economiesuisse

economiesuisse - Protezione del clima: proseguire sulla via del successo

Zürich (ots) - economiesuisse saluta il ritiro dell'iniziativa sul clima

Oggi il Comitato promotore dell'iniziativa popolare «Per un clima sano» ha annunciato il ritiro del progetto. Quest'ultimo esigeva una riduzione del 30% delle emissioni di CO2 entro il 2020, e questo unicamente grazie a misure messe in atto su suolo svizzero. economiesuisse accoglie favorevolmente il ritiro dell'iniziativa, visto che i suoi obiettivi erano irrealistici - soprattutto da un punto di vista dei tempi - anche se fossero state prese misure drastiche e costose per l'economia.

La protezione del clima resta comunque una priorità. L'economia si assume le sue responsabilità ed è pronta a proseguire sull'attuale via. Soltanto grazie alle misure messe in atto - in particolare quelle realizzate nell'ambito dell'Agenzia per l'energia dell'economia, della convenzione nell'industria del cemento - e della Fondazione Centesimo per il clima - la Svizzera potrà raggiungere gli obiettivi del Protocollo di Kyoto e adempiere le esigenze della nuova legge sul CO2. Entro il 2012 l'economia avrà ridotto le proprie emissioni annuali di CO2 di 5 milioni di tonnellate.

La scelta di ricorrere a delle misure volontarie e flessibili basate sull'economia di mercato ha dato i suoi frutti. Il Parlamento auspica che questo sia preso in considerazione durante l'elaborazione dell'ordinanza relativa alla rivista legge sul CO2. Questa ordinanza deve autorizzare la compensazione di emissioni in Svizzera e all'estero, attraverso il sistema di certificati di emissione dell'UE. Conviene inoltre mantenere la possibilità per le imprese di farsi esentare dalla tassa sul CO2, attuando volontariamente delle misure efficaci.

Contatto:

Angelo Geninazzi, Responsabile economiesuisse per la Svizzera 
italiana
Telefono : 079 383 79 13
Courriel : angelo.geninazzi@economiesuisse.ch


Ces informations peuvent également vous intéresser: