economiesuisse

economiesuisse - L'innovazione al servizio dell'ambiente
La Giornata dell'economia si è svolta a Zurigo-Oerlikon sotto il segno dell'economia verde

Zürich (ots) - La Giornata dell'economia di economiesuisse era improntata quest'anno sul tema «Sfide ecologiche: l'economia svizzera all'avanguardia». Secondo Gerold Bührer, Presidente di economiesuisse, le imprese hanno dimostrato che, grazie alle nuove tecnologie, sono in grado di proporre soluzioni per fronteggiare le sfide legate all'ambiente. Rolf Soiron, Presidente del Consiglio d'Amministrazione di Holcim e Lonza, ha indicato di opporsi alla costruzione di grandi centrali nucleari che utilizzano la tecnologia attuale, ma non a quella di centrali che utilizzano nuove tecnologie. La vice-Presidente del Consiglio federale Eveline Widmer-Schlumpf ha presentato le priorità definite dal Consiglio federale in materia di politica finanziaria e fiscale.

La crescita economica e la competitività non escludono il perseguimento di obiettivi ecologici, ha dichiarato nel suo discorso Gerold Bührer, Presidente di economiesuisse, di fronte ai rappresentanti dell'economia svizzera. Le prestazioni dell'economia svizzera mostrano chiaramente che sono possibili entrambe: con le sue riduzioni delle emissioni di CO2, l'economia ha contribuito in ragione dell'80% al raggiungimento degli obiettivi di Kyoto fissati per l'insieme della Svizzera. Questo sistema volontario si è rivelato efficace. Affinché le imprese possano continuare a gestire la propria attività in un contesto favorevole all'innovazione, lo Stato deve concentrarsi sulla ricerca di base, su buone condizioni per la ricerca e l'innovazione e sul trasferimento delle tecnologie.

Sostenere gli interventi della Banca nazionale Nella sua valutazione sulla situazione economica generale, Gerold Bührer si è detto convinto che la pressione sul franco svizzero, che risulta dalla crisi dell'indebitamento da una parte e dall'altra dell'Atlantico, rimarrà forte. A causa della situazione straordinaria in cui si trova la Svizzera, il presidente di economiesuisse saluta gli interventi della Banca nazionale. «Un ancoraggio durevole all'euro non rappresenta tuttavia una soluzione», ha dichiarato. In materia di politica economica, egli chiede una diminuzione dei costi imposti dallo Stato alle imprese e un rafforzamento della competitività e preconizza pertanto di lasciar maggiormente agire i meccanismi del mercato, di diminuire la fiscalità delle imprese, di incrementare l'innovazione e di ridurre le regolamentazioni. Egli ha inoltre sottolineato nel proprio discorso l'importanza degli accordi bilaterali con l'Unione europea. Gerold Bührer è persuaso che «la via bilaterale con l'UE sia determinante per la Svizzera in quanto piazza industriale». La libera circolazione delle persone ne costituisce un elemento: è pertanto importante difenderla e punire gli abusi.

Rolf Soiron, Presidente del Consiglio d'Amministrazione di Holcim e Lonza, ha indicato nel suo discorso che l'economia e la sostenibilità non si escludono a vicenda. «I processi realmente durevoli hanno una probabilità, a condizione che siano incentivati da sistemi autoregolati», ha dichiarato Rolf Soiron prima di mettere in guardia contro piani centralisti e cataloghi di prescrizioni. Egli ritiene inoltre che sia necessario ripensare le sovvenzioni a lungo termine. Rolf Soiron opta per la verità dei costi e la diversificazione. Quest'ultimo elemento implica anche l'integrazione in un sistema energetico europeo molto aperto. Per quanto concerne le grandi centrali nucleari, l'ospite d'onore della Giornata dell'economia si è espresso contro la costruzione di nuove centrali che utilizzano la tecnologia attuale, ma a favore di quelle che utilizzano le nuove tecnologie nucleari. Ciò potrebbe aprire nuove prospettive interessanti.

Tre priorità di politica finanziaria e fiscale La vice-Presidente del Consiglio federale Eveline Widmer-Schlumpf ha dichiarato, all'inizio del proprio intervento, che la Svizzera detiene una posizione vantaggiosa per quanto concerne la politica finanziaria ed economica. Bisogna considerare seriamente gli oneri prevedibili e le importanti incertezze a livello mondiale. Per questo motivo il Consiglio federale ha stabilito tre priorità. In primo luogo, occorre gestire la crisi finanziaria con i principali partner economici. In secondo luogo, si tratta di mantenere e di ampliare i margini di manovra della politica finanziaria. In terzo luogo, occorre identificare prima possibile le evoluzioni future e prevenirle. Stabilire delle regole finanziarie per garantire le assicurazioni sociali a lungo termine è un mezzo per farlo.

Le politiche ambientali, energetiche e climatiche sono state al centro delle discussioni della tavola rotonda che ha riunito personalità di alto rango: Jasmin Staiblin, Presidente della Direzione di ABB Suisse, Lucas Bretschger, professore di macroeconomia e di economia delle risorse presso il Politecnico federale di Zurigo, Heinz Karrer, CEO d'Axpo Holding AG, e Hans-Peter Fricker, CEO del WWF Suisse.

Le foto della Giornata dell'economia saranno disponibili a partire dalle ore 16.00 circa sul sito: www.photopress.ch/image/Aktuell/August+11/economiesuisseTdW

Präsidialadresse von Gerold Bührer anlässlich des Tags der Wirtschaft 2011: http://bit.ly/Praesidialansprache_Tag_der_Wirtschaft_2011

Contatto:

Angelo Geninazzi
Responsabile economiesuisse per la Svizzera italiana
Telefono : 079 383 79 13
E-Mail : angelo.geninazzi@economiesuisse.ch



Plus de communiques: economiesuisse

Ces informations peuvent également vous intéresser: