economiesuisse

economiesuisse - Investire con efficienza
Panoramica sull'importanza delle infrastrutture in Svizzera

    Zürich (ots) - Le infrastrutture sono alla base del buon funzionamento dell'economia e della società e rappresentano dunque un fattore chiave per una piazza economica. Come attesta lo studio di economiesuisse, la Svizzera beneficia di ottime infrastrutture nel confronto internazionale. Tuttavia, alcuni paesi stanno ricuperando il loro ritardo. La puntuale modernizzazione delle infrastrutture, il loro finanziamento secondo criteri trasparenti e la promozione di elementi che favoriscono la concorrenza rivestono grande importanza per il successo a lungo termine della Svizzera.

    A partire dagli anni novanta le infrastrutture sono in piena evoluzione in tutti i settori e in tutto il mondo. Secondo Pascal Gentinetta, Direttore di economiesuisse, l'attrattività della piazza economica è determinata dalla qualità delle infrastrutture e non dalla quantità. In prospettiva dello sviluppo delle reti, bisogna vegliare a mantenere un buon rapporto prezzo-prestazione. Così, nei settori in cui gli utenti non possono pagare un prezzo che copra i costi, occorre fissare dei limiti al finanziamento delle infrastrutture da parte dello Stato, sia per quanto riguarda la costruzione sia per quanto riguarda l'utilizzo. A questo proposito lo spostamento dei fondi destinati alle infrastrutture verso l'ambito sociale pone diversi problemi. Occorre trovare una soluzione.

    La politica in materia d'infrastruttura deve inoltre affrontare altre sfide. Da una parte, si tratta di soddisfare bisogni crescenti con risorse limitate, dall'altra la Svizzera deve mantenere il proprio vantaggio competitivo  in termini di qualità delle infrastrutture. «Secondo economiesuisse, occorre creare trasparenza e dare un orientamento basato su criteri chiari e uniformi. Inoltre, bisogna privilegiare gli investimenti più redditizi dal punto di vista dell'economia pubblica», ha spiegato Dominique Reber, membro della Direzione. Con questo studio, economiesuisse traccia una panoramica generale. Le conclusioni tratte, sotto forma di raccomandazioni e di linee direttive generali, devono servire da bussola in materia di politica infrastrutturale.

    Gli ambienti economici sono soprattutto preoccupati per quanto concerne il finanziamento dei trasporti. Il sistema attuale è troppo complicato per essere efficiente. L'utilizzo delle risorse è complesso e l'importo trasferito dalla strada alla ferrovia (quasi 2 miliardi di franchi all'anno) molto elevato. economiesuisse chiede che il sistema di finanziamento dei trasporti venga radicalmente semplificato. Secondo Hanspeter Rentsch, Presidente della Commissione delle infrastrutture, il «Mobility Pricing» è una buona strategia: «L'abbandono del sistema del finanziamento attuale a favore di un reale Mobility Pricing che integri la strada e la ferrovia sarebbe interessante a lungo termine». economiesuisse si oppone tuttavia all'introduzione del Mobility Pricing, come proposto dalla Confederazione: l'introduzione di una tassa supplementare sulla strada allo scopo di finanziare i trasporti pubblici non farebbe che rincarare i trasporti e diminuire ulteriormente la trasparenza del sistema.

    Le infrastrutture in materia di elettricità costituiscono un altro capitolo importante dello studio. Rudolf Hug, Presidente della Commissione dell'energia e dell'ambiente, ha dichiarato a tale proposito che «la sicurezza dell'approvvigionamento è primordiale e che occorre dunque trovare una soluzione equa per quanto concerne le tariffe relative all'utilizzo della rete.» L'approvvigionamento sicuro, vantaggioso e rispettoso dell'ambiente è diventato una corsa contro il tempo. Nei prossimi decenni saremo probabilmente confrontati a penurie. La Svizzera non ha attualmente una soluzione per affrontare la penuria energetica durante il semestre invernale, dal momento che i suoi impianti di produzione non hanno una capacità sufficiente. Anche in futuro, l'approvvigionamento elettrico potrà essere garantito solo grazie all'utilizzo congiunto delle energie rinnovabli e dell'energia nucleare.

    * Definizione "Mobility Pricing": sostituto delle attuali tasse su strada e ferrovia che viene introdotto per tutti i vettori di trasporto e che rispetta il principio di causalità.

Contatto: Angelo Geninazzi Telefono: 091 922 82 12 angelo.geninazzi@economiesuisse.ch