economiesuisse

economiesuisse - L'obiettivo di Kyoto raggiungibile grazie al centesimo per il clima

      Zurigo (ots) - Il businessplan della Fondazione Centesimo per il
Clima presentato oggi dalla Confederazione è un esempio eccellente
di protezione efficace del clima. Grazie a questo modello la
Svizzera potrà osservare i suoi impegni presi nell'ambito del
protocollo di Kyoto. Anche in altri paesi questo approccio è di
riferimento per la futura protezione del clima.

    Con l'odierna presentazione del businessplan, la Fondazione Centesimo per il Clima ha provato in poco tempo come funzioni un'efficace protezione del clima. Invece di un costoso esercizio di ridistribuzione all'interno del paese, i mezzi finanziari vanno destinati in gran parte dove si ottengono i risultati migliori per ogni franco speso. Questo modello permette alla Svizzera di realizzare l'ambizioso obiettivo di ridurre dell'8 per cento, entro il 2012, la produzione di gas ad effetto serra rispetto al 1990. Senza il centesimo per il clima la Svizzera non potrebbe mantenere i propri impegni nei confronti della comunità internazionale.

    Per quanto concerne la protezione del clima e dell'ambiente, la Svizzera si situa tra i principali paesi del mondo. La produzione di gas ad effetto serra è di circa la metà rispetto alla media degli Stati dell'UE. Con un livello decisamente basso di emissioni di CO2 per unità di Prodotto interno lordo, la Svizzera figura tra i paesi con la migliore efficienza energetica. Con questa positiva situazione di partenza, la Svizzera può contribuire in maniera efficace alla protezione globale del clima, nella misura in cui investe maggiormente nei paesi in via di sviluppo e in quelli emergenti. Molti altri paesi e gli stessi Stati federali americani seguono l'esempio della Svizzera e intensificano il commercio dei certificati d'emissione. Ciò potrebbe rivelarsi, a lungo termine, la misura più importante per la protezione globale del clima.

Per ulteriori informazioni: Urs Näf Telefono: 076 330 25 56 urs.naef@economiesuisse.ch



Plus de communiques: economiesuisse

Ces informations peuvent également vous intéresser: