SYNA

I delegati del Syna rivendicano più protezione nei casi di licenziamenti di massa - Assemblea dei delegati del Syna, Olten, 26 giugno 2004

    Olten (ots) - Il Syna, il terzo sindacato svizzero, ha approvato, nell'assemblea di sabato 26 giugno ad Olten, una risoluzione che rivendica maggiore protezione di tutti i lavoratori nei casi di licenziamenti di massa.

    Per la protezione dei succitati lavoratori, il Syna chiede un consistente inasprimento delle norme di legge e in particolare, per la classe lavoratrice, il diritto ad un piano sociale obbligatorio che garantisca una copertura finanziaria minima. Inoltre, in futuro devono essere maggiormente protetti i lavoratori inabili al lavoro o prossimi al pensionamento, sui quali incombe la minaccia di licenziamento. In Svizzera meno del 50% di tutte le lavoratrici e lavoratori sottostanno allo scudo protettivo del contratto collettivo di lavoro. È quindi ora di proteggere tutti i lavoratori che sono minacciati dalle chiusure aziendali o dalle delocalizzazioni delle imprese. A tal fine, il sindacato Syna si appella alla politica e alle parti sociali affinché siano migliorati i diritti delle maestranze, e siano elaborate in ogni ramo professionale soluzioni atte a favorire il pensionamento anticipato.

    I delegati del Syna hanno evidenziato anche gli effetti negativi che provoca l'esclusione dal mercato del lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori senza alcun genere di protezione sociale.

    Si all'assegno perdita di guadagno per maternità!

    I circa 150 delegati del Syna si sono schierati compatti dietro la risoluzione che rivendica l'estensione dell'assegno perdita di guadagno in caso di maternità. A parere del Syna, la soluzione di estendere il campo d'applicazione dell'assegno per perdita guadagno alle donne in maternità è un atto dovuto, non più rinviabile. È ora, infatti, che la revisione della Legge sugli assegni per perdita guadagno - che andrà in votazione il 26 settembre prossimo - riconosca a tutte le donne con un'attività lucrativa il diritto a 14 settimane di congedo dal momento del parto, affinché posano riprendersi dallo strapazzo fisico e affrontare la situazione di vita assolutamente inedita determinata dalla nascita del bambino, senza doversi confrontare anche con problemi di natura finanziaria.

    Si alla revisione della Legge sulla cittadinanza!

    Con decisione unanime, i delegati del Syna hanno detto SI anche ai due decreti per la naturalizzazione agevolata dei cittadini stranieri. I giovani stranieri della seconda generazione sono cresciuti in Svizzera e sono stati scolarizzati nel nostro Paese. Questi giovani sono pienamente integrati nella nostra società e si sentono svizzeri nel cuore: occorrono facilitazioni affinché lo siano anche sulla carta.

    L'assemblea dei delegati del Syna e la Commissione nazionale lavoratori e lavoratrici immigrati del Syna dicono "SI" alla revisione della legge sulla cittadinanza e lanciano un appello alla popolazione svizzera affinché sostenga con il voto le modifiche proposte.

    Queste risoluzioni sono a vostra disposizione sul sito www.syna.ch

ots Originaltext: Syna
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Franco Narducci
Mobile: +41/78/740'49'73 (italiano)

Eric Favre
Mobile: +41/79/633'42'93 (francese)

Max Haas
Mobile: +41/79/646'90'62 (tedesco)



Plus de communiques: SYNA

Ces informations peuvent également vous intéresser: