'energia elettrica. Per i consumatori industriali, la situazione era insoddisfacente dal momento che per loro l'energia di processo è un importante fattore di costo, che presuppone una strutturazione ottimale in funzione dei bisogni individuali. Per questo motivo i gestori della rete e i grandi clienti cercavano una soluzione di comune accordo sotto forma di convenzione, che fosse accettata anche dalle autorità federali.

Più clienti del gas naturale

Nel 2011 la vendita di gas naturale in Svizzera si è attestata su 34'498 gigawattora, l'11,3% in meno rispetto all'anno precedente. Ciò è riconducibile prevalentemente alle condizioni meteorologiche più miti (numero di gradi giorno -18,1%). Grazie ad ampliamenti della rete, a una dozzina di nuovi Comuni allacciati e a nuovi clienti, il gas naturale è riuscito a estendere e consolidare ulteriormente la sua presenza sul mercato svizzero dell'energia. Il biogas, vettore energetico con un bilancio neutro di CO2 utilizzato come carburante e sempre più anche come energia per il riscaldamento, è sempre più apprezzato. Dopo il previsto abbandono del nucleare, la produzione decentralizzata di elettricità con il gas naturale in impianti di cogenerazione locali per la produzione combinata di calore ed elettricità è destinata a diventare un nuovo pilastro della politica energetica.

Oltre 10'000 veicoli a gas naturale

Nel 2011, il numero di veicoli a gas naturale è salito a 10'300. Oggi la rete di stazioni di rifornimento in Svizzera conta 132 distributori. Nel 2011 ha segnato un aumento anche la vendita di gas naturale e biogas come carburante, il cui volume corrisponde a circa 22,5 milioni di litri di benzina. La quota di biogas si attesta sul 21%.

Gas naturale soprattutto dall'Europa occidentale

Il gas naturale acquistato proviene per circa due terzi dalle aree di estrazione nell'UE e in Norvegia. I quantitativi restanti sono estratti in regioni più lontane, come la Russia o il Nord Africa. La Svizzera acquista circa la metà del suo gas naturale in base a contratti di importazione a lunga scadenza con grandi fornitori in Germania, nei Paesi Bassi, in Francia e Italia, che gestiscono anche importanti impianti di stoccaggio sotterranei. Per la quota restante sono sottoscritti contratti a breve e brevissima scadenza. Non sono stati conclusi contratti con fornitori russi. Swissgas, il principale importatore, partecipa attivamente all'estrazione del gas naturale norvegese con i suoi partner tedeschi e austriaci.

Nuovo membro del Consiglio di amministrazione

L'Assemblea ha inoltre eletto un nuovo membro del Consiglio di amministrazione: Hans-Kaspar Scherrer, presidente della direzione di IBAarau.

Contatto:

Daniel Bächtold
Portavoce ASIG
Tel.: +41/44/288'32'62
E-Mail: baechtold@erdgas.ch



Plus de communiques: VSG / ASIG

Ces informations peuvent également vous intéresser: