Pro Senectute

Adeguare gli importi massimi computabili per la pigione; ad oggi sono 40'000 le persone anziane interessate

Zurigo (ots) - Pro Senectute lancia un appello al Consiglio nazionale affinché non rinvii al Consiglio federale il nuovo modello per il calcolo degli importi massimi computabili per la pigione. L'aumento dei forfait per l'affitto dagli attuali CHF 1'100.- è una questione esistenziale per il 29 per cento delle persone anziane che percepiscono le prestazioni complementari (PC). I suddetti importi per la pigione già oggi non coprono più le spese di locazione di oltre 40'000 persone che ricevono PC. Persone che devono attingere alle risorse del proprio sostentamento quotidiano per poter pagare l'affitto oppure contrarre debiti.

Gli importi massimi computabili per la pigione delle prestazioni complementari non vengono adeguati dal 2001. In questo periodo, però, la media degli affitti è salita del 20 per cento, e ancora di più negli agglomerati urbani. La Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale (CSSS-N) ha deciso a maggioranza a giugno di rinviare il modello al Consiglio federale. Tale decisione viene motivata indicando che l'adeguamento degli importi massimi per la pigione andrebbe trattato nel quadro della revisione totale della Legge federale sulle prestazioni complementari.

Secondo una richiesta di Pro Senectute Svizzera all'Ufficio federale delle assicurazioni sociali, già oggi più di 40'000 persone pensionate non riescono più a pagare l'affitto con i forfait in vigore oggi. Grazie alle nostre attività di consulenza sociale sappiamo che le e gli interessati attingono alle risorse del proprio sostentamento quotidiano per pagare l'affitto, oppure si indebitano.

Werner Schärer, direttore di Pro Senectute Svizzera, spiega: «Martedì il Consiglio nazionale ha la possibilità di applicare un cambiamento già da tempo necessario e dovuto. Il messaggio del Consiglio federale trasmesso al Parlamento lo scorso dicembre è un buon modello che rende possibili soluzioni molto rapide.»

Contatto:

Pro Senectute Svizzera
Peter Burri, Responsabile Marketing & comunicazione
Telefono: 044 283 89 43
E-mail: medien@pro-senectute.ch


Plus de communiques: Pro Senectute

Ces informations peuvent également vous intéresser: