Pro Senectute

Un'economia domestica composta da pensionati su tre che beneficia di prestazioni complementari non è in grado di pagare la pigione

Zurigo (ots) - Per più di 40 000 economie domestiche beneficiarie di prestazioni complementari il minimo esistenziale non è più garantito. Il motivo non è tanto la speculazione edilizia, bensì i massimali delle spese di pigione insufficienti previsti nel quadro delle prestazioni complementari. Per coprire il deficit, gli anziani colpiti dal problema risparmiano su cibo, abbigliamento e attività sociali oppure si indebitano.

Le prestazioni complementari (PC) sono parte integrante del 1° pilastro del sistema svizzero di previdenza per la vecchiaia. Questi sussidi dovrebbero permettere agli anziani che percepiscono una rendita eccessivamente bassa di condurre una vita dignitosa e senza difficoltà finanziarie. Un principio corretto nella teoria, ma che non sempre trova applicazione pratica. Nel 2015, 197 417 pensionati hanno percepito prestazioni complementari all'Assicurazione vecchiaia. Di questi, 122 906 vivevano in un'abitazione in affitto. Ciononostante, oltre 40 000 economie domestiche beneficiarie di PC non sono riuscite a pagare l'affitto con gli importi massimi disponibili per le spese di pigione. Per beneficiari di PC che vivono soli, l'importo forfetario massimo riconosciuto per la pigione al lordo spese comprese è di 1'100.-- franchi, mentre per i coniugi l'importo è di 1'250.-. Osservando i costi di alloggio in Svizzera risulta evidente come le pigioni in tutti i cantoni, eccetto Giura e Neuchâtel, siano nettamente superiori ai massimali riconosciuti nelle prestazioni complementari. In testa alla classifica dei costi si collocano Zugo, Svitto, Zurigo, Nidvaldo e Ginevra. Come dimostrano anche le consulenze sociali di Pro Senectute, un terzo delle circa 42 000 consulenze condotte ogni anno verte su questioni attinenti alle finanze o agli alloggi.

Poveri a causa della pigione? La soluzione ci sarebbe.

«La povertà in anzianità è e rimane un problema», così commenta le cifre sopra esposte Werner Schärer, Direttore di Pro Senectute Svizzera. « La povertà degli anziani indotta da determinate situazioni abitative è sempre più preoccupante. Sappiamo di casi, in cui pensionati ancora in gamba si sono trasferiti in un istituto non potendosi più permettere di pagare l'affitto.»

Una soluzione ci sarebbe: già nel 2014 il Consiglio federale ha presentato una proposta per l'adeguamento degli importi massimi per le spese di pigione previsti nel quadro delle prestazioni complementari. I massimali sono invariati dal 2001, sebbene negli ultimi 15 anni le pigioni siano aumentate mediamente del 20 per cento. Il progetto, però, è attualmente bloccato a Berna.

Pro Senectute coglierà l'occasione della giornata internazionale degli anziani, in programma il 1° ottobre, per attirare l'attenzione sulla precarietà delle condizioni finanziarie di molte persone anziane. Su www.prosenectute.ch/it sono disponibili grafici nonché cifre e fatti sull'evoluzione delle prestazioni complementari e delle spese di pigione in Svizzera.

Contatto:

Pro Senectute Svizzera
Judith Bucher, responsabile media
Telefono: 044 283 89 57, 079 458 39 49
E-Mail: medien@pro-senectute.ch


Plus de communiques: Pro Senectute

Ces informations peuvent également vous intéresser: