Baselworld / MCH Group

BASEL 2002 festeggia il suo 30° anniversario come evento clou del settore dell'orologeria e della gioielleria

    Basilea (ots) - BASEL, il Salone Mondiale dell'Orologeria e della Gioielleria, ha festeggiato il  30° anniversario rafforzando ulteriormente il suo ruolo di evento di primaria importanza nel settore degli articoli di lusso. I 2.195 espositori di 40 paesi si congedano dai loro 82.500 visitatori l'11 aprile dopo 8 giorni frenetici, ma estremamente fruttuosi. Nonostante il rallentamento generale dell'economia globale e  una situazione commerciale difficile nel primo trimestre, la maggior parte degli espositori ha ricevuto un numero maggiore di ordini durante BASEL 2002 ed è fiduciosa che, nella seconda metà del 2002, le condizioni di mercato miglioreranno.

    Parlando a nome dell'organizzazione di BASEL, René Kamm, Direttore Generale Manifestazioni Globali, ha dichiarato che tutti gli indicatori denotano una maggiore fiducia nei prossimi mesi. «Il nuovo concetto di design che abbiamo introdotto quest'anno, in particolare nei padiglioni prestige, ha generato l'ambiente ideale per condurre gli affari», ha affermato René Kamm. «Sono sicuro che, permettendo agli espositori di presentare in modo più efficace le loro ultime creazioni e collezioni di maggior successo, abbiamo creato un clima in cui il commercio può prosperare e i risultati di BASEL 2002 lo confermano.»

    «BASEL è anche diventata un polo d'attrazione per i media internazionali. Quest'anno è stato raggiunto il record di 1.966 rappresentanti dei media provenienti da tutti i continenti che hanno visitato il Salone Mondiale -nei confronti degli 1.500 dell'anno scorso. Il crescente interesse dei media per la nostra piattaforma offre anche ai nostri espositori ulteriore attenzione e risonanza da parte della stampa.»

    Mercati globali

    La tendenza verso il consolidamento ha fatto registrare nel 2001
meno fusioni e acquisizioni nel settore dell'orologeria e della
gioielleria che negli ultimi 10 anni. Questa prudenza sul mercato
riflette l'attuale situazione economica in cui le aziende
preferiscono acquisire quote di mercato attraverso la crescita
organica piuttosto che le acquisizioni. La tendenza continua a
manifestarsi nella diversificazione dei marchi di orologeria nel
settore della gioielleria e viceversa, fenomeno delineatosi l'anno
scorso.        

    Parlando delle condizioni dell'industria orologiaria svizzera, Hugues-Olivier Borès, Presidente del Comitato Espositori Svizzeri di BASEL, ha dichiarato che le condizioni commerciali nel primo trimestre del 2002 sono state difficili, ma le prospettive per il resto dell'anno sono più rosee.

    «Vi è un consenso generale a livello internazionale sul fatto che si stanno delineando i segnali iniziali della ripresa prevista nella seconda metà del 2002», ha affermato. Mentre gli U.S.A. restano il principale consumatore straniero di prodotti svizzeri di orologeria, Borès ha osservato che Hong Kong, il polo asiatico, sta rapidamente colmando il divario.

    Per i produttori di orologeria e gioielleria in tutto il mondo, l'ingresso della Cina nell'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) rappresenterà inoltre opportunità senza precedenti e una grande sfida nei prossimi anni. La domanda di articoli di lusso d'alta qualità, in particolare di quelli dei più prestigiosi marchi europee, è concentrata nelle maggiori aree urbane in Cina, con una base potenziale di 180 milioni di clienti. Questo, unitamente a un tasso di crescita annuale nel settore del 6,4%, significa che il valore del mercato per orologeria, gioielleria e attrezzature produttive dovrebbe aumentare da 13,3 miliardi di dollari U.S.A. nel 1999 a 23,4 miliardi di dollari U.S.A. nel 2010.

    Le reazioni delle aziende

    Gli espositori di BASEL 2002 sono generalmente ottimisti sulle condizioni di mercato, in particolare nel segmento superiore degli orologi e dei gioielli di lusso. Vi è consenso generale che, nonostante  la recente depressione, si registrano segnali incoraggianti di ripresa del mercato, con tutti gli indicatori per il 2002 che fanno prevedere una seconda metà dell'anno più positiva e condizioni commerciali particolarmente favorevoli nel 2003. Marco Mantovani, Presidente di Locman Italia, sostiene che gli ordini sul mercato nazionale ed estero sono sostanzialmente aumentati rispetto all'anno scorso e anche negli U.S.A. si delineano segnali di ripresa dell'economia. Manfried Güntsch, Direttore Esecutivo  del Comitato Espositori Tedeschi, ha dichiarato che gli affari a BASEL sono andati meglio del previsto, generando ottimismo nonostante le attuali condizioni dell'economia nazionale tedesca.

    Andrea Visconti, Presidente e titolare di Giorgio Visconti, ha sintetizzato l'atmosfera di ottimismo generale tra gli espositori nel settore della gioielleria. «Abbiamo avuto una manifestazione di grande successo, in particolare  nel segmento superiore del mercato», ha affermato Visconti, «con tutti gli indicatori che fanno prevedere una fine d'anno positiva.»

    Maggior spazio per gli espositori

    Quest'anno gli espositori hanno occupato 95.197 mq (il 4% in più rispetto all'anno scorso), ampliando lo spazio utilizzabile al massimo della capacità grazie all'uso di stand a 2 e 3 piani. Anche se la domanda continua a superare l'offerta, la direzione di BASEL ha ridotto il numero di espositori rispetto all'anno scorso da 2.300 a 2.195, riflettendo il desiderio di mantenere e migliorare la qualità della manifestazione.

