Schweizer Casino Verband / Fédération Suisse des Casinos

La legge sui giochi in denaro deve essere migliorata

Berna (ots) - In linea di principio il settore dei Casinò vede positivamente il messaggio approvato oggi dal Consiglio federale sulla legge sui giochi in denaro. Nel complesso il progetto di legge è stato migliorato rispetto al testo messo in consultazione. Però bisogna apportare ulteriori miglioramenti: l'offerta di gioco deve essere ampliata, le disposizioni sui giochi online devono entrare in vigore al più presto e il gioco illegale deve essere combattuta in modo energico.

Negli ultimi anni la pressione sui casinò svizzeri è aumentata in misura massiccia. Dal 2007 le cifre d'affari sono scese in modo continuo del 30% e si tratta di una tendenza persistente. I casinò svizzeri perdono ogni anno oltre 300 milioni di franchi di quote di mercato a vantaggio di casinò esteri su internet, bische illegali in Svizzera e sale da gioco estere vicine al confine. Come conseguenza, diminuiscono le cifre di affari dei casinò e le tasse elevate pagate all'AVS e ai Cantoni. Simultaneamente l'economia nazionale svizzera perde posti di lavoro qualificati. Questa perdita di clienti comporterà un aggiramento dei nostri programmi di prevenzione - i più severi del mondo - e delle norme per l'esclusione dal gioco e la protezione dei giovani.

La nuova legge sui giochi in denaro deve tenere conto di questi sviluppi, creando condizioni quadro competitive per i casinò svizzeri. Gli Svizzeri dovrebbero poter giocare nei casinò svizzeri, sicuri e sorvegliati, e non utilizzare le offerte estere o senza nessun controllo. Solo così le misure preventive svizzere possono essere applicate e i ricavi e le imposte rimangono in Svizzera.

Attualmente i casinò svizzeri possono offrire solo una gamma molto limitata di giochi. Per di più non possono offrire nemmeno un gioco online. In questo senso il progetto di legge va nella direzione giusta: Inoltre si vuole abolire il divieto dei giochi online e secondo le nuove norme i giochi da casinò sono giochi ai quali può partecipare una cerchia di persone strettamente limitata (da 1 a 1000 partecipanti per gioco).

Però anche in futuro i casinò non potranno offrire tutti i giochi ammessi in Svizzera. In particolare non potranno organizzare giochi di destrezza né vendere, per incarico delle società delle lotterie, prodotti di lotterie o scommesse sportive (che invece si possono acquistare in qualsiasi chiosco). Non si vede la ragione di una tale restrizione, dato che le prescrizioni vigenti per i casinò in materia di protezione sociale sono le più severe.

Il divieto dei giochi online dovrebbe decadere soltanto con l'entrata in vigore della nuova legge, al più presto nel 2019. Considerata la velocità con cui si evolvono le attività online, si tratta di un termine troppo lungo. Per di più, bisogna combattere senza compromessi i giochi illegali. A questo riguardo il progetto di legge si ferma a metà strada.

Nell'avanprogetto messo in consultazione si prevedeva di consentire a terzi al di fuori dei casinò di organizzare tutti i generi possibili e immaginabili di tornei di giochi in denaro (p.es. tornei di Black Jack). I casinò svizzeri vedono positivamente il fatto che nel messaggio del progetto di legge adesso ci si limiti ai tornei di poker organizzati non a titolo professionale e con puntate e vincite di piccola entità.

Ora il ramo dei casinò esaminerà attentamente il progetto di legge esprimendo in un secondo tempo il proprio parere dettagliato.

Contatto:

Christophe Darbellay, presidente della Federazione Svizzera dei
Casinò, tel. 079 292 46 11
Marc Friedrich, direttore della Federazione Svizzera dei Casinò,
tel. 079 279 39 62