    Riducendo il numero degli espositori, lo spazio medio per stand è aumentato di ben il 9% per espositore, garantendo un ambiente espositivo molto più confortevole per tutti. Tra gli ulteriori progressi figurano una riprogettazione e riorganizzazione dei padiglioni prestige in un'area davvero rappresentativa dei marchi di gioielleria di lusso presentati.

    Nonostante questo programma di cambiamento sostanziale, lo spazio continua a rappresentare un tema centrale per BASEL. Lo spostamento annunciato dei Padiglioni Country  in un nuovo, moderno centro espositivo a Zurigo nel 2003, come ha ammesso Jacques Duchêne, Presidente del Comitato Espositori di BASEL, «è stata una delle decisioni più difficili e contrastate che abbiamo dovuto prendere ed è il risultato diretto delle pressioni continue subite dalla direzione per fornire un più ampio spazio espositivo, strutture d'alto livello e una maggiore capienza alberghiera». I benefici che derivano dall'aggiunta di altri 16.000 mq di spazio espositivo superano comunque di gran lunga gli svantaggi.

    Tendenze d'acquisto

    A sovvertire le aspettative, i volumi d'ordine sono stati simili all'anno scorso, con il segmento superiore del mercato particolarmente immune alle influenze esterne. In periodi di incertezza, i consumatori si sono rivolti verso prodotti più costosi, con un maggiore valore personale e finanziario intrinseco. Questo atteggiamento è stato caratterizzato da una predilezione per articoli a caratura più elevata e una maggiore popolarità dei diamanti colorati e delle pietre preziose nei toni pastello.

    Sono stati registrati interessanti cambiamenti demografici nelle abitudini di acquisto dei consumatori, ad esempio: - il recente aumento nell'acquisto di articoli per la propria persona. Se in passato gli articoli di lusso venivano acquistati per regalarli, oggi è altrettanto probabile che le persone acquistino per sé; - la sostanziale diminuzione nell'età media dei consumatori che acquistano articoli di lusso, riflesso di una maggiore distribuzione della ricchezza tra i giovani; - l'aumento nella percentuale di donne che acquistano orologi e gioielli di lusso.

    Il Panel

    Nel 1985 è stato istituito un tribunale di arbitrato internazionale composto da esperti dell'industria e da consulenti legali  per giudicare le violazioni dei diritti di tutela commerciale nell'ambito di BASEL. Il Comitato di Esperti, come è noto,  si incontra dietro richiesta degli espositori e dei non espositori e giudica casi di violazione dei marchi registrati o dei diritti brevettuali.

    Durante BASEL 2002, il Panel ha accertato e deliberato su 23 casi di violazione rispetto a 21 casi nel 2001 e 20 casi nel 2000. Se il problema delle imitazioni continua a rappresentare un grave problema nel settore, il salone BASEL è riuscito  a ridurre la falsificazione di questi marchi a un livello costantemente basso grazie a quest' organismo unico.

    BASEL Forum

    Il BASEL Forum, «The Future of Design: Designing the Future», ha fornito l'opportunità ai  responsabili delle principali aziende, ai guru dello stile e ai rappresentanti dei mass media di scambiarsi opinioni e di discutere delle tematiche e delle sfide nel settore.

    I tre oratori invitati, Tyler Brulé, Direttore Creativo di Wink Media e fondatore di Wallpapaer, Michael Hawley, professore di tecnologia dei Mass Media presso il M.I.T. di Boston e John Naisbitt, autore di Megatrends, hanno dato al pubblico spunti di riflessione sul rapporto tra tecnologia e design, in particolare con la teoria «High Tech - High Touch» o «tecnologia con un'anima» e le idee estremamente interessanti di Michael Hawley sui benefici sociali e sanitari del connubio tra tecnologia e articoli di lusso.

    Welcome Party

    La Welcome Party a BASEL ha attirato oltre 2.000 invitati al Centro Congressi di BASEL. La festa ha permesso ai visitatori di mescolarsi a designer e capitani d'industria in un ambiente informale e di godere di un intrattenimento di qualità eccellente.

    Il culmine della serata è stato rappresentato dal concerto di Lisa Stansfield che ha interpretato alcuni dei suoi maggiori successi, tra cui il recente «The Real Thing» Gli ospiti sono stati accolti anche da numeri acrobatici ricchi di colori e di esotismo e da un abbagliante spettacolo pirotecnico.

    Guardando al futuro

    Guardando verso il 2003, René Kamm ha dichiarato che la direzione di BASEL continuerà a offrire una piattaforma efficiente a espositori e acquirenti. Il nuovo concetto di design includerà l'ulteriore sviluppo di padiglioni prestige ad includere alcuni dei marchi più prestigiosi non ancora presenti a BASEL 2002 e creare una nuova, moderna sede espositiva a Zurigo per soddisfare la grande domanda di spazi e strutture più ampi da parte degli espositori.

    BASEL 2003 si terrà a Basilea e Zurigo (Hall of Universe) dal 3 al 10 aprile 2003.

ots Originaltext: BASEL 2002 / MCH Messe Basel AG
Internet: www.newsaktuell.ch

Contatto:
Herbert Siegert
PR-Coordinator
BASEL 2002
MCH Fiera di Basilea SA
casella postale
CH-4021 Basilea
Tel. +41/58/206-22-64
Fax  +41/58/206-21-90
E-mail: press@baselshow.com
Internet: www.baselshow.com

UK office:
Suzanna Hammond / Sharon Bryant
Hammond PR
31 Welbeck Street
London W1G 8ET
Tel. +44/20/7935-5404
Fax  +44/20/7935-5897
E-mail: basel@hammondpr.co.uk
Internet: www.baselshow.com



Plus de communiques: Baselworld / MCH Group

Ces informations peuvent également vous intéresser: